Direttore responsabile Maria Ferrante − venerdì 10 aprile 2020 o consulta la mappa del sito
italialavorotv.it

Sponsor

ITALIANI E ITALIANI ALL'ESTERO - COVID-19/ EUROPA - 37 MILIARDI DI EURO: E' L'IMPEGNO FINANZIARIO CHE IL PARLAMENTO E' CHIAMATO A VOTARE DOMANI IN RISPOSTA A CRISI INDOTTA DA PANDEMIA

(2020-03-25)

Il Parlamento  europeo è chiamato a votare domani - durante la sessione plenaria del 26 marzo - la proposta della Commissione in risposta alla crisi economica  indotta dalla pandemia: una misura da 37 miliardi di euro da mettere a disposizione dei paesi della UE. 37 miliardi di euro presi dai fondi strutturali.

La misura, proposta dalla Commissione europea, è un elemento chiave nella risposta dell'UE alla pandemia ed è stata condivisa rapidamente dal Parlamento Europeo.

Da dove proviene il denaro?

La proposta riguarda fondi strutturali e di investimento europei a sostegno dello sviluppo delle regioni, dell'industria della pesca e delle misure di politica sociale, come la riqualificazione dei lavoratori licenziati.

Ogni anno gli Stati membri ricevono denaro da questi fondi come prefinanziamento per progetti. Se alcuni dei prefinanziamenti rimangono inutilizzati, devono essere restituiti al bilancio dell'UE l'anno successivo.

I paesi dell'UE dovrebbero restituire quasi 8 miliardi di euro di prefinanziamenti inutilizzati nel 2019,  la Commissione europea propone di conservare tali fondi e utilizzarli per nuovi progetti che mitighino gli effetti della crisi innescati dal coronavirus.

Parte del denaro destinato ai progetti proviene dagli Stati membri e il resto è cofinanziato con fondi dell'UE.

La quota dei costi coperti dal bilancio dell'UE varia: se un progetto riguarda una regione meno sviluppata, il contributo dell'UE raggiunge l'85% dell'importo totale.

Il denaro che gli Stati membri sono autorizzati a mantenere consentirà loro di coprire la propria parte in progetti per un importo molto più elevato, con il resto dei fondi provenienti dal bilancio dell'UE.

La Commissione calcola che gli 8 miliardi di euro potrebbero essere integrati da circa 29 miliardi di euro di cofinanziamento dell'UE. Ciò comporterebbe un totale di 37 miliardi di euro che potrebbero essere impiegati in investimenti in tutta la UE.

Gli 8 miliardi di euro dovranno essere restituiti alla chiusura dei programmi nell'ambito del bilancio 2014-2020, che potrebbe aggirarsi intorno al 2025.

Il Parlamento prende provvedimenti urgenti

La proposta della Commissione è stata pubblicata il 13 marzo. Deve essere approvato dal Parlamento e dal Consiglio ed è stato seguito rapidamente dalla commissione per lo sviluppo regionale del Parlamento. La procedura d'urgenza consente una votazione in Aula senza una relazione o con una relazione orale della commissione competente.

Younous Omarjee , membro della GUE / NGL francese , presidente della commissione per lo sviluppo regionale del Parlamento, ha dichiarato al ricevimento della proposta il 17 marzo: "Dobbiamo rispondere il più urgentemente possibile, incanalando tutti i mezzi disponibili nell'ambito della politica di coesione, per mitigare la situazione catastrofica causato dall'epidemia di coronavirus. Qualsiasi ritardo comporterebbe la perdita di più vite e ulteriori difficoltà per le regioni, le società e i cittadini europei. "

Durante la sessione plenaria, i deputati voteranno anche su altre misure per affrontare la crisi del coronavirus, inclusa una proposta per consentire agli Stati membri di richiedere il sostegno del Fondo di solidarietà dell'UE in caso di crisi di sanità pubblica.(25/03/2020-ITL/ITNET)

Altri prodotti editoriali

Contatti

Contatti

Borsa italiana
Borsa italiana

© copyright 1996-2007 Italian Network
Edizioni Gesim SRL − Registrazione Tribunale di Roma n.87/96 − ItaliaLavoroTv iscrizione Tribunale di Roma n.147/07