Direttore responsabile Maria Ferrante − lunedì 10 agosto 2020 o consulta la mappa del sito
italialavorotv.it

Sponsor

ECONOMIA E FINANZA - EMERGENZA CORONAVIRUS - SEN. GARAVINI(ITALIA VIVA): "E' IL MOMENTO DELLES CELTE. IL RICORSO AL MES CONSENTE ADOZIONE STRUMENTI GIA' A DISPOSIZIONE"

(2020-03-31)

“L’appartenenza all’Europa è un sentimento identitario e l’identità di un popolo si costruisce anche con le decisioni che compie. È questo il momento delle scelte. Il ricorso al Mes consente di adottare strumenti già a disposizione. Questo perché le misure devono essere il più possibile rapide e condivise. Il Mes garantirebbe i mercati finanziari, mentre una Banca europea degli investimenti ne avrebbe in carico l'operatività”. Lo ha dichiarato  Lo dichiara la senatrice Laura Garavini, Presidente Commissione Difesa e Vicepresidente vicaria gruppo Italia Viva-Psi.

“L’Europa - ha detto - può essere un modello globale nel contrasto all’epidemia economico-finanziario, oltre che medico. Finora, grazie a un’assistenza sanitaria garantita, gli europei stanno dando un esempio al resto del mondo, in particolare a quei Paesi dove non esiste sanità pubblica. Adesso è il momento di dimostrare che un intervento pubblico e solidale deve diventare la norma per l’economia. È auspicabile che la Germania non voglia contraddire la grande generosità da lei dimostrata finora in ambito sanitario, accogliendo decine di pazienti italiani nei suoi reparti di terapia intensiva. Ma l’atteggiamento finora prudenziale della presidente Merkel rischia di creare diffidenza anche in altri paesi del Nord”.

“L’Europa non ha bisogno di spaccature in questo momento. Il virus non risparmia nessun Paese. E una risposta comune non è solo eticamente doverosa. Ma necessaria, a beneficio di tutti”. ha concluso la parlamentare di Italia viva". (31/03/2020-ITL/ITNET)

Altri prodotti editoriali

Contatti

Contatti

Borsa italiana
Borsa italiana

© copyright 1996-2007 Italian Network
Edizioni Gesim SRL − Registrazione Tribunale di Roma n.87/96 − ItaliaLavoroTv iscrizione Tribunale di Roma n.147/07