Direttore responsabile Maria Ferrante − sabato 11 luglio 2020 o consulta la mappa del sito
italialavorotv.it

Sponsor

LAVORO - COVID-19/EUROPA - EUROPARLAMENTO CHIEDE AZIONE URGENTE A SALVAGUARDIA SALUTE, SICUREZZA E CONDIZIONI DI LAVORO EQUE LAVORATORI TRANSFRONTALIERI E STAGIONALI - INCREMENTO ISPEZIONI

(2020-06-19)

  I deputati chiedono alla Commissione UE un'azione urgente per salvaguardare la salute, la sicurezza e le condizioni di lavoro eque dei lavoratori transfrontalieri e stagionali nel contesto di COVID-19

La crisi COVID-19 ha ulteriormente esposto ed esacerbato il dumping sociale e l'attuale precarietà delle situazioni di molti lavoratori mobili impiegati nei settori agroalimentare, edile e sanitario dell'UE.

In una risoluzione adottata oggi, il Parlamento esorta la Commissione a valutare le condizioni occupazionali, sanitarie e di sicurezza dei lavoratori transfrontalieri e stagionali, compreso il ruolo delle agenzie di intermediazione e delle imprese di subappalto, per identificare le carenze della legislazione dell'UE e nazionale e, possibilmente, rivedere le vigenti normative dell'UE. Il testo chiede inoltre un accordo rapido ed equilibrato sul coordinamento dei sistemi di sicurezza sociale necessario per combattere le frodi sociali e l'abuso dei diritti dei lavoratori mobili.

Misure urgenti necessarie per proteggere i lavoratori stagionali e transfrontalieri
I deputati esortano la Commissione a pubblicare nuovi orientamenti specifici per i lavoratori transfrontalieri e stagionali nel contesto di COVID-19, per proporre soluzioni a lungo termine per far fronte alle pratiche di subappalto abusive e garantire che l' Autorità europea del lavoro (ELA) diventi pienamente operativo in via prioritaria. Gli Stati membri devono aumentare la capacità degli ispettorati del lavoro e garantire alloggi di qualità, che dovrebbero essere disaccoppiati dalle loro retribuzioni, afferma il testo.
La risoluzione è stata adottata con 593 voti a favore, 34 contrari e 38 astensioni.

La Commissione europea presenterà a breve linee guida per proteggere i lavoratori transfrontalieri e stagionali.

Nel 2018, il maggior numero di lavoratori transfrontalieri è andato dalla Polonia a lavorare in Germania (125000 persone, molte delle quali lavorano nel settore delle costruzioni), dalla Francia al Lussemburgo (88000), dalla Germania al Lussemburgo (52000) , dalla Slovacchia all'Austria (48000, la maggior parte delle quali donne che lavorano nel settore sanitario in Austria) e dalla Francia al Belgio (46000). Senza dimenticare i frontalieri italiani

Si stima che nell'UE vengano assunti da 800.000 a un milione di lavoratori stagionali ogni anno, principalmente nel settore agroalimentare: 370.000 in Italia, 300.000 in Germania, 276.000 in Francia e 150.000 in Spagna.
I lavoratori stagionali e transfrontalieri possono essere assunti in un altro stato membro dell'UE in base al loro diritto alla libera circolazione all'interno dell'UE. La legislazione degli Stati membri ospitanti si applica in base al principio della parità di trattamento. L'accesso alle indennità di disoccupazione e alla protezione sociale è regolato attraverso il coordinamento dei sistemi di sicurezza sociale, attualmente in fase di revisione. 1,3 milioni di persone nell'UE vivono in uno stato membro e lavorano in un altro.

***
Il coordinamento dei sistemi di sicurezza sociale è disciplinato dal regolamento n. 883/2004 e dal regolamento n. 987/2009 sulla sua attuazione. I suoi principi di base sono:

I cittadini sono coperti dalla legislazione di un paese alla volta e versano contributi solo in un paese (prevenzione delle prestazioni sovrapposte).
I cittadini stranieri hanno gli stessi diritti e doveri dei cittadini del paese in cui sono coperti (principio della parità di trattamento o di non discriminazione).
Sono presi in considerazione periodi precedenti di assicurazione, lavoro o residenza in altri paesi (principio di aggregazione).
Le prestazioni in denaro di un paese possono generalmente essere percepite se il cittadino vive in un altro paese (principio di esportabilità).
Nella sua risoluzione del 14 gennaio 2014 sulla protezione sociale per tutti (2013/2111 (INI)), compresi i lavoratori autonomi, il Parlamento ha invitato la Commissione a rivedere la legislazione e monitorare l'attuazione e il coordinamento dei sistemi di sicurezza sociale al fine di salvaguardare l'UE diritti alle prestazioni dei lavoratori migranti.

