Direttore responsabile Maria Ferrante − domenica 27 settembre 2020 o consulta la mappa del sito
italialavorotv.it

Sponsor

ITALIANI ED ITALIANI ALL'ESTERO - EUROPA/STATO DELL'UNIONE - I PUNTI PRINCIPALI DEL DISCORSO PRES. PRES. VON DER LEYEN : UN'UNIONE PIENA DI VITALITA' IN UN MONDO DI GRANDE FRAGILITA'

(2020-09-16)

  "Una delle menti più coraggiose del nostro tempo, Andrei Sakharov - un uomo così ammirato da questo Parlamento - ha sempre parlato della sua incrollabile fede nella forza nascosta dello spirito umano.
Negli ultimi sei mesi gli europei hanno dimostrato tutta questa forza." E' l'incipit del discorso sullo stato dell'Unione pronunciato dalla Presidente Ursula von der Leyen nel corso dell'Assemblea straordinaria dell'Europarlamento che ha reso omaggio a quanti si sono impegnati "con empatia, coraggio e senso del dovere nel prendersi cura dei malati e degli anziani" ed a quanti "hanno lavorato in prima linea assumendo i rischi per tutti noi"

"Questo virus ha messo in luce i difetti dei nostri sistemi sanitari e i limiti di un modello che privilegia la ricchezza rispetto al benessere" ha proseguito Von der Leyen che ha affermato:

INTERVENTI SANITA':

"Dobbiamo garantire che la nostra nuova agenda UE per la salute resista alla prova del tempo" ed ha annunciato "Questo è il motivo per cui ho proposto di aumentare i finanziamenti e sono grata a questo Parlamento per essere pronto a lottare per ottenere più fondi e per porre rimedio ai tagli di bilancio operati dal Consiglio europeo."

Ed ancora : Dobbiamo anche migliorare la nostra preparazione e gestione delle crisi legate alle minacce sanitarie transfrontaliere.
Come primo passo, proporremo di rafforzare il ruolo e i poteri dell'Agenzia europea per i medicinali e dell'ECDC, il nostro centro per la prevenzione e il controllo delle malattie.

In secondo luogo, creeremo un'agenzia per la ricerca e lo sviluppo biomedico avanzato a livello europeo, come esiste negli Stati Uniti. Questa nuova agenzia sosterrà la nostra capacità e preparazione per le minacce e le emergenze transfrontaliere, naturali o intenzionali. Abbiamo bisogno di riserve strategiche per ridurre la dipendenza della nostra filiera, soprattutto dai prodotti farmaceutici.

In terzo luogo, è più evidente che mai che dobbiamo esaminare la questione delle competenze in materia di salute. E penso che questo sia un compito nobile e urgente per la Conferenza sul futuro dell'Europa.

E poiché abbiamo vissuto una crisi globale, dobbiamo imparare da essa per il mondo intero. Per questo motivo, con il Presidente del Consiglio Conte e la Presidenza italiana del G20, convocherò il prossimo anno in Italia un vertice mondiale sulla salute."

NEXTGENERATIONEU

Ma i nostri cittadini vogliono uscire da questo mondo del coronavirus, da questa fragilità, dall'incertezza. Sono pronti a cambiare e pronti ad andare avanti. E, per l'Europa, è giunto il momento di agire.
Per l'Europa è giunto il momento di indicare la via da seguire per uscire da questa fragilità e acquisire nuova vitalità : è di questo che voglio parlare oggi.

...come Unione, abbiamo tutti condiviso parte della nostra sovranità per il bene comune.
Abbiamo trasformato la paura e le divisioni tra gli Stati membri in fiducia nella nostra Unione.
Abbiamo dimostrato cosa è possibile quando ci fidiamo gli uni degli altri e ci fidiamo delle nostre istituzioni europee.
E così, stiamo scegliendo non solo di riparare e recuperare qui e ora, ma anche di creare uno stile di vita migliore per il mondo di domani.
Questa è la ragion d'essere dello strumento di stimolo NextGenerationEU.

Ora abbiamo l'opportunità di plasmare il cambiamento piuttosto che sopportarlo dopo un disastro o imporre altrove ...Abbiamo tutto il necessario per realizzarlo. Abbiamo spazzato via le vecchie scuse e le zone di comfort che ci hanno sempre trattenuto. Abbiamo la visione , abbiamo il piano , abbiamo gli investimenti . Adesso è il momento di mettersi al lavoro .

Questa mattina ho inviato al Presidente Sassoli e alla Cancelliera Merkel - che rappresenta la Presidenza tedesca - una lettera di intenti che delinea i piani della Commissione per il prossimo anno.
Non presenterò oggi tutte le iniziative, ma vorrei affrontare i punti sui quali la nostra Unione dovrà concentrarsi nei prossimi dodici mesi."

