Direttore responsabile Maria Ferrante − sabato 11 luglio 2020 o consulta la mappa del sito
italialavorotv.it

Sponsor

LAVORO - GIOVANI - DALL'ILO: GIOVANI SOTTO I 30 ANNI 70% MIGRANTI INTERNAZIONALI. EFFETTO COVID-19 ULTERIORE SFIDA INGRESSO GIOVANI NEL MERCATO DEL LAVORO -ANALISI ED OPPORTUNITA' .

(2020-06-10)

  Il 23 aprile 2020 i Ministri del Lavoro e dell'occupazione della UE si impegnavano in un documento comune a "non consentire che la pandemia ampliasse le disparità - comprese quelle di genere - nel mercato del lavoro (vedi: http://www.italiannetwork.it/news.aspx?ln=it&id=62190), ora un report dell'Organizzazione Internazionale del lavoro - ILO -anticipa una indagine sugli effetti della pandemia che - sulla base di precedenti  ricerche relative a momenti di crisi - mette in evidenza i pesantissimi effetti della crisi causata dalla pandemia nei confronti dei giovani e del loro accesso al mercato del lavoro.

  Anche nei periodi migliori, i giovani hanno dovuto affrontare  difficoltà  nell'ingresso al mercato del lavoro. Prima della pandemia di COVID-19 la possibilità di essere disoccupati era di tre volte superiore  ai disoccupati adulti.  La crisi ora, però, minaccia di esacerbare le disparità esistenti all'interno dei singoli Paesi e tra i diversi paesi. Lo afferma l'organizzazione internazionale del lavoro, l'ILO in un report in cui analizza la situazione dei giovani, evidenziando tre aspetti dell'attuale situazione post pandemia:
(1) interruzioni dell'istruzione, della formazione e dell'apprendimento basato sul lavoro;
(2) maggiori difficoltà per i giovani in cerca di lavoro e i nuovi partecipanti al mercato del lavoro; 
(3) perdita di posti di lavoro e di reddito, insieme al deterioramento della qualità dell'occupazione.

I dati preliminari derivanti dalla grave crisi sanitaria nella peggiore crisi economica e del mercato del lavoro dalla seconda guerra mondiale indicano, d'altra parte, un grave impatto della pandemia di COVID-19 su economie e mercati del lavoro nel mondo per molti anni a venire.

Le ultime previsioni sulla crescita dell'FMI per il 2020 (aprile) prevedono un calo del PIL globale del 3% , che è molto più grave che durante della recente  crisi finanziaria globale quando il il mondo ha registrato un calo del PIL dello 0,1 per cento (2009).
Secondo il modello di ILcasting dell'ILO, le ore globali di lavoro nel secondo trimestre 2020 dovrebbero essere del 10.7% inferiori rispetto al quarto trimestre del 2019, equivalente alla perdita di 305 milioni di posti di lavoro a tempo pieno.
Anche nei periodi migliori, i giovani hanno affrontato una situazione difficile nel mercato del lavoro. A livello globale, per le persone di età compresa tra 15 e 24 anni era già prima della pandemia tre volte più difficile trovare una occupazione  rispetto agli adulti di età pari o superiori a 25 anni.

Prima dell'inizio della crisi COVID-19, la disoccupazione aveva colpito 67,6 milioni di giovani donne e uomini, il  13,6 per cento della forza lavoro giovanile, e maggiormente sui ragazzi

Oggi la percentuale di giovani che non hanno un impiego, istruzione o formazione (NEET) si rivela più sostanziale insieme alla sottoutilizzazione del lavoro giovanile. Anche prima del pandemia, circa un quinto dei giovani in tutto il mondo, o 267 milioni di persone, non avevano un impiego, un'istruzione o training formativo (NEET), target SDG 8.6. Ed il tasso di NEET è particolarmente alto per le giovani donne nei paesi a reddito medio-basso dove raggiunge quasi il 40%.

Per di più i giovani occupati sono concentrati in lavori precari il cui basso reddito li rende  vulnerabili. Sono stati coloro che per primi hanno perso il lavoro  durante l'attuale crisi . Più di tre su quattro fra i giovani lavoratori del mondo avevano un lavoro informale prima dell' insorgenza della crisi rispetto al 60% degli adulti di età superiore ai 25 anni e oltre. I giovani lavoratori informali non hanno, oltretutto, accesso alla protezione sociale o ad altri benefici  legati all'occupazione .

In sostanza, i giovani sono sovrarappresentati nella povertà lavorativa e sono soggetti a forme di lavoro meno protette, come  il  lavoro temporaneo. Inoltre, giovani di età inferiore ai 30 anni rappresentano il 70% dei flussi migratori internazionali. Significativi i divari retributivi di genere e la persistenza della segregazione occupazionale  tra giovani donne e uomini. Le giovani donne, però, trascorrono molto più tempo nelle cure non retribuite e lavori domestici rispetto ai maschi. Chiusura diffusa delle scuole e indisponibilità dei servizi di assistenza all'infanzia stanno intensificando il doppio onere di cura spesso a carico delle giovani donne.  E probabilmente questi fattori sono destinati ad aumentare
ulteriormente.

