Direttore responsabile Maria Ferrante − martedì 13 aprile 2021 o consulta la mappa del sito
italialavorotv.it

Sponsor

LAVORO - LAVORO FORZATO - CAMPAGNA 50 FOR FREEDOM DELL'OIL HA RAGGIUNTO OBIETTIVO- RYDER (DIRETT.GEN.OIL): "LAVORO FORZATO COLPISCE TUTTE LE CATEGORIE E TUTTE LE REGIONI DEL MONDO

(2021-03-17)

La campagna 50 for Freedom  dell'OIL ha raggiunto l'obiettivo iniziale di ottenere 50 ratifiche del protocollo sul lavoro forzato . Ultimo Paese a ratificarlo è stato il Sudan oggi 17 marzo.

In base al trattato internazionale, i governi si impegnano a prendere misure efficaci per prevenire il lavoro forzato, proteggere le sue vittime e garantire il loro accesso alla giustizia e al risarcimento, compreso il risarcimento.

"Abbiamo compiuto un importante passo avanti", ha affermato Guy Ryder, Direttore generale dell'Organizzazione internazionale del lavoro (ILO). “Dobbiamo costruire insieme un futuro del lavoro senza lavoro forzato, traffico di esseri umani, lavoro minorile e schiavitù moderna. Perché il lavoro forzato non ha posto nella normalità migliore che vogliamo iniziare a costruire oggi ".

I componenti dell'ILO hanno adottato in modo schiacciante ilProtocollo sul  lavoro forzato (n. 29) alla Conferenza internazionale del lavoro 2014 .

"Abbiamo fatto un passo importante ... Dobbiamo costruire insieme un futuro del lavoro senza lavoro forzato, traffico di esseri umani, lavoro minorile e schiavitù moderna ".

In collaborazione con l'Organizzazione internazionale dei datori di lavoro (IOE) e la Confederazione sindacale internazionale (ITUC), l'ILO ha lanciato la campagna 50 for Freedom per incoraggiare i governi a ratificare il Protocollo e sensibilizzare sull'esistenza del Protocollo. Schiavitù moderna.

Finora quasi 60.000 persone da tutto il mondo hanno partecipato alla campagna, rilanciando l'appello per la ratifica e l'attuazione del Protocollo. Anche vari partner del settore pubblico e privato, parti sociali, organizzazioni della società civile e numerose celebrità hanno sostenuto la campagna.

"Se vale la pena celebrare 50 ratifiche, abbiamo bisogno di molto di più", ha affermato Sharan Burrow, Segretario generale dell'ITUC.

Il lavoro forzato colpisce tutte le categorie della popolazione, tutte le regioni del mondo e tutti i settori economici. Secondo le ultime stime In tutto il mondo ci sono ancora 25 milioni di uomini, donne e bambini intrappolati nel lavoro forzato, vittime di tratta, schiavitù per debiti o che lavorano in condizioni simili alla schiavitù. Questo numero è aumentato a causa della pandemia COVID-19 che colpisce i lavoratori più vulnerabili, la maggior parte dei quali non ha accesso alla protezione sociale.

Tuttavia, la ratifica da sola non è sufficiente. L'attuazione del protocollo è essenziale se vogliamo migliorare la vita delle persone.
Ciò richiede uno sforzo congiunto su scala globale, anche da parte del settore privato.

"Tutte le aziende devono impegnarsi in modo chiaro e concreto per sradicare il lavoro forzato", ha affermato Roberto Suarez-Santos, Segretario generale dell'OIE.

Con meno di dieci anni per raggiungere l'Obiettivo di Sviluppo Sostenibile delle Nazioni Unite 8.7, che mira a sradicare il lavoro forzato, i paesi devono raddoppiare i loro sforzi per attuare il Protocollo.

"Se vogliamo raggiungere l' obiettivo 8.7 dell'Agenda 2030 delle Nazioni Unite per lo sviluppo sostenibile , dobbiamo monitorare da vicino la sua attuazione in ogni regione, ogni paese, ogni villaggio e garantire che nessuno venga lasciato indietro ”, ha concluso il Direttore generale dell'ILO. (17/03/2021-ITL/ITNET)

Altri prodotti editoriali

Contatti

Contatti

Borsa italiana
Borsa italiana

© copyright 1996-2007 Italian Network
Edizioni Gesim SRL − Registrazione Tribunale di Roma n.87/96 − ItaliaLavoroTv iscrizione Tribunale di Roma n.147/07