Direttore responsabile Maria Ferrante − venerdì 29 maggio 2020 o consulta la mappa del sito
italialavorotv.it

Sponsor

SINDACATI ITALIANI NEL MONDO - CONTRATTISTI MAECI - CONFSAL UNSA ESTERI: IN BELGIO, DANIMARCA E PAESI BASSI MAECI LASCIA A REGOLAMENTO 883/2014 PROPRI CONTRATTISTI

(2020-05-05)

"È inconcepibile come il Maeci non voglia fare nulla per tutelare il proprio personale dalle perdite salariali e pensionistiche imposte da un regolamento che prevede piu' di un meccanismo a favore di singole categorie !" Così la Confsal Unsa Coordinamento Esteri in una nota in cui accusa "di sciatteria" il MAECI di lasciare al regolamento UE 883 del 2004 la tutela dei propri contrattisti.
"E pensare che il nostro Ministro degli Affari Esteri e della Cooperazione internazionale fino a qualche anno fa
era in piazza per i famigerati V-Day quando si mandava a quel paese un sistema politico arrugginito e cieco verso i veri bisogni dei cittadini e dei lavoratori. E si mandava a quel paese senza mezzi termini anche l’Unione Europea completamente alienata e incagliata negli interessi delle nazioni e non dei cittadini europei”..." mentre oggi  "è incredibile come la guida politica del nostro Dicastero si pieghi davanti alla cieca e ottusa applicazione del Regolamento Europeo N. 883/2004, che impone dal primo maggio il passaggio degli impiegati a contratto dal sistema previdenziale retributivo italiano al sistema previdenziale del Paese di residenza nella peggiore perdita salariale e previdenziale mai inflitta al personale a contratto"

Dunque, fa presente Confsal Unsa Esteri "O qui ci troviamo davanti alla sciatteria più deprecabile e mai vista che un datore di lavoro possa assumere nei confronti dei propri dipendenti oppure davanti a un atto politico cosciente e voluto per mettere in ginocchio l’Italia davanti a Paesi come Belgio, Danimarca e Paesi Bassi ora pronti a incassare i contributi sociali che l’Italia verserà nelle loro casse come diligente contribuente!
E ora - prosegue il Sindacato -  vedremo come tutte le mattine cittadini italiani serviranno il nostro Paese nelle nostre Rappresentanze consolari e diplomatiche e nei nostri Istituti Italiani di cultura mentre saranno i belgi, gli olandesi, i danesi o gli svizzeri a decidere quando e come questo personale andrà in pensione, quando e come secondo le loro leggi saranno abili al lavoro o meno e a quali condizioni.
Dal I° maggio all'Italia toccherà solo pagare i contributi nelle casse assicurative straniere ed in caso di contenzioso dovrà presentarsi davanti ai tribunali sociali come un qualsiasi altro datore di lavoro".

Ma, dichiara Confsal Unsa Esteri "Se i tempi del V-Day sono passati come una moda politica tra le tante, quelli della lotta sindacale sono ancora attuali, stringenti e acuti come non mai. Non è detta l'ultima parola e non comincia con la "V".(05/05/2020-ITL/ITNET)

Altri prodotti editoriali

Contatti

Contatti

Borsa italiana
Borsa italiana

© copyright 1996-2007 Italian Network
Edizioni Gesim SRL − Registrazione Tribunale di Roma n.87/96 − ItaliaLavoroTv iscrizione Tribunale di Roma n.147/07