Inoltre, secondo l'ILO, ci saranno differenze nell'impatto della crisi rispetto alle risposte politiche anche dei paesi  più sviluppati, creando ulteriore svantaggio. Una volta recuperato lo svantaggio, a meno che non venga intrapresa un'azione correttiva, sussiste il  pericolo che la tendenza verso forme più flessibili e meno sicure di lavoro tra i giovani, si possa intensificare.
La risposta politica alla crisi COVID-19 deve essere urgente, globale e mirata. Una particolare attenzione  è richiesta per i giovani nell'istruzione e la formazione, quelli con status NEET e i giovani lavoratori occupati in modo informale e altri segmenti, come giovani donne e giovani lavoratori migranti. Il dialogo sociale e la collaborazione  con l'impegno efficace dei giovani deve sostenere questa risposta.

Tra gli effetti annoverati dall'ILO - e rintracciabili  in occasione di altre situazioni di crisi -  emergono alcuni fattori importanti: i giovani recentemente assunti sono i primi ad essere licenziati nel ridimensionamento delle forze lavoro utili all'impresa e poichè tutti  i nuovi posti di lavoro sono occupati dai piu' giovani si realizza un doppio svantaggio da parte di questi ultimi. Inoltre, licenziare i giovani costa meno che licenziare un lavoratore che ha lavorato a lungo nell'azienda ha un costo crescente rispetto agli anni di permanenza nell'azienda; i giovani con i lavori temporanei sono meno protetti e quindi non chiamano in causa i sindacati  per la loro tutela ed, infine, licenziare un giovane è meno oneroso in termini di perdita di produttività.

L'aumento della disoccupazione e dell'esclusione a lungo termine dei giovani del mercato del lavoro è il maggior pericolo nella situazione attuale. Recessioni passate dimostrano che la disoccupazione giovanile non solo aumenta rapidamente e significativamente all'inizio della crisi economica, ma anche che rimane al di sopra dei livelli pre-crisi molto tempo dopo l'inizio della ripresa.
Infatti, durante la crisi economica e finanziaria globale (GEFC) la disoccupazione nell'Unione europea è cresciuta molto più rapidamente tra i giovani che tra la popolazione adulta;  inoltre, ha continuato a crescere anche quando i tassi di disoccupazione sono diminuiti.  Mentre brevi periodi di disoccupazione durante le prime esperienze di vita nel mercato del lavoro non sono insolite, ma se la disoccupazione si protrae, e quella attuale lo sarà  probabilmente, avrà effetti su tutta la vita sulle competenze dell'individuo, sulla sua  occupazione ed il salario. Quindi, gli effetti economico-finanziari e sociali dell'attuale crisi saranno molto più dannosi per i giovani che dovranno, tra l'altro, affrontare una concorrenza molto più agguerrita per un minor numero di posti lavoro nei prossimi anni.

Per prevenire l'esclusione dal mercato del lavoro: occorre , dunque, affrontare l'impatto della crisi COVID-19 sull'occupazione giovanile . Come ?

Occorre stimolare l'economia e l'occupazione con :

-  Politica fiscale anticiclica per migliorare la disoccupazione giovanile durante la crisi.
la reazione deve essere rapida e decisa, attuata prima  che la recessione limiti ulteriormente lo spazio fiscale.
Quindi la politica fiscale ha  la priorità nel  sostegno alle imprese e ai lavoratori per sostenere il loro sopravvivenza fino a quando le misure di contenimento non siano state revocate. Una volta iniziata la fase di recupero, sarà necessaria
tornare completamente alla modalità stimolo, supportando i giovani nel (ri) ingresso delle persone nell'istruzione / formazione o nel lavoro forza, specialmente per coloro che sono nei settori più colpiti.
Recessioni precedenti hanno dimostrato che la politica fiscale attraverso l'aumento della spesa pubblica è probabile abbia maggiore efficacia delle agevolazioni fiscali; politiche macroeconomiche, occupazionali e sociali effetti reciprocamente rafforzanti nella promozione economica e recupero dell'occupazione.

Politiche economiche e occupazionali mirate.
Dal momento che  I settori più colpiti in genere assorbono quote elevate di giovani occupazione, misure settoriali mirate, in linea con la  visione nazionale di sviluppo post-pandemia (incluso aree emergenti come le energie rinnovabili, nuove tecnologie, ecc.), potrebbero essere la base della ripresa economica di una gioventù  verso una più sostenibile ed equo mercato del lavoro.

  Supportare imprese, posti di lavoro e redditi
Sostegno mirato per migliorare le capacità giovanili, aumentare produttività e contro riduzione della domanda di lavoro.
Sul piano Fiscale gli stimoli alla domanda di lavoro devono essere integrati nelle spese per programmi attivi per il mercato del lavoro e sussidi per mitigare l'istruzione e lo sviluppo delle competenze gli effetti spaventosi della disoccupazione, aumentando la produttività ed i  redditi, riducendo lo scoraggiamento e garantendopolitiche e  sistemi di istruzione e formazione che meglio rispondono  alle esigenze attuali e future dei mercati del lavoro.