WELFARE - LAVORO /SURE

"Grazie alla nostra ineguagliabile economia sociale di mercato, l'Europa è in grado di fare proprio questo.

È soprattutto un'economia umana che ci protegge dai grandi rischi della vita: malattie, infortuni, disoccupazione o povertà. Esso fornisce stabilità e ci aiuta a meglio assorbire gli urti. Si crea opportunità e prosperità per promuovere l'innovazione, la crescita e la parità di condizioni.
Questa promessa duratura di protezione, stabilità e opportunità non è mai stata più importante di oggi.

Quando sono entrata in carica, ho promesso di creare uno strumento per proteggere i lavoratori e le aziende da shock esterni. La mia esperienza come Ministro del lavoro e degli affari sociali mi aveva insegnato che questi dispositivi sono efficaci. Grazie a loro, le persone mantengono il posto di lavoro, le imprese conservano le proprie competenze e le PMI la propria attività. Queste PMI sono il motore della nostra economia e saranno il motore della nostra ripresa.
Questo è il motivo per cui la Commissione ha creato il programma SURE. Vorrei anche ringraziare questo Parlamento per aver lavorato alla proposta a tempo di record.
Se l'Europa ha finora evitato la massiccia disoccupazione che vediamo altrove, è in gran parte grazie a regimi di disoccupazione parziale di cui hanno beneficiato quasi 40 milioni di persone.
Questa velocità e l'obiettivo comune consentiranno presto a 16 paesi di ricevere circa 90 miliardi di euro dal programma SURE per sostenere i lavoratori e le imprese.... Questa è la vera solidarietà europea in azione. E questo riflette il fatto che nella nostra Unione la dignità del lavoro deve essere sacra .

SALARIO MINIMO

Ma la verità è che per troppe persone il lavoro non paga più.
Il dumping salariale distrugge la dignità del lavoro, penalizza l'imprenditore che paga salari dignitosi e distorce la concorrenza leale nel mercato unico.
La Commissione presenterà pertanto una proposta legislativa per aiutare gli Stati membri a creare un quadro per i salari minimi . Tutti devono avere accesso a un salario minimo, sia in base a un contratto collettivo che a un salario minimo legale.

Sono un forte sostenitore della contrattazione collettiva e la proposta rispetterà pienamente le competenze e le tradizioni nazionali.
Abbiamo visto in molti Stati membri come un salario minimo ben negoziato garantisca occupazione ed equità, sia per i lavoratori che per le aziende che li apprezzano davvero.
Il salario minimo funziona ed è ora che il lavoro paghi.

STABILITA' : AIUTI E INVESTIMENTI - L'UNIONE ECONOMICA E MONETARIA
La seconda promessa dell'economia sociale di mercato è quella della stabilità.
L'Unione europea ei suoi Stati membri hanno risposto a una crisi senza precedenti con una risposta senza precedenti. Dimostrando di essere unita e all'altezza del compito, l'Europa ha portato la necessaria stabilità alle nostre economie .
La Commissione ha immediatamente attivato la clausola generale nonostante per la prima volta nella nostra storia .
Abbiamo allentato le nostre regole sui fondi europei e sugli aiuti di Stato.
Abbiamo autorizzato oltre 3 trilioni di euro in aiuti alle imprese e all'industria: pescatori in Croazia e agricoltori in Grecia, PMI in Italia e lavoratori autonomi in Danimarca.

La Banca centrale europea ha intrapreso un'azione decisiva nell'ambito del suo programma di appalti di emergenza in caso di pandemia, il PEPP.

La Commissione ha proposto, a tempo di record, NextGenerationEU e un bilancio rivisto.
Combina investimenti e riforme essenziali.
Per la prima volta - e per tempi eccezionali - l'Europa ha messo in atto i propri strumenti comuni per integrare gli stabilizzatori di bilancio nazionali.

Ora dobbiamo mantenere la rotta. Abbiamo visto tutti le previsioni. Possiamo aspettarci una ripresa delle nostre economie dopo un calo del 12% del PIL nel secondo trimestre.
Una politica di sostegno resta necessaria per le nostre economie e dovremo trovare un delicato equilibrio tra sostegno finanziario e sostenibilità fiscale.
A lungo termine, un rafforzamento dell'Unione economica e monetaria è il modo migliore per garantire stabilità e competitività.
La fiducia nell'euro non è mai stata così grande.                                               

Lo storico accordo su NextGenerationEU illustra il sostegno politico di cui gode.

