Direttore responsabile Maria Ferrante − sabato 28 novembre 2020 o consulta la mappa del sito
italialavorotv.it

Sponsor

ITALIANI E ITALIANI ALL'ESTERO - EUROPA - DICHIARAZIONI PRES. MICHEL A CHIUSURA INCONTRO ON LINE CON MEMBRI CONSIGLIO EUROPEO SUL QFP

(2020-11-19)

  Al termine dell'incontro con i membri del Consiglio Europeo - come di consueto - il Pres. del Consiglio Charles Michel ha sintetizzato sommariamente i risultati dell'incontro, aperto dallo stallo della posizione di Polonia ed Ungheria in opposizione alle decisioni assunte nei mesi scorsi sul Recovery Plan ed il bilancio europeo.

"Prima di parlare di COVID-19, vorrei darvi un breve aggiornamento sul QFP (quadro finanziario pluriennale). Come sapete, a luglio abbiamo approvato all'unanimità il QFP e il pacchetto di recupero. Dobbiamo restare uniti su questo. Questo pacchetto finanziario è essenziale per la nostra ripresa economica. Dobbiamo implementarlo il prima possibile.

Il cancelliere Merkel ci ha fornito un aggiornamento sullo stato di avanzamento della discussione in corso dopo l'ultimo trilogo con il Parlamento. Sul meccanismo della condizionalità, la grande maggioranza degli Stati membri concorda con il compromesso sul tavolo. Alcuni Stati membri hanno indicato di non essere in grado di sostenere la maggioranza (ndr.- ovvero l'opposizione di Ungheria, Polonia)  Continueremo le discussioni per trovare una soluzione accettabile per tutti." così il Pres. Michel ha riassunto la situazione di stallo nella quale si trova ora l'Unione Europea di fronte al veto di Polonia e Ungheria che hanno posto il loro veto. Il che significa che esiste il rischio di far saltare bilancio e piano Next Generation EU.

Sul terrorismo. Abbiamo espresso la nostra solidarietà alla Francia e all'Austria. Non eviteremo mai di difendere i nostri valori e promuovere le nostre libertà. E continueremo a combattere l'ideologia dell'odio, anche online. È fondamentale per noi esaminare il ruolo delle piattaforme online e definire un quadro più rigoroso.

Torneremo su questo problema a dicembre. Attendiamo con impazienza la proposta della Commissione su questo, il Digital Services Act, che ci aspettiamo a dicembre.

COVID-19 in Europa rimane serio e preoccupante e stiamo monitorando la situazione da vicino. Ecco perché oggi abbiamo continuato le nostre discussioni per valutare la situazione attuale e coordinare i nostri sforzi. Abbiamo visto segnali promettenti dal nostro ultimo incontro, ma rimaniamo cauti e vigili. Non possiamo abbassare la guardia.

Abbiamo discusso ancora 3 questioni importanti: test, vaccini e revoca di misure restrittive e coordinamento.

Innanzitutto, durante i test. Abbiamo discusso di come sviluppare un approccio comune dell'UE per l'uso dei test rapidi dell'antigene. Questi test sono complementari ai test PCR nelle nostre strategie di test. Dobbiamo lavorare per il riconoscimento reciproco dei test e dei loro risultati. Per i test rapidi, questo si basa su criteri comuni che ne garantiscono le prestazioni. Abbiamo anche discusso le strategie di test nazionali e scambiato le migliori pratiche.

Secondo, sui vaccini. I risultati delle recenti sperimentazioni sono incoraggianti. I vaccini futuri sono a portata di mano e dobbiamo essere pronti. Abbiamo deciso di accelerare i preparativi dei piani di vaccinazione nazionali per garantire che i vaccini siano disponibili e alla portata di tutti i cittadini dell'UE, una volta autorizzati.

Ci rallegriamo del fatto che gli Stati membri e la Commissione abbiano già finalizzato diversi accordi di acquisto anticipato. Ci saranno, lo sappiamo, sfide logistiche come lo stoccaggio, il trasporto e il numero di dosi. E un'altra sfida sarà la comunicazione. Il numero di persone che diffidano dei vaccini è in aumento e dobbiamo comunicare chiaramente il loro valore.

Infine, abbiamo avuto una discussione sulla revoca delle restrizioni. Dobbiamo imparare le lezioni del passato ed essere cauti quando revociamo le restrizioni. Dovrebbe essere graduale e regressivo. Vogliamo tutti festeggiare le vacanze di fine anno ma in sicurezza. Suoniamo il nuovo anno in sicurezza.

COVID-19 ha un costo umano devastante. Ci sono familiari e amici dietro tutti i numeri e le statistiche. Non dimentichiamolo mai. Ecco perché lavoriamo 24 ore su 24, 7 giorni su 7 per sconfiggere questo virus. Continuiamo a stare insieme, lavorare insieme e sostenerci a vicenda. Seguiremo la nostra prossima riunione del Consiglio europeo di dicembre. (19/11/2020-ITL/ITNET)

Altri prodotti editoriali

Contatti

Contatti

Borsa italiana
Borsa italiana

© copyright 1996-2007 Italian Network
Edizioni Gesim SRL − Registrazione Tribunale di Roma n.87/96 − ItaliaLavoroTv iscrizione Tribunale di Roma n.147/07