Direttore responsabile Maria Ferrante − martedì 13 aprile 2021 o consulta la mappa del sito
italialavorotv.it

Sponsor

ITALIANI ALL'ESTERO - MAFIA - SOLIDARIETA' COMITES BERNA E NEUCHATEL A COMUNITA' PROGETTO SUD DI LAMETIA TERME VITTIMA DI RIPETUTE INTIMIDAZIONI MAFIOSE

(2021-03-15)

  Il Comites di Berna e Neuchâtel esprime piena solidarietà alla Comunità Progetto Sud di Lamezia Terme, vittima in questi giorni di ripetute intimidazioni mafiose, in una nota odierna.

"Il Presidente della Comunità, Don Giacomo Panizza, invitato nel 2013 a Berna dall’ associazione Pecorenere, ci aveva spiegato cosa significa lavorare in una terra tormentata dalla violenza della ndrangheta.
Una vita sotto scorta per lui, ripetuti attentati alle persone e alle strutture, ma mai un passo indietro nel lavoro di costruzione di servizi per la popolazione e creazione di posti di lavoro utili, onesti e liberi da clientele.

La Comunità Progetto Sud fu la prima a Lamezia ad accettare di trasferire alcune attività in una casa confiscata al clan dei Torcasio dando così un segnale forte di libertà e legalità.

Da anni le donne e gli uomini della Comunità Progetto Sud resistono agli attacchi della malavita organizzata continuando a fare comunità, costruendo servizi con persone diversamente abili, migranti, gente che la società emargina. Ora la criminalità organizzata ha alzato il tiro, attaccando i lavoratori e le lavoratrici della Comunità: da una settimana gli operatori della Comunità Luna Rossa (Casa di accoglienza per minori non accompagnati) e quelli del “Dopo di noi” (casa-famiglia per persone bisognose di assistenza) trovano le gomme delle loro automobili tagliate. In Calabria ciò non è una ragazzata, ma una chiara intimidazione: “State attenti a dove vi impegnate”. Il lavoro onesto e socialmente utile da fastidio alla ndrangheta, perché toglie potere. Senza favori clientelari niente pressione sui politici e niente incetta di voti che la ndrangheta baratta con favori.

Abbiamo ascoltato Don Giacomo Panizza e seguiamo il lavoro della Comunità Progetto Sud. Siamo certi che nessun operatore e nessuna operatrice si lascerà intimidire. Tuttavia siamo preoccupati e, anche dalla Svizzera, chiediamo che questi nostri amici non vengano lasciati soli.

Ci uniamo alle moltissime persone, istituzioni, organizzazioni che chiedono protezione per i lavoratori e le strutture della Comunità Progetto Sud. Anche il Comites di Berna e Neuchâtel si impegna per sensibilizzare la nostra comunità sui temi della legalità e della resistenza alle infiltrazioni mafiose qui in Svizzera. Il lavoro della Comunità Progetto Sud è per noi fonte di ispirazione.
Esprimiamo la nostra solidarietà e ammirazione a Don Giacomo Panizza e alla Comunità Progetto Sud tutta." conclude Mariachiara Vannetti, Presidente Comites Berna e Neuchâtel (15/03/2021-ITL/ITNET)

Altri prodotti editoriali

Contatti

Contatti

Borsa italiana
Borsa italiana

© copyright 1996-2007 Italian Network
Edizioni Gesim SRL − Registrazione Tribunale di Roma n.87/96 − ItaliaLavoroTv iscrizione Tribunale di Roma n.147/07