Direttore responsabile Maria Ferrante − sabato 6 marzo 2021 o consulta la mappa del sito
italialavorotv.it

Sponsor

SINDACATI ITALIANI NEL MONDO - EUROPA/DISOCCUPAZIONE - SONDAGGIO ETUC/YOUTH : PROSPETTIVE FOSCHE SE PNRR NAZIONALI NON PRENDERANNO MISURE D'EMERGENZA PROTEZIONE LAVORO E SALARI. ASCOLTO ORGANISMI GIOVANI SINDACATI

(2021-02-15)

Undici mesi dopo l'inizio della pandemia, i giovani leader sindacali della CES/ETUC affermano che i giovani disoccupati, coloro che non lavorano, né sono impegnati nell'istruzione o nella formazione, ed i lavoratori delle piattaforme digitali non sono aiutati abbastanza dai programmi di protezione del lavoro e dei salari e dalle relative misure di emergenza.

Affermazioni che sono emersi con chiarezza da un sondaggio i cui risultati sono stati presentati oggi al commissario Nicolas Schmit e al presidente portoghese del Consiglio dei ministri per l'Occupazione, la politica sociale, la salute e i consumatori dell'UE, Ana Mendes Godinho, in una conferenza online "(Come) l'Europa impedirà una generazione perduta?" a cui hanno preso parte oltre 200 giovani.

Il sondaggio ha rilevato che tra i giovani leader sindacali:

Il 96% ha affermato che i giovani disoccupati e i lavoratori delle  piattaforme digitali non sono stati aiutati abbastanza dai programmi di protezione del lavoro e dei salari e dalle relative misure di emergenza.

Il 92% ha affermato che coloro che non occupano né l'istruzione né la formazione non sono stati aiutati abbastanza dai programmi di protezione del lavoro e dei salari e dalle relative misure di emergenza.

L'88% ha affermato che coloro che hanno un'occupazione atipica non sono stati aiutati abbastanza dai programmi di protezione del lavoro e dei salari e dalle relative misure di emergenza.

Il sondaggio includeva risposte di giovani di 15 paesi europei.

Tea Jarc, presidente di ETUC Youth, ha dichiarato: “Questi risultati inviano un chiaro messaggio di avvertimento ai leader europei. Rischiamo una generazione perduta di giovani che già soffrivano di un'elevata disoccupazione e di lavori precari prima che la pandemia colpisse così duramente. Le prospettive per i giovani sono fosche a meno che i piani di ripresa dell'UE e nazionali e le misure di emergenza, compresi i programmi di protezione del lavoro e dei salari, non offrano una mano ".

Ludovic Voet, segretario confederale della CES ha aggiunto: “Chiediamo a tutti gli Stati membri di sviluppare misure di ripresa specifiche per combattere la disoccupazione giovanile e l'ingresso precario nel mercato del lavoro. Il coinvolgimento delle organizzazioni giovanili dei sindacati e di altre organizzazioni giovanili contribuirebbe a garantire che i bisogni delle generazioni future siano ascoltati e considerati. I giovani sono più istruiti e qualificati come mai prima e hanno bisogno di posti di lavoro di qualità affinché la società possa beneficiare delle loro capacita'  e dei loro talenti ". (15/02/2021-ITL/ITNET)

Altri prodotti editoriali

Contatti

Contatti

Borsa italiana
Borsa italiana

© copyright 1996-2007 Italian Network
Edizioni Gesim SRL − Registrazione Tribunale di Roma n.87/96 − ItaliaLavoroTv iscrizione Tribunale di Roma n.147/07