Dobbiamo ora cogliere questa opportunità per attuare riforme strutturali nelle nostre economie e completare l'Unione dei mercati dei capitali e l'Unione bancaria.

MERCATO UNICO

La pandemia ci ha ricordato molte cose che potremmo aver dimenticato o dato per scontate.
Ci ha ricordato come le nostre economie sono collegate e come un mercato unico pienamente funzionante sia essenziale per la nostra prosperità e la nostra capacità di agire.
Il mercato unico è una questione di opportunità: consente al consumatore di ottenere valore per il proprio denaro, all'impresa di vendere dove vuole in Europa e all'industria di rafforzare la propria competitività internazionale.

....Dobbiamo abbattere gli ostacoli al mercato unico. Dobbiamo ridurre la burocrazia. Dobbiamo accelerare l'attuazione e l'applicazione delle regole. E dobbiamo ripristinare le quattro libertà - nella loro interezza e il più rapidamente possibile .

Il buon funzionamento dello spazio Schengen di libera circolazione è un elemento fondamentale in tal senso. Lavoreremo con il Parlamento e gli Stati membri per porre la questione in cima alla nostra agenda politica e proporremo una nuova strategia per il futuro di Schengen .

Grazie a un forte mercato interno, l'industria europea ha a lungo guidato la nostra economia, garantendo condizioni di vita stabili a milioni di persone e creando i meccanismi sociali attorno ai quali sono costruite le nostre comunità.

NUOVA STRATEGIA INDUSTRIALE NELLA DOPPIA TRANSIZIONE ECOLOGICA E DIGITALE

Abbiamo presentato la nostra nuova strategia industriale a marzo per garantire che l'industria possa guidare la doppia transizione ecologica e digitale. Gli ultimi sei mesi hanno solo accelerato questa trasformazione, in un momento in cui il panorama competitivo globale sta cambiando radicalmente. Questo è il motivo per cui aggiorneremo la nostra strategia industriale durante la prima metà del prossimo anno e adatteremo il nostro quadro di concorrenza, che deve anche evolversi.

Il Green Deal per l'Europa è il progetto che ci permetterà di realizzare questa trasformazione .
Si concentra su un obiettivo: rendere l'Europa il primo continente climaticamente neutro entro il 2050.

Su questa base, la Commissione europea propone di aumentare l'obiettivo di riduzione delle emissioni per il 2030 almeno al 55%.
Sono d'accordo che questo aumento dal 40 al 55 per cento è troppo per alcuni e insufficiente per altri.
Ma la nostra valutazione dell'impatto mostra chiaramente che la nostra economia e il nostro settore possono farcela.
E se altri seguiranno il nostro esempio, il mondo sarà in grado di mantenere il riscaldamento globale al di sotto di 1,5 gradi Celsius.

Sono pienamente consapevole che molti dei nostri partner sono lontani da questo obiettivo e tornerò in seguito sul meccanismo di aggiustamento del confine del carbonio.
Ma per noi l' obiettivo per il 2030 è ambizioso, raggiungibile e vantaggioso per l'Europa.

Mentre le emissioni sono diminuite del 25% dal 1990, la nostra economia è cresciuta di oltre il 60%.
La differenza è che i mezzi tecnologici, le competenze e gli investimenti sono ora più numerosi. E siamo già sulla strada per un'economia circolare con una produzione carbon neutral.

Sempre più giovani si battono per il cambiamento. Ci sono prove crescenti che ciò che è buono per il clima è buono per l'economia e buono per tutti noi.
E abbiamo promesso solennemente di non lasciare nessuno indietro durante questa trasformazione. Il nostro Fondo per una transizione giusta ci consentirà di sostenere le regioni che dovranno subire cambiamenti più ampi e più costosi.

Il raggiungimento di questo nuovo obiettivo ridurrà la nostra dipendenza dall'energia importata, creerà milioni di nuovi posti di lavoro e ridurrà di oltre la metà l'inquinamento atmosferico.
Entro la prossima estate, rivedremo tutta la nostra legislazione sul clima e l'energia per allinearla all'obiettivo del 55%.
Miglioreremo lo scambio di quote di emissioni, promuoveremo l'uso di energie rinnovabili, miglioreremo l'efficienza energetica e riformeremo la tassazione dell'energia.

Ma la missione del Green Deal per l'Europa va ben oltre la riduzione delle emissioni.
Il nostro consumo attuale di materie prime, energia, acqua e cibo così come il nostro uso della terra non sono sostenibili. Dobbiamo trattare la natura in modo diverso; dobbiamo cambiare il modo in cui produciamo e consumiamo, viviamo e lavoriamo, mangiamo e riscaldiamo, viaggiamo e trasportiamo.
Quindi affronteremo tutto, dalle sostanze chimiche pericolose alla deforestazione e all'inquinamento.

