Direttore responsabile Maria Ferrante − sabato 6 marzo 2021 o consulta la mappa del sito
italialavorotv.it

Sponsor

PATRONATI ITALIANI NEL MONDO - "I DIRITTI CHE NON SAI" IL PATRONATO INCA RISPONDE ALLE RICHIESTE DEI LAVORATORI SU NASPI E DOPPIO LAVORO -

(2021-01-29)

    Con una legislazione complessa come quella italiana, soprattutto in materia previdenziale ed occupazionale per il cittadino - che sia in Italia od all'estero - è sicuramente difficile orientarsi. 
Prendiamo l'esempio della NASpI, che ingenera non poche richieste di delucidazioni. Ad esempio sulla compatibilità con un secondo lavoro. 
Il patronato INCA CGIL risponde nel contesto della rubrica "I diritti che non sai" a numerose richieste giunte nei suoi uffici. Ne pubblichiamo in questa sede alcune con le relative risposte del Patronato della CGIL
--------------------------------------------------------------------------

IL CITTADINO:
"Sono un dipendente straniero di un'azienda italiana e attualmente sono in congedo/cassa integrazione fino a marzo prossimo, a causa di Covid, e ricevo pagamenti CIGO dall'Inps. Poiché i soldi che ricevo non sono sufficienti per mantenere la mia famiglia, volevo ottenere il secondo lavoro temporaneo fino a marzo mentre sono in cassa integrazione. Vorrei sapere se è consentito svolgere un altro lavoro retribuito presso un datore di lavoro diverso, qui in Italia o in un altro paese (ad esempio nel mio paese di origine), mentre sono in congedo/cassa integrazione, senza perdere il diritto all'indennità che percepisco. Ho letto su Internet che questo non è vietato nel Regno Unito e neppure in Italia. E' così?

Il PATRONATO INCA risponde:

Vi è compatibilità e piena cumulabilità tra l’integrazione salariale e la remunerazione da lavoro, quando la nuova attività, per collocazione temporale, si svolge in altre ore della giornata o in periodi diversi dell’anno, non sovrapponibili con il rapporto di lavoro in essere. L’ipotesi ricorre nel caso di due rapporti di lavoro part-time, sia orizzontale sia verticale. Rimane l'icompatibilità  tra nuovo rapporto di lavoro subordinato a tempo pieno e indeterminato e la cassa integrazione.

-------------------------------------------------------------------
IL CITTADINO:

Circa un mese e mezzo fa ho fatto domanda di NASpI dopo aver perso il lavoro, ma alla fine di dicembre ho trovato un nuovo lavoro. Devo bloccarla io? Posso farlo tramite voi?

Il PATRONATO INCA risponde:

Se il suo contratto è a tempo determinato e con una durata inferiore a sei mesi, l'Inps d'ufficio sospenderà la NASPI, che allo scadere del contratto riprenderà in automatico. Se il suo contratto, invece, è superiore a sei mesi o è a tempo indeterminato lei decadrà dalla Naspi sempre in automatico. Pertanto, non dovrà fare nessuna comunicazione. Cordiali saluti.
--------------------------------------------------------------

IL CITTADINO
Contatto il servizio informazioni per domandarVi delucidazioni sul metodo di richiesta concernente l'indennità NASPI, non avendo trovato nel Vostro sito un indirizzo email specifico per questo tipo di informazioni. In attesa di una risposta, Vi mando i miei più cordiali saluti

Il PATRONATO INCA risponde:

La richiesta della NASPI va effettuata in maniera telematica tramite il sito dell'Inps. Le consigliamo comunque di recarsi presso la sede di Patronato INCA a lei più vicina per avere una consulenza gratuita sull'invio della domanda.

LINK DIRETTO ALLE SEDI TERRITORIALI REGIONALI ED ALLA SEDE CENTRALE : https://www.inca.it/dove-siamo.html .(29/01/2021-ITL/ITNET)

Altri prodotti editoriali

Contatti

Contatti

Borsa italiana
Borsa italiana

© copyright 1996-2007 Italian Network
Edizioni Gesim SRL − Registrazione Tribunale di Roma n.87/96 − ItaliaLavoroTv iscrizione Tribunale di Roma n.147/07