Direttore responsabile Maria Ferrante − domenica 27 settembre 2020 o consulta la mappa del sito
italialavorotv.it

Sponsor

SINDACATI ITALIANI NEL MONDO - EUROPA - CES: SINDACATI EUROPEI CHIEDONO DIRETTIVA UE SU SALARIO MINIMO EQUO E CONTRATTAZIONE COLLETTIVA

(2020-09-03)

  Dopo un dibattito aperto e completo, i membri della Confederazione europea dei sindacati (CES) hanno approvato  con l'85% dei voti a favore la richiesta di una direttiva europea sul salario minimo equo e la contrattazione collettiva

Al voto hanno preso parte 87 sindacati nazionali di tutta Europa, più 10 sindacati settoriali europei per un totale di 45 milioni di lavoratori

I sindacati europei  ora stanno facendo pressione sul presidente della Commissione Ursula von der Leyen perchè mantenga la promessa di presentare una proposta entro 100 giorni per "garantire che ogni lavoratore nell'Unione abbia un salario minimo equo".

La CES utilizzerà il mandato ricevuto dai sindacati per invitare la Commissione a presentare una direttiva che garantisca:

- Gli Stati membri non possono fissare il loro salario minimo legale al di sotto di una soglia "si decenza"
- La fine delle pratiche sleali come le detrazioni del datore di lavoro dal salario minimo legale
- Il diritto alla contrattazione collettiva garantito, promosso e protetto in ogni Stato membro

Il sostegno sindacale all'azione dell'UE è anche subordinato alla garanzia che gli Stati membri che attualmente determinano i salari solo attraverso la contrattazione collettiva non saranno obbligati a introdurre un sistema di salario minimo legale.

Il vice segretario generale della CES Esther Lynch ha dichiarato:

“Il salario minimo lascia i lavoratori a rischio di povertà in 17 Stati membri, il che vanifica l'impegno sul salario minimo.
“La Commissione europea ha, dunque, il sostegno schiacciante dei sindacati europei per il varo di una direttiva per porre fine a questo scandalo. Ci aspettiamo un impegno nei confronti di una simile direttiva nel discorso sullo stato del sindacato del presidente von der Leyen a metà settembre.

“Qualsiasi direttiva deve anche aiutare i lavoratori a raggiungere salari veramente equi, assicurando che il loro diritto alla contrattazione collettiva sia riconosciuto dai datori di lavoro e dagli Stati membri e in particolare siano impedite le attività antisindacali

"Le iniziative  per incrementare i salari è necessaria più che mai al fine di salvare milioni di posti di lavoro che dipendono dall'aumento della domanda economica".

In buona sostanza:  la Confederazione europea dei sindacati (CES) è giunta alla seconda fase di consultazione delle parti sociali ai sensi dell'articolo 154 TFUE su una possibile azione per affrontare le sfide legate all'equo salario minimo

Nello specifico:
La CES ha ricordato alla Commissione UE che il Trattato UE impedisce all'UE di fissare i livelli di retribuzione. Tuttavia, ciò non impedisce all'UE di intraprendere azioni per affrontare le sfide legate al raggiungimento di salari minimi legali equi, prevenendo condizioni di sfruttamento dell'occupazione e promuovendo la contrattazione collettiva come condizione giusta per l'occupazione.

La CES chiede pertanto alla Commissione di presentare una direttiva quadro per garantire il pieno coinvolgimento delle parti sociali e:

porre fine alla pratica di salari minimi legali ingiusti e bassi prevedendo che gli Stati membri non possano fissare i loro salari minimi legali al di sotto di una soglia che è sia il 60% della media (il 50% della retribuzione media (basata sulla retribuzione nazionale lorda a tempo pieno);

porre fine alle pratiche sleali come le detrazioni da parte del datore di lavoro dal salario minimo legale, il pagamento di aliquote minime o clausole che escludono categorie di lavoratori dalla protezione;

porre fine alle pratiche antisindacali e richiedere agli Stati membri di concordare con le parti sociali un piano d'azione per promuovere la contrattazione collettiva, inclusa una garanzia per i sindacati di accedere al posto di lavoro sostenuta da diritti di riconoscimento e rappresentanza e protezione dalla vittimizzazione;

porre fine alla promozione statale della concorrenza sleale sui salari modificando le norme sugli appalti pubblici in modo che le aziende che si rifiutano di contrattare o attuare il contratto collettivo siano impedite da contratti statali, pagamenti PAC, sovvenzioni e altri supporti finanziari;

porre fine alle sentenze negative dei tribunali fornendo una clausola di progresso sociale per proteggere la contrattazione collettiva e i contratti collettivi, l'autonomia delle parti sociali e porre fine alla minaccia per gli Stati membri che erogano salari equi attraverso sistemi di contrattazione collettiva garantendo che non saranno mai obbligati direttamente o indirettamente dall'UE a introdurre un salario minimo legale o altri salari minimi minimi che interferiscono con i contratti collettivi.

Il sostegno della CES a una direttiva quadro non è incondizionato. Il testo della prossima proposta sarà esaminato attentamente per garantire che soddisfi tutti gli obiettivi di cui sopra e che il risultato della proposta, di fatto, porterà gli Stati membri ad aumentare i loro salari minimi legali a livelli adeguati tenendo conto della situazione dei lavoratori nello Stato membro interessato.

La CES si opporrà a qualsiasi iniziativa che danneggi il ruolo delle parti sociali e danneggi l'autonomia delle parti sociali e la fissazione dei salari nei sistemi di contrattazione collettiva.(03/09/2020-ITL/ITNET)

Altri prodotti editoriali

Contatti

Contatti

Borsa italiana
Borsa italiana

© copyright 1996-2007 Italian Network
Edizioni Gesim SRL − Registrazione Tribunale di Roma n.87/96 − ItaliaLavoroTv iscrizione Tribunale di Roma n.147/07