Direttore responsabile Maria Ferrante − sabato 28 novembre 2020 o consulta la mappa del sito
italialavorotv.it

Sponsor

IMPRESE ITALIANE NEL MONDO - EUROPA - PMI RAPPRESENTANO 99% IMPRESE E CATENE DI VALORE IN EUROPA - PROF.STIGLITZ: "NECESSARIO GIUSTO EQUILIBRIO FRA GOVERNO, MERCATO E SOCIETA' CIVILE

(2020-11-16)

Oggi la Commission UE, insieme alla presidenza tedesca del Consiglio dell'Unione europea, ha organizzato l'assemblea annuale delle PMI, che quest'anno si svolgerà interamente online e verterà sul sostegno alla ripresa delle PMI europee e alla loro resilienza nel contesto della pandemia di coronavirus.

All'evento, ospitato dal Ministro federale dell'Economia e dell'energia Peter Altmaier e dal Commissario per il Mercato interno Thierry Breton, partecipano oratori di alto livello, tra cui il professor Joseph Stiglitz, vincitore del premio Nobel, e l'economista politica Maja Göpel.

Durante il suo intervento di apertura, il Commissario Breton ha sottolineato: "Le PMI dell'UE non solo rappresentano il 99% delle imprese in Europa, ma sono anche profondamente integrate in tutti gli ecosistemi industriali e sono protagoniste di ogni catena del valore. Apportano soluzioni innovative e svolgono un ruolo cruciale nella ripresa verde e digitale dalla pandemia di coronavirus. Le PMI sono state duramente colpite dalla crisi ed è per questo che dobbiamo intensificare la lotta contro i ritardi di pagamento quale mezzo per garantire e accrescere la liquidità delle imprese".

Il premio Nobel Joseph Stiglitz, e professore alla Columbia University,  a sua volta, ha affermato: "Dobbiamo trasformare il nostro sistema economico trasformando la dipendenza dai combustibili fossili in  energie rinnovabili e per farlo abbiamo bisogno di un rapido rinnovamente" invitando ad  una nuova partnership tra il settore pubblico e privato.

La conferenza del professor Stiglitz ha trattato argomenti come i problemi causati dall'enfasi sui mercati senza sufficienti mercati regolamentari; gli effetti economici della pandemia COVID e l'effetto dei tagli ai bilanci scientifici; l'ascesa dei giganti della tecnologia; il ruolo dell'innovazione nel trasformare il nostro sistema economico dalla dipendenza dai combustibili fossili alle energie rinnovabili; e le sue speranze per la nuova amministrazione americana.

Parlando dell'equilibrio tra mercati e governi, il professor Stiglitz ha affermato  "negli ultimi decenni abbiamo perso quell'equilibrio che abbiamo mantenuto sotto il neoliberismo, abbiamo posto tutta l'accento sui mercati ma senza governi, senza investimenti governativi, senza  regolamentazioni, i mercati non funzionano bene. In effetti, nella crisi del 2008 abbiamo visto quanto funzionassero male. Il settore finanziario anche se assorbiva l'8% del PIL dal 2,5% del PIL, non stava allocando le risorse in modo più efficiente, non stava creando una crescita più elevata, stava creando più instabilità e c' era l'assenza del governo nella regolamentazione del mercato che ha portato ai risultati disastrosi che abbiamo visto ".

Il professor Stiglitz ha anche affrontato la pandemia COVID, descrivendola come un "esperimento naturale" di "proporzioni storiche". Parlando della pandemia, ha continuato dicendo che "è divenuto un campo di sperimentazione per i ricercatori sociali, per gli economisti, per gli epidemiologi, mentre studiano quali tipi di azioni hanno portato a controllare la pandemia e controllare le conseguenze economiche della pandemia".

Ha concluso la conferenza parlando di Schumpeter e della sua visione di come fosse un'economia di mercato dinamica.

“Grazie per avermi invitato a rivolgermi a voi in questa conferenza di Schumpeter, Schumpeter aveva una visione di come fosse un'economia di mercato dinamica, era una buona visione, che il dinamismo porta al fiorire dello spirito umano.

Quello spirito imprenditoriale ha il potenziale, come in passato ha innalzato gli standard di vita per tutti, ma non saremo all'altezza di quel potenziale se non avremo il giusto equilibrio tra governo, mercato e società civile. Un nuovo contratto sociale che abbraccia investimenti pubblici, normative forti, anche sull'ambiente, e regole giuste.
Siamo in un momento critico, ci stiamo riprendendo, si spera, dalla pandemia o saremo in un futuro non troppo lontano, avremmo dovuto imparare molte lezioni e tra le lezioni c'è l'importanza della scienza, l'importanza delle buone istituzioni , l'importanza della cooperazione globale, l'importanza dell'innovazione e, poiché ho sottolineato le cose che hanno contribuito al successo nell'affrontare la sfida della pandemia, credo che contribuiranno anche al successo nel raggiungimento di una prosperità condivisa a lungo termine. " (16/11/2020-ITL/ITNET)

Altri prodotti editoriali

Contatti

Contatti

Borsa italiana
Borsa italiana

© copyright 1996-2007 Italian Network
Edizioni Gesim SRL − Registrazione Tribunale di Roma n.87/96 − ItaliaLavoroTv iscrizione Tribunale di Roma n.147/07