Direttore responsabile Maria Ferrante − sabato 15 agosto 2020 o consulta la mappa del sito
italialavorotv.it

Sponsor

DIRITTI DEI CITTADINI - COVID-19 /EUROPA - EUROPARL(COMM.DROI) METTONO IN GUARDIA : IN ALCUNI PAESI RISPOSTE NON DEMOCRATICHE ALLA PANDEMIA"

(2020-07-07)

  La presidente della sottocommissione parlamentare per i diritti umani, italo/belga Maria Arena, a seguito del dibattito odierno sulle misure di risposta alle emergenze adottate nel contesto della pandemia di COVID-19.

“Oggi la sottocommissione per i diritti umani del Parlamento europeo ha tenuto un primo scambio di opinioni sulle sfide poste dal modo in cui i governi di tutto il mondo hanno risposto alla pandemia di COVID-19 e in che modo queste misure di emergenza hanno influito sui diritti umani. D
i fronte a un'inattesa minaccia per la salute pubblica, la maggior parte dei governi si è sentita in dovere di adottare misure di vasta portata che limitano fortemente le libertà di base, come la libertà di riunione e di movimento. Mentre molti governi lottano per fare il meglio che possono, nel rispetto della vita e della salute, la risposta alla pandemia in alcuni paesi ha sollevato importanti preoccupazioni in materia di diritti umani.

Questi includono la censura basata sulla lotta alla disinformazione e l'uso di strumenti di sorveglianza digitale non solo per monitorare il rischio di infezione, ma anche per tenere traccia del comportamento politico dei cittadini. Le relazioni degli Stati che usano misure di emergenza per minare le regole e le istituzioni democratiche, per reprimere gli oppositori politici e i difensori dei diritti umani, minare ulteriormente i diritti dei detenuti e alimentare la discriminazione o la xenofobia contro le minoranze o i gruppi vulnerabili sono di grande preoccupazione a lungo termine. Questo è inaccettabile.

Dobbiamo tutti essere più vigili riguardo a questi sviluppi negativi e denunciarli, poiché le misure adottate in un contesto eccezionale potrebbero rimanere in vigore per molto tempo ".

Il dibattito  alla presenza di numerosi esperti invitati, che hanno anche presentato le loro idee e contributi alla sottocommissione. Oltre a discutere gli aspetti generali delle misure di emergenza relative a COVID-19, i partecipanti si sono anche concentrati sulle situazioni particolari in Venezuela, Bielorussia e Sud Sudan. Durante il dibattito, la maggior parte dei deputati ha sottolineato che non vi è alcun dubbio che COVID-19 ha permesso al regime venezuelano di reprimere, intimidire e controllare ulteriormente i difensori e i giornalisti dei diritti umani, nonché di negare i diritti fondamentali ai detenuti e di stigmatizzare il rifugiati che scelgono di tornare nel Paese. La pandemia non solo ha esasperato la terribile situazione umanitaria in Venezuela, ma è stata utilizzata dal regime per chiudere ulteriormente lo spazio politico. (07/07/2020-ITL/ITNET)

Altri prodotti editoriali

Contatti

Contatti

Borsa italiana
Borsa italiana

© copyright 1996-2007 Italian Network
Edizioni Gesim SRL − Registrazione Tribunale di Roma n.87/96 − ItaliaLavoroTv iscrizione Tribunale di Roma n.147/07