Questo è un piano per una vera ripresa. È un piano di investimenti per l'Europa.

Ed è qui che NextGenerationEU farà davvero la differenza.

In primo luogo, il 37% di NextGenerationEU andrà direttamente agli obiettivi del nostro Green Deal per l'Europa.

FINANZA VERDE ED ECONOMIA CIRCOLARE

E garantirò che anche la finanza verde passi alla marcia più alta.

Siamo i leader mondiali nella finanza verde e il più grande emittente di obbligazioni verdi al mondo. Stiamo aprendo nuovi orizzonti nello sviluppo di un forte standard UE per i green bond.
E posso annunciare oggi che fisseremo l' obiettivo di aumentare il 30% dei 750 miliardi di euro di NextGenerationEU attraverso i green bond .

In secondo luogo, NextGenerationEU dovrebbe investire in progetti europei di punta con il maggiore impatto: idrogeno, rinnovamento e creazione di 1 milione di stazioni di ricarica elettrica.

Due settimane fa, in Svezia, è iniziata la fase di prova di un progetto pilota unico per produrre acciaio senza combustibili fossili. Lì verrà utilizzato l'idrogeno al posto del carbone per produrre acciaio pulito.
Ciò mostra il potenziale dell'idrogeno per supportare il nostro settore attraverso una nuova licenza di funzionamento pulito.
Voglio che NextGenerationEU crei nuove valli europee dell'idrogeno per modernizzare le nostre industrie, alimentare i nostri veicoli e dare nuova vita alle aree rurali.

Il secondo esempio riguarda gli edifici in cui viviamo e lavoriamo.
I nostri edifici generano il 40% delle nostre emissioni. Devono diventare più economici, meno costosi e più durevoli.
E sappiamo che il settore delle costruzioni può anche trasformarsi in un pozzo di carbonio, e quindi cessare di essere una fonte di carbonio, se vengono utilizzati materiali da costruzione organici come il legno e tecnologie intelligenti come intelligenza artificiale.

Voglio che NextGenerationEU inizi un'ondata di rinnovamento europeo e faccia della nostra Unione un leader nell'economia circolare.

Ma questo non è solo un progetto ambientale o economico: deve anche essere un nuovo progetto culturale per l'Europa. Ogni movimento ha il suo timbro. E dobbiamo dare al nostro cambiamento sistemico una propria estetica, per combinare stile e durata.
Questo è il motivo per cui creeremo un nuovo Bauhaus europeo , uno spazio di co-creazione in cui architetti, artisti, studenti, ingegneri, designer lavorano insieme per raggiungere questo obiettivo.

Questa è la ragion d'essere di NextGenerationEU. Sta plasmando il mondo in cui vogliamo vivere.

Un mondo servito da un'economia che riduce le emissioni, aumenta la competitività, riduce la povertà energetica, crea posti di lavoro gratificanti e migliora la qualità della vita.
Un mondo in cui le tecnologie digitali vengono utilizzate per costruire una società più sana e più verde.
Ciò può accadere solo se agiamo insieme, e presterò particolare attenzione a garantire che i piani di ripresa non solo ci tirino fuori dalla crisi, ma ci aiutino anche a spingere l'Europa nel mondo di domani.


DECENNIO DIGITALE E INTELLIGENZA DIGITALE

Abbiamo bisogno di un piano comune per l'Europa digitale, con obiettivi chiaramente definiti per il 2030, anche in termini di connettività, competenze e servizi pubblici digitali. Abbiamo anche bisogno di principi chiari: diritto alla privacy e alla connettività, libertà di espressione, libero flusso di dati e sicurezza informatica.

Ci sono tre aree su cui penso dovremmo concentrarci.

Innanzitutto, i dati.
Quando si tratta di dati personali, nel commercio tra imprese e consumatori, l'Europa è stata troppo lenta e ora dipende dagli altri.
Questo non dovrebbe essere ripetuto con i dati industriali. La buona notizia è che in questo settore l'Europa è ancora in testa: abbiamo la tecnologia e soprattutto l'industria.
Ma la gara non è ancora vinta. Il volume dei dati industriali in tutto il mondo quadruplicherà nei prossimi cinque anni e le opportunità che offre cresceranno allo stesso ritmo. Dobbiamo fornire alle nostre aziende, PMI e start-up, nonché ai nostri ricercatori, i mezzi per sfruttare appieno il loro potenziale. I dati del settore valgono oro quando si tratta di sviluppare nuovi prodotti e servizi.

