Direttore responsabile Maria Ferrante − sabato 22 febbraio 2020 o consulta la mappa del sito
italialavorotv.it

Sponsor

PATRONATI ITALIANI NEL MONDO - SEGR. CGIL LANDINI : "LE FAMIGLIE CHE VEDONO I PROPRI FIGLI ANDARE ALL'ESTERO SONO TANTE. E' UN PROBLEMA SERIO!"

(2020-01-23)

  “Ci si preoccupa degli immigrati, ma mai degli emigrati. Le famiglie che vedono i propri figli andarsene all'estero sono tante, inizia a essere un problema serio”. A dirlo è il segretario generale della Cgil Maurizio Landini oggi all'Europarlamento di Bruxelles, il primo appuntamento promosso dall’Inca, insieme e all’associazione Itaca.

A diffondere  in diretta l'incontro del segretario generale della Cgil Maurizio Landini, insieme a Michele Pagliaro, presidente Inca, ed all'on. Migliorini (S&D) sull' ‘L’Europa sociale e del lavoro per chi emigra. Dalla tutela del diritto individuale al riconoscimento del diritto collettivo" è RadioArticolo1.

“Perdiamo competenze, intelligenze e quella forza propulsiva che solo le nuove generazioni hanno. In Italia e in Europa, a causa di una legislazione balorda, è aumentata la competizione tra le persone. Noi – ha aggiunto – abbiamo presentato una proposta di legge per una Carta dei diritti universali, un nuovo Statuto dei lavoratori, per sancire un principio sacrosanto: stessi diritti e stesse tutele per tutti. Costruire un’Europa dei diritti e un’Europa sociale vuol dire alzare i salari, ma anche affermare la qualità del lavoro”.

E fra poche ore l'incontro con i giovani italiani in Belgio, Lussemburgo ed Paesi Bassi. Si terrà  dalle ore 17 alla Maison Du Peuple de Saint-Gilles (Parvis Saint-Gilles, 37 - 1060 Saint-Gilles). Una occasione per confrontarsi sui motivi che hanno spinto questi giovani ad emigrare dall’Italia e su quelli che invece servirebbero per farli tornare. (23/01/2020-ITL/ITNET)

Altri prodotti editoriali

Contatti

Contatti

Borsa italiana
Borsa italiana

© copyright 1996-2007 Italian Network
Edizioni Gesim SRL − Registrazione Tribunale di Roma n.87/96 − ItaliaLavoroTv iscrizione Tribunale di Roma n.147/07