Direttore responsabile Maria Ferrante − sabato 26 settembre 2020 o consulta la mappa del sito
italialavorotv.it

Sponsor

CULTURA ITALIANA NEL MONDO - FRANCIA - CON LORENZO VITTURI AL CENTRE PHOTOGRAPHIQUE DE ROUEN PER L'INIZIATIVA NORMADIA IMPRESSIONISTA

(2020-09-07)

  Il Centro fotografico di Rouen in  Normandia nell'ambito della IV edizione dedicato alla Normandie Impressionista presenta, fra le altre, una mostra delle opere dell'italiano Lorenzo Vitturi , che indagano su tre soggetti "Nulla è puro", "Dalston Anatomy" e "Money Must" Essere fatto.

L'allestimento - inaugurato sabato 5 - visitabile fino al 2 gennaio 2021-  riunisce una decina di opere degli ultimi dieci anni della  ricerca del fotografo veneziano (1980)
Dall'uno all'altro tema, si tratta di circolazione di: culture, corpi, forme e loro ibridazione fruttuose.  Il suo è una sorta di "libertinaggio plastico", un linguaggio di pigmenti, trame e forme scultoree, mantenuto in un delicato equilibrio.
A Dalston, un quartiere multiculturale nell'East End di Londra (la sua città di residenza), a cui è nteressato
Mercato locale. Lì Lorenzo Vitturi ha fatto ritratti, raccolti fra la merce abbandonata alla fine del mercato,
di clienti e commercianti, assemblando questa materia eterogenea nello spazio del suo studio. A ciò si unisce l'esuberanza specifica del territorio e le fantasie personali dell'artista.
Ed ancora, Vitturi i luoghi diventano materia per comporre le immagini di un mondo globalizzato, alle prese con gli effetti della gentrificazione e altre mutazioni.

Un po 'più tardi ripeterà questo processo a Lagos in Nigeria, più precisamente all'interno del mercato
di Balogun, città nella città-mondo. Anche qui, la sua fotografia, è un millefoglie di esperienze. Ci sono strati di realtà complessa e plurale. In Balogun, l'artista osserva entrambi i meccanismi di colonizzazione -
l'influenza del commercio di prodotti importati dalla Cina - di resistenza - l'economia generata dagli abitanti
contribuisce allo sviluppo del mercato, il primo tentativo di imborghesimento del quartiere.

Il suo ultimo progetto,  Caminantes, continua la stessa messa in scena del movimento delle culture, ispirato questa volta dalla storia familiare. Quindi riproduce il viaggio del padre, originario di Venezia, che, nel negli anni '60, ha deciso di recarsi in Perù per aprire una fabbrica di vetro di Murano. Quest'altra storia di lmigrazioni saranno il punto di partenza per l'artista di un lungo viaggio fatto di più viaggi di andata e ritorno tra Venezia e il Perù, tra le loro culture, le loro forme, i loro materiali. Le reti da pesca della laguna di Venezia abbracciano i tessuti peruviani, il deserto di Paracas raccoglie i frammenti di vetro grezzi da
Murano.
"Nulla è puro" è il motto  nel suo mondo".

Lorenzo Vitturi (nato nel 1980, a Venezia e vive a Londra) è fotografo e scultore. Ha iniziato a dipingere set cinematografici e questo si riflette con evidenza nelle sue opere, che ruotano attorno a interventi specifici, utilizzando fotografia, scultura e performance. Nel suo processo, la fotografia è concepita come uno spazio di trasformazione in cui diverse discipline convergono per rappresentare le complessità dei mutevoli ambienti urbani.

Le sue mostre personali si sono tenute al FOAM Museum di Amstederdam, alla Photographers 'Gallery di Londra, alla Contact Gallery di Toronto e al CNA di Lussemburgo. Ha anche partecipato a mostre collettive al MaXXI di Roma, al Centro Georges Pompidou di Parigi, alla Triennale di Milano, al Museo d'Arte e allo spazio d'arte K11 di Shanghai, tra gli altri.

Dopo la presentazione di Dalston's Anatomy nel 2013 realizza un libro delle sue fotografie, installazioni e "performance" a più livelli; le sue ultime fotografie sono state pubblicate nel settembre 2017, nel libro Money Must Be Made.(07/09/2020-ITL/ITNET)

Altri prodotti editoriali

Contatti

Contatti

Borsa italiana
Borsa italiana

© copyright 1996-2007 Italian Network
Edizioni Gesim SRL − Registrazione Tribunale di Roma n.87/96 − ItaliaLavoroTv iscrizione Tribunale di Roma n.147/07