La realtà, purtroppo, è che l'80% dei dati industriali viene raccolto ma mai utilizzato. È uno spreco.
Dobbiamo quindi preservare questi dati nell'interesse dell'Europa e renderli ampiamente accessibili.
Ecco perché, nell'ambito di NextGenerationEU, creeremo un "cloud" europeo , basato su Gaia X.

La seconda area su cui dobbiamo concentrare i nostri sforzi è la tecnologia, e in particolare quella dell'intelligenza artificiale.
Che si tratti di agricoltura di precisione, diagnostica medica più affidabile o guida autonoma sicura, l'intelligenza artificiale ci aprirà nuovi mondi. Ma anche questi mondi hanno bisogno di regole.
In Europa vogliamo una base di regole che metta le persone al centro. Gli algoritmi non devono essere una scatola nera e devono esserci regole chiare se qualcosa va storto.

La Commissione proporrà uno strumento legislativo in tal senso il prossimo anno. Riguarderà in particolare il controllo dei nostri dati personali, che oggi ci sfugge troppo spesso. Ogni volta che un'app o un sito web ci chiede di creare una nuova identità digitale o di connetterci facilmente attraverso una grande piattaforma, non abbiamo idea di cosa accada ai nostri dati, in realtà.

Questo è il motivo per cui la Commissione proporrà presto un'identità elettronica europea sicura.
Un'identità affidabile che qualsiasi cittadino può utilizzare ovunque in Europa per qualsiasi scopo, come pagare le tasse o noleggiare una bicicletta. Una tecnologia che ci permetterà di controllare quali dati condividiamo e l'uso che se ne può fare.

Il terzo punto riguarda le infrastrutture.

Le connessioni dati devono tenere il passo con la rapida evoluzione della nostra società.
Se cerchiamo di creare un'Europa delle pari opportunità, è inaccettabile che il 40% delle persone nelle zone rurali non abbia ancora accesso a una connessione veloce a banda larga.

Questo tipo di connessione è ormai indispensabile per poter telelavorare, imparare a casa, fare acquisti online e, sempre più, utilizzare importanti nuovi servizi. Senza una connessione a banda larga, è praticamente impossibile far crescere o gestire un'attività in modo efficace.
I collegamenti veloci rappresentano un'opportunità unica, ma anche un prerequisito, per rivitalizzare le aree rurali. Ne hanno assolutamente bisogno per sfruttare al massimo il loro potenziale e attirare più persone e investimenti.
La spinta che NextGenerationEU darà agli investimenti è un'opportunità unica per stimolare la crescita fino al villaggio più piccolo. Questo è il motivo per cui vogliamo concentrare i nostri investimenti sulla connettività sicura e sull'implementazione di 5G, 6G e fibra.
NextGenerationEU è anche un'opportunità unica per sviluppare un approccio europeo più coerente alla connettività e alla diffusione dell'infrastruttura digitale.
In quest'ottica, sono lieta di annunciare un investimento di 8 miliardi di euro nella prossima generazione di supercomputer , tecnologia all'avanguardia "made in Europe".
Vogliamo anche vedere l'industria europea sviluppare i propri microprocessori di prossima generazione, che ci consentiranno di utilizzare quantità crescenti di dati in modo sicuro ed efficiente dal punto di vista energetico.
Questo è ciò di cui sarà fatto il "decennio digitale dell'Europa"!

Con nuovi hub digitali che spuntano ovunque, da Sofia a Lisbona o Katowice, non c'è mai stato momento migliore per investire nelle aziende tecnologiche europee. Abbiamo le persone, le idee e la forza di un'Unione per avere successo.
Questo è il motivo per cui investiremo il 20% del budget di NextGenerationEU nel digitale.


UN'EUROPA PIENA DI VITALITÀ IN UN MONDO FRAGILE

La pandemia ha messo in luce sia la fragilità del sistema globale che l'importanza della cooperazione nell'affrontare le sfide collettive.
Nessuno di noi sarà al sicuro finché non saremo tutti al sicuro, non importa dove viviamo o cosa possediamo.
Un vaccino accessibile, economico e sicuro è il modo più promettente per tenerci al sicuro .
Con la società civile, il G20, l'OMS e altri partner, abbiamo riunito più di 40 paesi per raccogliere 16 miliardi di euro per finanziare la ricerca su vaccini, test e trattamenti per il mondo, dimostrando da qui l'impareggiabile potere di mobilitazione dell'UE.
Ma trovare un vaccino non è sufficiente. Dobbiamo garantire che i cittadini europei e quelli di tutto il mondo vi abbiano accesso.
L'UE ha aderito al meccanismo globale COVAX questo mese e ha contribuito con 400 milioni di euro per rendere i vaccini sicuri accessibili non solo a coloro che possono permetterseli, ma a tutti coloro che ne hanno bisogno.

