Direttore responsabile Maria Ferrante − sabato 4 luglio 2020 o consulta la mappa del sito
italialavorotv.it

Sponsor

SINDACATI ITALIANI NEL MONDO - EUROPA - CES: SICUREZZA SUL LAVORO NON RIENTRA NELLE 40 PRINCIPALI PRIORITA' DELLA COMMISSIONE, NONOSTANTE CORONAVIRUS

(2020-05-28)

  "I sindacati sono scioccati e preoccupati che la Commissione europea non abbia ancora redatto piani ufficiali per rendere più sicuri i luoghi di lavoro a seguito dell'epidemia di coronavirus.

Un programma di lavoro aggiornato pubblicato dalla Commissione comprende 43 nuove iniziative, tra cui proposte che vanno dai diritti aeroportuali alle risorse crittografiche e al "miglioramento della regolamentazione. Ma la Commissione ha nuovamente omesso miglioramenti del documento in materia di salute e sicurezza, avendo già ignorato la questione nei suoi orientamenti politici e nel programma di lavoro originale."  Lo sottolinea una nota odierna della Confederazione Europea dei sindacati, che stigmatizza:

"Questa è una decisione sorprendente dopo migliaia di decessi causati dall'esposizione a Covid-19 sul lavoro, mentre altri milioni rimangono a casa perché i loro luoghi di lavoro sono considerati non sicuri."

E la CES aggiunge "Anche senza Covid-19, ci sono inoltre 4.000 incidenti mortali sul lavoro ogni anno, mentre più di 100.000 persone muoiono ogni anno per cancro sul lavoro."

Dunque, per la Confederazione dei sindacati Europei "È necessaria una nuova e ambiziosa strategia dell'UE in materia di salute sul lavoro e in sicurezza, compresi ulteriori limiti vincolanti all'esposizione professionale alle sostanze cancerogene e una direttiva sulla lotta allo stress."

Tra l'altro , aggiunge "L'omissione fa parte di una serie di recenti controlli di salute e sicurezza da parte della Commissione:

La tabella di marcia della Commissione non ha preso in considerazione la salute e la sicurezza.
 
Dopo la gradita inclusione di Covid-19 nella direttiva sugli agenti biologici, il comitato di esperti della Commissione non è riuscito a fornire ai lavoratori il massimo livello di protezione dal virus.
 
E la Commissione non ha ancora riconosciuto Covid-19 come malattia professionale.

Sulla questione, il vice segretario generale della CES Per Hilmersson ha dichiarato:

"L'omissione della salute e della sicurezza dal programma di lavoro della Commissione era sbagliata prima di questa crisi, quando ogni anno c'erano 4.000 incidenti mortali sul lavoro e 100.000 decessi per cancro sul lavoro.

"Ma è sorprendente che il miglioramento della salute e della sicurezza sul lavoro non sia tra le prime 40 priorità della Commissione a seguito di una pandemia durante la quale l'esposizione sul posto di lavoro ha causato migliaia di morti.

"La Commissione ha intrapreso alcune azioni, ma è chiaro che un urgente aggiornamento degli standard europei in materia di salute e sicurezza dovrebbe essere una priorità in modo che le persone possano tornare a lavorare con fiducia e prevenire una seconda ondata di virus".

Sulla questione la CES è intervenuta innumerevoli volte sulla questione, vedi anche:

SINDACATI ITALIANI NEL MONDO - EUROPA - VISENTINI (SEGR.GEN.CES): "ACCOGLIAMO CON FAVORE AMBIZIOSA STRATEGIA PRES. COMMISSIONE. MANCANO PERO' AL PROGRAMMA DI LAVORO SALUTE E SICUREZZA
http://www.italiannetwork.it/news.aspx?ln=it&id=62067 .(28/05/2020-ITL/ITNET)


Altri prodotti editoriali

Contatti

Contatti

Borsa italiana
Borsa italiana

© copyright 1996-2007 Italian Network
Edizioni Gesim SRL − Registrazione Tribunale di Roma n.87/96 − ItaliaLavoroTv iscrizione Tribunale di Roma n.147/07