Direttore responsabile Maria Ferrante − venerdì 10 aprile 2020 o consulta la mappa del sito
italialavorotv.it

Sponsor

SINDACATI ITALIANI NEL MONDO - EUROPA - VISENTINI (SEGR. GEN.CES):"BENE IMPEGNO COMMISSIONE PROTEZIONE LAVORATORI DISOCCUPATI E PRECARI. MISURE PRESE SIANO ADOTTATE SENZA INDUGIO DA STATI MEMBRI"

(2020-03-16)

  In risposta alle misure di emergenza della Commissione europea sul Coronavirus, il segretario generale della CES Luca Visentini, che in questi giorni a Bruxelles monitora una sorta di "unita' di crisi sindacale" ha rilasciato una dichiarazione in proposito:

“Le persone malate, che si prendono cura della famiglia o che non sono in grado di lavorare a causa del coronavirus non dovrebbero soffrire finanziariamente, quindi i sindacati accolgono con favore l'impegno della Commissione europea a proteggere i lavoratori in stato di disoccupazione ed a bassissimo reddito.

“La Commissione deve garantire che il sostegno finanziario raggiunga tutti i lavoratori, compresi i lavoratori autonomi e quelli con lavori precari, che sono i più vulnerabili.

"I piani della Commissione di allentare le sue norme in materia di aiuti di Stato e di bilancio sono essenziali per sostenere i servizi pubblici che si estendono al limite e le aziende colpite dalla crisi. Tali misure devono essere adottate senza indugio dai ministri delle finanze che si riuniscono la prossima settimana e poi attuate integralmente dagli Stati membri. " 

"I fondi dell'UE investiti nella protezione dei lavoratori e delle aziende dai peggiori effetti della crisi dovrebbero essere aggiuntivi rispetto alla spesa degli Stati membri".

Nel contempo, il sindacalista italiano, ha evidenziati come in molti paesi europei siano stati sottoscritti o sono in fase di sottoscrizione accordi tripartiti, sindacati, imprese, governi, che puntano a sostenere imprese e lavoratori.

"L'Italia ha fatto da apripista, - ha stigmatizzato - ma in molti stanno seguendo quell'esempio: Austria, Spagna e in Danimarca e in altri paesi  come Svezia, Finlandia, Belgio, Paesi Bassi, Portogallo e anche alcuni Stati dell'Est, stanno negoziando.  Obiettivo primario è garantire un reddito a tutte le persone che hanno dovuto sospendere il proprio lavoro e non parliamo di sussidi di disoccupazione, ma di reddito, perché l'obiettivo deve essere quello di mantenere i posti di lavoro e quindi di evitare assolutamente i licenziamenti.  (16/03/2020-ITL/ITNET)

Altri prodotti editoriali

Contatti

Contatti

Borsa italiana
Borsa italiana

© copyright 1996-2007 Italian Network
Edizioni Gesim SRL − Registrazione Tribunale di Roma n.87/96 − ItaliaLavoroTv iscrizione Tribunale di Roma n.147/07