POLITICA ESTERA

Crediamo fermamente nella forza e nel valore della cooperazione nelle organizzazioni internazionali.
È con le Nazioni Unite forti che saremo in grado di trovare soluzioni a lungo termine a crisi come quelle in Libia e Siria.
È con una forte Organizzazione mondiale della sanità che possiamo prepararci e rispondere meglio a pandemie globali o epidemie locali: coronavirus o Ebola.
Ed è con una forte Organizzazione mondiale del commercio che possiamo garantire una concorrenza leale per tutti.
Ma bisogna anche riconoscere che il rilancio e la riforma del sistema multilaterale non è mai stato così urgente .
Questo è il motivo per cui voglio che l'UE assuma un ruolo guida nel movimento di riforma dell'OMC e dell'OMS, al fine di adattarli al mondo di oggi.
Non c'è dubbio che l'Europa deve prendere una posizione chiara e intervenire rapidamente sulle questioni internazionali.

L'ultimo incontro dei leader UE-Cina si è svolto due giorni fa.
Il rapporto che l'Unione europea ha con la Cina è sia uno dei più strategicamente importanti che uno dei più impegnativi.
Abbiamo interessi comuni su questioni come il cambiamento climatico e la Cina ha mostrato la volontà di cooperare avviando un dialogo ad alto livello. Tuttavia, ci aspettiamo che la Cina onori i suoi impegni ai sensi dell'accordo di Parigi e dia il buon esempio.
Molto resta da fare per quanto riguarda l'accesso equo al mercato per le imprese europee, la reciprocità e la sovraccapacità. La nostra partnership commerciale e di investimento rimane sbilanciata.
Ed è indiscutibile che i sistemi di governance e società che promuoviamo sono molto diversi. Crediamo nel valore universale della democrazia e dei diritti dell'individuo.
Dobbiamo quindi sempre denunciare le violazioni dei diritti umani ogni volta e ovunque si verifichino, a Hong Kong o tra gli uiguri.

Quando gli Stati membri criticano l'Europa per essere troppo lenta, chiedo loro di essere coraggiosi e di passare finalmente al voto a maggioranza qualificata, almeno per quanto riguarda i diritti umani e l'attuazione sanzioni.
Quest'Aula ha ripetutamente invitato l'Europa ad avere un equivalente della "Legge Magnitsky" e posso annunciare che ora presenteremo una proposta. Dobbiamo completare la nostra cassetta degli attrezzi.

Che si tratti di Hong Kong, Mosca o Minsk: l'Europa deve prendere una posizione in modo chiaro e rapido. Voglio dirlo forte e chiaro: l'Unione europea è dalla parte del popolo bielorusso.
Siamo tutti commossi dall'immenso coraggio di coloro che si sono riuniti pacificamente in Piazza Indipendenza o che hanno preso parte alla coraggiosa marcia delle donne.
Le elezioni che li hanno portati in piazza non sono state né libere né eque e il modo brutale con cui ha reagito il governo è stato vergognoso.
I bielorussi devono essere liberi di decidere da soli il proprio futuro. Non sono solo pedine su una scacchiera.

A coloro che sostengono legami più stretti con la Russia, dico che l'avvelenamento di Alexei Navalny con un agente nervino chimico non è un atto isolato. Abbiamo visto questo tipo di pratica in Georgia e Ucraina, Siria e Salisbury, per non parlare dell'interferenza elettorale in tutto il mondo . Queste pratiche non stanno cambiando e non è un gasdotto che le cambierà.

La Turchia è e sarà sempre un vicino importante. Ma se siamo geograficamente vicini, la distanza tra di noi sembra continuare a crescere. Sì, la Turchia è in una regione travagliata. E sì, riceve milioni di rifugiati, per la cui accoglienza paghiamo una considerevole assistenza finanziaria. Ma niente di tutto questo giustifica i tentativi di intimidire i suoi vicini.

I nostri Stati membri, Cipro e Grecia, potranno sempre contare sulla piena solidarietà europea per tutelare i loro legittimi diritti in materia di sovranità. 

