Direttore responsabile Maria Ferrante − sabato 28 novembre 2020 o consulta la mappa del sito
italialavorotv.it

Sponsor

IMPRESE ITALIANE NEL MONDO - EUROPA/INDUSTRIA - EUROPARL CHIEDE A COMMISSIONE UE AIUTI PMI (99% IMPRESE UE) POST PANDEMIA E TRANSIZIONE DIGITALE E AMBIENTALE

(2020-11-18)

  Gli europarlamentari chiedono che la futura strategia industriale dell'UE aiuti le imprese a sopravvivere alla crisi del Covid-19 e ad affrontare le transizioni digitali e ambientali.
Le imprese europee sono state duramente colpite dalla pandemia Covid-19 , poiché molte hanno dovuto chiudere o ridurre la loro forza lavoro mentre trovavano nuovi modi di lavorare nell'ambito di nuove misure restrittive. Prima di effettuare le necessarie transizioni digitali e verdi, l'industria dell'UE deve riprendersi dalla pandemia.

Durante la plenaria di novembre, i deputati ribadiranno la loro richiesta alla Commissione europea di rivedere la sua proposta di marzo 2020 sulla nuova strategia industriale dell'UE .

In una bozza di relazione adottata il 16 ottobre, i membri della commissione industria, ricerca ed energia hanno chiesto un cambiamento nell'approccio dell'UE alla politica industriale sulla scia della pandemia aiutando le imprese a far fronte alla crisi e ad affrontare le transizioni digitali e ambientali.

L'industria rappresenta oltre il 20% dell'economia dell'UE e impiega circa 35 milioni di persone, con molti milioni di posti di lavoro in più ad essa collegati in patria e all'estero. Inoltre rappresenta l'80% delle esportazioni di merci. L'UE è anche uno dei principali fornitori e destinazioni globali per gli investimenti diretti esteri.

Nel contesto della nuova strategia industriale, l'UE dovrebbe consentire alle aziende di contribuire ai suoi obiettivi di neutralità climatica - come delineato nella tabella di marcia del Green Deal - sostenere le imprese, in particolare le piccole e medie imprese nella transizione verso un'economia digitale e carbon neutral e contribuire a creare posti di lavoro di alta qualità, senza compromettere la competitività dell'UE.

Secondo i deputati; tale strategia dovrebbe consistere in due fasi: una fase di ripresa per consolidare l'occupazione, riattivare la produzione e adattarsi a un periodo post-Covid; seguita da ricostruzione e trasformazione industriale.

Perchè ciò avvenga si dovrebbe: consentire alle piccole imprese di raggiungere una crescita sostenibile
Le piccole e medie imprese sono la spina dorsale dell'economia dell'UE e rappresentano oltre il 99% di tutte le imprese europee. La strategia industriale dovrebbe concentrarsi su di loro, in quanto molti hanno contratto debiti a causa delle misure nazionali del coronarivus, riducendo la loro capacità di investimento, che rischia di innescare una crescita lenta a lungo termine.

Il Covid Recovery Fund fa parte della prima fase di risposta all'emergenza e dovrebbe essere distribuito in base al livello di danno subito, alle sfide affrontate e all'importo del sostegno finanziario già ricevuto tramite i regimi di aiuti nazionali.

La preferenza dovrebbe essere data alle imprese e alle piccole imprese orientate alla trasformazione digitale e ambientale e che quindi investono in attività sostenibili dal punto di vista ambientale .

Obiettivi degli eurodeputati sono:
- Garantire che le transizioni verdi e digitali siano eque e socialmente giuste e siano seguite da iniziative di formazione dei lavoratori
- Creare una nuova valutazione dell'impatto dei potenziali costi e oneri della transizione per le aziende europee, comprese le piccole e medie imprese
- Assicurare che gli aiuti di Stato forniti nella fase di emergenza non portino a distorsioni permanenti nel mercato unico.
- Riportare le industrie strategiche nell'UE
- Investire in imprese più verdi, digitali e innovative

Durante la seconda fase, la strategia industriale dovrebbe garantire competitività, resilienza e sostenibilità a lungo termine. Gli obiettivi includono:
- Concentrarsi  sugli aspetti sociali del cambiamento strutturale
- Rivitalizzare i territori che dipendono dai combustibili fossili utilizzando il Fondo per una transizione giusta , che fa parte del piano finanziario dell'UE per il clima
- Garantire che le sovvenzioni dell'UE vadano alle società sostenibili dal punto di vista ambientale e rafforzare il finanziamento sostenibile alle aziende nel processo di decarbonizzazione
- Utilizzo del meccanismo Border Carbon Adjustments per aiutare a proteggere i produttori e i posti di lavoro dell'UE dalla concorrenza internazionale sleale
- Avere un'industria farmaceutica basata sulla ricerca e un piano di mitigazione del rischio di carenza di farmaci
- Sfruttare l' economia circolare , privilegiando il principio "efficienza energetica al primo posto", risparmio energetico e tecnologie delle energie rinnovabili
- Usare il gas per abbandonare i combustibili fossili e l' idrogeno come potenziale tecnologia rivoluzionaria
- Investire nell'intelligenza artificiale e attuare un mercato unico europeo dei dati e del digitale, costruire un migliore sistema di tassazione digitale e sviluppare standard europei sulla sicurezza informatica
- Investire di più in ricerca e sviluppo
- Revisione delle norme antitrust dell'UE per garantire la competitività globale. (18/11/2020-ITL/ITNET)

Altri prodotti editoriali

Contatti

Contatti

Borsa italiana
Borsa italiana

© copyright 1996-2007 Italian Network
Edizioni Gesim SRL − Registrazione Tribunale di Roma n.87/96 − ItaliaLavoroTv iscrizione Tribunale di Roma n.147/07