Investimenti nella formazione .
Le imprese potrebbero trarre vantaggio dal costi ridotti delle  opportunità  di formazione associati a minori livelli di produzione su cui investire, soprattutto online, nelle competenze della loro forza lavoro, ed anche per gli apprendisti
al fine di migliorare  la loro produttività a lungo termine.

Investimento nell'apprendimento online .
Per realizzare il potenziale beneficio dell'apprendimento online, è fondamentale aumentare gli investimenti nella connettività a banda larga, apparecchiature TIC e competenze digitali per studenti e insegnanti / formatori e curricula di qualità su misura per un pubblico virtuale.
I giovani che affrontano gli ostacoli nell'accesso all'apprendimento online richiedono obiettivi mirati e supporto immediato. L' apprendimento basato sul lavoro virtuale può essere un' opportunità per aiutare i giovani a guadagnare valore nell'esperienza lavorativa anche in presenza di restrizioni fisiche

Ampliamento dell'accesso alla protezione sociale e alla salute assicurazione.
Indennità sociale e di disoccupazione con i requisiti di ammissibilità possono essere associati al coaching e al supporto per la ricerca di lavoro.
I trasferimenti in contanti devono raggiungere i giovani nell'economia informale, attraverso piattaforme digitali che possono raggiungere rapidamente i più bisognosi, anche nelle zone rurali.
Accesso al pubblico impiego attraverso i programmi che devono essere aumentati per garantire che i giovani in situazioni vulnerabili abbiano accesso al sostegno al reddito e opportunità di lavoro anche a breve termine.
Valorizzazione dei servizi pubblici per l'impiego.  Un impiego pubblico agile, inclusivo e informato sui  servizi in grado di supportare un gran numero di transazioni e servizi allo stesso tempo.
Investimento in PES moderno è un elemento importante per il successo  del recupero post-pandemia.

Programmi e attività di sussidio ai salari rivolti ai giovani  attraverso accordi di condivisione.
Dopo che le misure di contenimento sono state revocate, i sussidi salariali riducono i costi di mantenimento, di assunzione e formazione dei giovani.
I sussidi salariali hanno dimostrato di  essere efficaci nell'aumentare le prospettive occupazionali a lungo termine per i giovani - dalle competenze più elevate, produttività e occupazione probabilità  di cambiamenti nelle preferenze dei giovani e comportamenti.
Ampliamento degli schemi di condivisione del lavoro (riduzioni agevolate dell'orario di lavoro) è strumentale nel proteggere i giovani lavoratori. Tali misure dovrebbero essere aperte a tutti i giovani lavoratori, indipendentemente dal tipo di contratto di lavoro.

Ampliamento del sostegno a micro, piccoli e medie imprese.
, Prestiti  a breve termine ai giovani, imprenditori e cooperative di giovani dovrebbero concentrarsi su sostegno finanziario e accesso più ampio alle imprese di servizi di sviluppo e coaching per garantire che le imprese resistano alla crisi.
Il supporto dovrebbe essere rivolto a cancellare gli  ostacoli all'accesso da parte dei giovani attraverso  programmi disponibili. A lungo termine, i giovani imprenditori avranno bisogno assistenza nell'adattare il loro modello di business basato su cambiamenti nella domanda (ad es. maggiore domanda di DPI e prodotti sanitari) e per sfruttare le opportunità nei  settori verdi emergenti. Ciò può includere il supporto ad investimenti in infrastrutture ICT per un miglioramento online del marketing e servizi alla clientela e adozione di clean tecnologie.
Attività economica ridotta può significare anche apertura di nuove opportunità man mano che le economie si riprendono. I giovani innovativi sono in una posizione eccellente per sfruttare questi cambiamenti attraverso start-up e business sviluppo, anche se avranno bisogno di una serie di supporti in  servizi per poterlo fare.

Proteggere i giovani lavoratori
Sono necessari sforzi concertati per proteggere i giovani in occupazioni essenziali, come la salute e l'assistenza ai lavoratori, insieme a quelli che entrano nel mercato del lavoro o tornano al lavoro quando le chiusure sul posto di lavoro vengono revocate. Sicurezza sul lavoro e  gestione della salute dovrebbe garantire che siano appropriate le misure di controllo adattate ai giovani,la loro formazione e adeguati dispositivi di protezione individuale e collettiva.

Promuovere il dialogo sociale ed i diritti dei lavoratori soprattutto nei lavori informali. (10/06/2020-ITL/ITNET)

Altri prodotti editoriali

Contatti

Contatti

Borsa italiana
Borsa italiana

© copyright 1996-2007 Italian Network
Edizioni Gesim SRL − Registrazione Tribunale di Roma n.87/96 − ItaliaLavoroTv iscrizione Tribunale di Roma n.147/07