La riduzione dell'escalation nel Mediterraneo orientale è nel nostro reciproco interesse. A questo proposito, il ritorno di navi da esplorazione nei porti turchi nei giorni scorsi è un passo nella giusta direzione. Era necessario creare lo spazio necessario per il dialogo. C'è solo una strada da percorrere: astenersi dall'agire unilateralmente e riprendere i colloqui in buona fede, perché questa è la strada per la stabilità e soluzioni durature.
Potremmo non essere sempre d'accordo con le recenti decisioni della Casa Bianca. Ma apprezzeremo sempre l'alleanza transatlantica , basata su valori e storia condivisi e su un legame incrollabile tra i nostri popoli.
E siamo pronti a lavorare insieme per riformare il sistema internazionale che abbiamo costruito insieme , con partner che condividono gli stessi valori, nel nostro interesse e nell'interesse del bene comune.

  BREXIT

Dobbiamo ricominciare da capo con vecchi amici, su entrambe le sponde dell'Atlantico e su entrambe le sponde della Manica.
D'altra parte, ogni giorno che passa le possibilità di raggiungere un accordo in tempo si indeboliscono davvero.
E la Commissione ha, nella persona di Michel Barnier, il negoziatore più competente ed esperto, per guidarci attraverso queste insidie.
Tuttavia, i negoziati non sono proseguiti come avremmo voluto. Ora abbiamo pochissimo tempo a disposizione.
Il risultato preserva i diritti dei nostri cittadini, gli interessi finanziari, l'integrità del mercato unico e, soprattutto, l'accordo del Venerdì Santo.
Questo accordo è stato ratificato da questa Camera e dalla Camera dei Comuni. Non è possibile modificarlo unilateralmente, ignorarlo o cessarne l'applicazione. È una questione di legge, di fiducia e di buona fede.

L'Europa sarà sempre pronta a costruire solide partnership con i suoi vicini più prossimi.
Inizia con i Balcani occidentali.
Sei mesi fa la decisione di aprire i negoziati di adesione con l'Albania e la Macedonia del Nord è stata davvero storica. In effetti, il futuro di questa intera regione è nell'UE. Condividiamo la stessa storia e lo stesso destino.

I Balcani occidentali fanno parte dell'Europa, non sono solo uno scalo sulla Via della Seta .
Presenteremo presto un piano di ripresa economica per i Balcani occidentali , incentrato su una serie di iniziative di investimento regionale.

Quando sono entrata in carica, la mia prima visita al di fuori dell'Unione Europea è stata nell'Unione Africana, e quella scelta è stata naturale. Si è imposto naturalmente e il messaggio era chiaro, perché non siamo solo vicini, ma partner naturali.
Tre mesi dopo, durante una nuova visita con l'intero Collegio, abbiamo stabilito le nostre priorità per la nostra nuova strategia con l'Africa. È un partenariato basato sull'uguaglianza, che offre a entrambe le parti prospettive e responsabilità comuni.... sia quando si tratta di questioni legate al clima, sia digitale o commerciale.

RELAZIONI COMMERCIALI

Continueremo a credere in relazioni commerciali aperte ed eque in tutto il mondo . Non come fine a se stesso, ma come mezzo per portare prosperità ai nostri paesi e promuovere i nostri valori e standard. Oltre 600.000 posti di lavoro in Europa sono strettamente legati al commercio con il Giappone. E l'accordo che abbiamo recentemente concluso con il Vietnam ha garantito diritti storici a milioni di lavoratori.

Useremo il nostro potere diplomatico e il nostro potere economico per negoziare accordi che fanno la differenza: accordi, ad esempio, per le aree marine protette in Antartide. Sarebbe uno dei più grandi atti di protezione ambientale della storia.

Costruiremo coalizioni estremamente ambiziose su questioni come l'etica digitale o la lotta contro la deforestazione - e svilupperemo collaborazioni con tutti i partner che la pensano allo stesso modo - dalle democrazie asiatiche all'Australia, all'Africa, alle Americhe. e qualsiasi altro paese che desideri aderire.

Lavoreremo per una globalizzazione equa .
Lo stesso principio si applica alla tassazione digitale . Faremo tutto il possibile per raggiungere un accordo nel quadro dell'OCSE e del G20. Ma non c'è dubbio che, se l'accordo raggiunto non consente l'istituzione di un sistema fiscale equo che fornisca entrate sostenibili a lungo termine, l'Europa presenterà una proposta in questa direzione all'inizio del prossimo anno.
Vogliamo che l'Europa svolga il ruolo di difensore dell'equità a livello mondiale.

IMMIGRAZIONE
La questione della migrazione è stata oggetto di discussioni sufficientemente lunghe....
Come tutti sappiamo, la crisi migratoria del 2015 ha causato molte e profonde divisioni tra gli Stati membri: alcune delle cicatrici che ha lasciato sono ancora visibili oggi. Da allora sono stati compiuti passi importanti. Ma c'è ancora molto da fare.

