Direttore responsabile Maria Ferrante − giovedì 28 gennaio 2021 o consulta la mappa del sito
italialavorotv.it

Sponsor

SINDACATI ITALIANI NEL MONDO - EUROPA - VISENTINI (SEGR. GEN,CES) A PRES. CONSIGLIO UE MICHEL: GARANZIA DI PARITA' NELL'ACCORDO UE/REGNO UNITO SUI DIRITTI DEI LAVORATORI

(2020-12-09)

  In una lettera inviata al Presidente del Consiglio Europeo, Michel, il Segretario Generale della UE, Luca Visentini, a seguito dei commenti fatti oggi dal Cancelliere Merkel e dal Primo Ministro Johnson in merito ai negoziati sulla parità di condizioni in un potenziale accordo sulla Brexit, ha stigmatizzato l'importanza di aggiungere  una clausola "necessaria per evitare pressioni al ribasso sui diritti dei lavoratori".

Di seguito la lettera del Segretario Generale Visentini:

Comprendiamo che i negoziati stanno raggiungendo i loro limiti in termini di tempistica e di ciò che è fattibile o accettabile per l'UE sulle rimanenti questioni critiche della pesca, della governance e della parità di condizioni.

Come sapete, la CES ha espresso posizioni molto ferme su quest'ultimo, e abbiamo accolto con favore il fatto che la parità di condizioni si presenti molto chiaramente nel mandato negoziale dell'UE e nel progetto di trattato iniziale dell'UE pubblicato a marzo.

Tuttavia, abbiamo appreso con preoccupazione che negli ultimi tempi la conversazione sulla parità di condizioni (LPF) sembra essersi concentrata principalmente sulla questione della regolamentazione degli aiuti di Stato. Per quanto riguarda evitare di dare al Regno Unito un vantaggio competitivo sleale sui diritti dei lavoratori, sembra che ci siano discussioni intorno a una clausola di non regressione, ma non molto intorno al concetto di una clausola ratchet per garantire che le parti - e il Regno Unito in particolare - continuino sul loro cammino di convergenza verso l'alto e sostenere gli standard più elevati.

Se questo è davvero il caso, la CES condivide la preoccupazione di quegli Stati membri che non credono che le garanzie LPF siano sufficientemente solide per proteggere le loro attività e i loro lavoratori dalla concorrenza sleale.

Allo stesso modo, se l'applicazione delle disposizioni sul lavoro consistesse esclusivamente nell'applicazione interna dei diritti del lavoro nel Regno Unito, i lavoratori in Europa non sarebbero protetti dal rischio di pressioni al ribasso. Il governo britannico non ha nascosto la sua intenzione di utilizzare la sovranità normativa per riguadagnare competitività. Di conseguenza, i lavoratori nell'UE diventerebbero vulnerabili alla sottoquotazione.

Per citare il presidente Von der Leyen, "la fiducia è buona, ma la legge è migliore" e la governance dell'accordo deve riflettere questo.

Apprezziamo l'enorme lavoro che hai svolto finora come capo negoziatore dell'UE e ti incoraggiamo a mantenere la rotta nell'impegno che hai assunto per il movimento sindacale europeo sull'LPF.."ha concluso il Segretario Generale della CES, Luca Visentini. (09/12/2020- ITL/ITNET)

Altri prodotti editoriali

Contatti

Contatti

Borsa italiana
Borsa italiana

© copyright 1996-2007 Italian Network
Edizioni Gesim SRL − Registrazione Tribunale di Roma n.87/96 − ItaliaLavoroTv iscrizione Tribunale di Roma n.147/07