Il 13 dicembre 2016 la Commissione europea ha presentato una proposta di regolamento del Parlamento europeo e del Consiglio che modifica il regolamento (CE) n. 883/2004 relativo al coordinamento dei sistemi di sicurezza sociale e il regolamento (CE) n. 987/2009 recante la procedura di attuazione del regolamento (CE) n. 883/2004. La revisione ha cercato di chiarire le circostanze in cui gli Stati membri possono limitare l'accesso alle prestazioni sociali richieste da cittadini mobili dell'UE inattivi economicamente,
istituire un regime coerente per il coordinamento delle prestazioni di assistenza a lungo termine introducendo un capitolo separato per il loro coordinamento nel regolamento (CE) n. 883/2004 e includendo una definizione e fornendo un elenco di tali prestazioni,
proporre nuove disposizioni per il coordinamento delle indennità di disoccupazione nei casi transfrontalieri,
stabilire nuove disposizioni per il coordinamento delle prestazioni familiari,
chiarire le norme sui conflitti in materia di legislazione applicabile e le relazioni tra i regolamenti e la direttiva 96/71 / CE del Parlamento europeo e del Consiglio, del 16 dicembre 1996, relativa al distacco di lavoratori nell'ambito di una prestazione di servizi.
Al Parlamento europeo, il fascicolo è stato assegnato alla commissione per l'occupazione e gli affari sociali (EMPL).

Il 10 novembre 2017, la commissione EMPL ha pubblicato il suo progetto di relazione. La relazione ha sottolineato che l'esportazione delle indennità di disoccupazione deve essere estesa fino alla fine dei diritti dei cittadini alle indennità di disoccupazione, il periodo necessario per applicare la legislazione dell'ultimo Stato membro di attività deve essere ridotto a 1 mese e, nel caso dei lavoratori transfrontalieri, le prestazioni di disoccupazione dovrebbero essere versate dall'ultimo Stato membro di attività se sono state realizzate per più di 12 mesi.

Il Comitato economico e sociale europeo ha adottato il suo parere il 5 luglio 2017 e il Comitato delle regioni il 12 luglio 2017.

Il vertice sociale per l'occupazione e la crescita eque, tenutosi a Göteborg il 17 novembre 2017, ha ricordato la necessità di progredire rapidamente sui fascicoli sociali in sospeso a livello dell'UE, compreso il coordinamento della sicurezza sociale. Nella sua lettera di intenti di settembre 2018, il presidente della Commissione Juncker ha sollecitato l'adozione delle proposte riguardanti la dimensione sociale, tra cui la proposta di modernizzazione delle norme per il coordinamento dei sistemi di sicurezza sociale.

In seno al Consiglio, l'argomento è stato discusso in diverse sessioni del gruppo di lavoro sulle questioni sociali. Il 21 giugno 2018 il Consiglio EPSCO ha concordato la sua posizione negoziale (orientamento generale).
La relazione della commissione EMPL è stata adottata il 20 novembre 2018. L'11 dicembre 2018 la plenaria ha confermato la decisione di avviare negoziati interistituzionali.

Dopo le riunioni del trilogo, è stato raggiunto un accordo provvisorio tra la presidenza del Consiglio e il Parlamento europeo, ma è stato respinto nella riunione del Coreper del 29 marzo 2019. Il 18 aprile 2019 la plenaria del Parlamento ha votato non per chiudere la procedura di prima lettura, ma per uscire alla prossima legislatura. Secondo una decisione presa in occasione della plenaria di ottobre 2019, il testo fa parte del business incompiuto da riportare.(19/06/2020-ITL/ITNET)


Altri prodotti editoriali

Contatti

Contatti

Borsa italiana
Borsa italiana

© copyright 1996-2007 Italian Network
Edizioni Gesim SRL − Registrazione Tribunale di Roma n.87/96 − ItaliaLavoroTv iscrizione Tribunale di Roma n.147/07