La prossima settimana la Commissione presenterà il suo nuovo patto sulla migrazione.
Adotteremo un approccio incentrato sull'uomo e umano . Salvare vite umane in mare non è un optional. E i paesi che adempiono ai loro obblighi legali e morali o che sono più esposti di altri devono poter contare sulla solidarietà di tutta la nostra Unione europea.

Forniremo un collegamento più stretto tra asilo e rimpatrio. Dobbiamo fare una chiara distinzione tra coloro che hanno il diritto di restare e coloro che non lo hanno.
Adotteremo misure per combattere i trafficanti, rafforzare le frontiere esterne, approfondire i partenariati esterni e creare vie legali di accesso.
Inoltre, faremo in modo che coloro che hanno il diritto di soggiorno siano inclusi e si sentano i benvenuti.
Dobbiamo tutti intensificare i nostri sforzi in questo settore e assumerci le nostre responsabilità - ed è esattamente ciò che farà la Commissione.
La Commissione sta attualmente lavorando a un piano per un progetto pilota, realizzato congiuntamente con le autorità greche, per creare un nuovo campo sull'isola di Lesbo. Possiamo aiutare con le procedure di asilo e rimpatrio e migliorare in modo significativo le condizioni di vita dei rifugiati....
La migrazione è una sfida europea ed è l'Europa intera che deve fare la sua parte.

LO STATO DI DIRITTO

Non è un termine astratto. Lo Stato di diritto aiuta a proteggere i cittadini dallo Stato di diritto dei più forti. È il garante dei nostri diritti e delle nostre libertà più elementari, giorno per giorno. Ci permette di esprimere le nostre opinioni e di essere informati da una stampa libera.
Entro la fine del mese, la Commissione adotterà la prima relazione annuale sullo Stato di diritto, che copre tutti gli Stati membri.
È uno strumento di prevenzione che consente di rilevare rapidamente i problemi e trovare soluzioni.
La Commissione attribuisce la massima importanza allo Stato di diritto. Questo è il motivo per cui garantiremo che i fondi disponibili nell'ambito del nostro bilancio e dello strumento NextGenerationEU siano protetti contro tutte le forme di frode, corruzione e conflitti di interesse. Questo è un punto non negoziabile.
Tuttavia, gli ultimi mesi ci hanno anche ricordato quanto possa essere fragile lo Stato di diritto. Abbiamo il dovere di esercitare una vigilanza costante per proteggere lo Stato di diritto e consentirgli di prosperare.
Le violazioni dello Stato di diritto non possono essere tollerate. Continueremo a sostenere lo Stato di diritto e difendere l'integrità delle nostre istituzioni europee, che si tratti dello Stato di diritto europeo, della libertà di stampa, dell'indipendenza della magistratura o della vendita di "passaporti d'oro". Le azioni europee non sono in vendita.

Ora è il momento di costruire un'Unione veramente antirazzista, condannando il razzismo, ma anche agendo. La Commissione presenterà un piano d'azione per iniziare a trasformare questo progetto in realtà. In questo quadro, proporremo di estendere l'elenco dei reati previsti dal diritto dell'UE a tutte le forme di crimini ispirati dall'odio e di incitamento all'odio, siano essi basati su razza, religione, genere o sessualità.
Useremo il nostro budget per combattere la discriminazione in settori come l'occupazione, l'alloggio o l'assistenza sanitaria.
Inoltre, la Commissione nominerà il suo primo coordinatore contro il razzismo per dare priorità alla questione e lavorare direttamente con i cittadini, la società civile e le istituzioni.

Questo è il motivo per cui voglio essere chiaro: le "zone libere da LGBTQI" sono zone senza umanità . E non hanno posto nella nostra Unione.
Al fine di garantire il sostegno all'intera comunità, la Commissione elaborerà presto una strategia per rafforzare i diritti LGBTQI.
In questo contesto, sosterrò anche il riconoscimento reciproco delle relazioni familiari nell'UE. Se sei un genitore in un paese, sei un genitore in tutti i paesi .

Il futuro sarà ciò che ne faremo. E l'Europa sarà ciò che vogliamo che sia.
lavoriamo per costruirla. Per renderla forte. E per costruire il mondo in cui vogliamo vivere. Lunga vita all'Europa! (16/09/2020- ITL/ITNET)

Altri prodotti editoriali

Contatti

Contatti

Borsa italiana
Borsa italiana

© copyright 1996-2007 Italian Network
Edizioni Gesim SRL − Registrazione Tribunale di Roma n.87/96 − ItaliaLavoroTv iscrizione Tribunale di Roma n.147/07