Direttore responsabile Maria Ferrante − giovedì 28 gennaio 2021 o consulta la mappa del sito
italialavorotv.it

Sponsor

SINDACATI ITALIANI NEL MONDO - EUROPA - CES: AUMENTATI LAVORATORI POVERI (+12% TRA 2010 E 2019) IN 16 STATI MEMBRI UE NONOSTANTE MIGLIORAMENTO ECONOMIA - ITALIA IV POSTO.

(2020-12-10)

Sono necessari aumenti salariali poiché la povertà lavorativa aumenta del 12% nell'UE
Il numero di persone considerate "lavoratori poveri" è aumentato nella maggior parte degli Stati membri nell'ultimo decennio, rivela un nuovo importante rapporto sull'economia europea che verrà lanciato oggi.

Un'analisi dei dati di Eurostat ha rilevato che la percentuale di lavoratori a rischio di povertà è aumentata in 16 Stati membri tra il 2010 e il 2019 nonostante l'economia sia migliorata durante quel periodo.

L'Ungheria, il Regno Unito, l'Estonia, l'Italia e il Lussemburgo hanno subito i maggiori aumenti, con un tasso di rischio di povertà che è aumentato tra il 58% e il 27%.

Ciò ha contribuito a un aumento del 12% dei lavoratori poveri in tutta l'UE, il che significa che circa un lavoratore europeo su dieci ora scende al di sotto della soglia di rischio di povertà di Eurostat, il 60% del reddito mediano nazionale.

I giovani, i lavoratori migranti e quelli con contratto a tempo determinato sono tra i più colpiti, anche se si sono registrati aumenti per ogni categoria di lavoratori compresi quelli con orario a tempo pieno e contratti a tempo indeterminato.

Il quadro desolante è esposto nell'ultimo rapporto annuale ETUI / CES "Benchmarking Working Europe 2020", che mostra anche che solo quattro Stati membri hanno salari minimi legali superiori alla soglia salariale a rischio di povertà.

La Commissione europea ha pubblicato una proposta di direttiva sui salari minimi in ottobre, ma non fa nulla per impedire che i salari minimi legali continuino a essere fissati al di sotto della soglia del salario di povertà.

La CES chiede i seguenti miglioramenti chiave per far uscire i lavoratori dalla povertà:

Una clausola della direttiva che impedisca di fissare il salario minimo al di sotto della linea salariale a rischio di povertà *
Il divieto di erogare fondi pubblici alle aziende che rifiutano ai propri lavoratori il diritto alla contrattazione collettiva
Porre fine all'esclusione di alcuni lavoratori, come i lavoratori domestici o i giovani, dal salario minimo legale
Il vice segretario generale della CES Esther Lynch ha dichiarato:

“È uno scandalo che più persone che lavorano vivono in povertà ora che al culmine della crisi finanziaria nonostante l'economia in crescita. È chiaro che è necessaria un'azione a livello dell'UE.

“La contrattazione collettiva è il modo migliore per ottenere ai lavoratori una giusta quota della ricchezza che stanno creando, ma questa direttiva deve essere modificata se si vuole garantire che gli Stati membri sostengano i sindacati per aumentare il numero di datori di lavoro che sottoscrivono contratti collettivi.

“L'UE deve anche garantire che i salari minimi, laddove esistono, non possano più essere fissati a un livello che lasci i lavoratori e le loro famiglie a vivere in povertà - che sconfigge l'intero punto di un salario minimo.

"La Commissione europea ha riconosciuto che l'aumento della povertà lavorativa è un male per la società e l'economia, ma le misure che hanno proposto finora faranno ben poco per invertire questa tendenza".

* La CES richiede una soglia del 60% del salario medio e del 50% del salario medio

Il benchmarking Working Europe 2020 è stato lanciato giovedì 10 dicembre in un evento online dalle 15.45 alle 17.30 CET - vedere https://www.etui.org/events/covid-19-and-world-work-impact-pandemic

Cita questa pubblicazione: ETUI and ETUC (2020) Benchmarking working Europe, Brussels, ETUI. "

Per ottenere una copia gratuita, inviare una richiesta a etui@etui.org. (10/12/2020-ITL/ITNET)

Altri prodotti editoriali

Contatti

Contatti

Borsa italiana
Borsa italiana

© copyright 1996-2007 Italian Network
Edizioni Gesim SRL − Registrazione Tribunale di Roma n.87/96 − ItaliaLavoroTv iscrizione Tribunale di Roma n.147/07