Direttore responsabile Maria Ferrante − venerdì 22 ottobre 2021 o consulta la mappa del sito
italialavorotv.it

Sponsor

DIRITTI DEI CITTADINI - SALUTE - DALL'OMS ALLARME IPERTENSIONE. OLTRE 1 MILIARDO, 28 MILIONI DI IPERTESI DA 30 A 79 ANNI A RISCHIO MALATTIE CARDIOLOGICHE, CEREBRALI E RENALI PRINCIPALI CAUSE DI MORTE

(2021-08-25)

  "Il numero di adulti di età compresa tra 30 e 79 anni con ipertensione è aumentato da 650 milioni a 1,28 miliardi negli ultimi trent'anni, secondo la prima analisi globale completa delle tendenze nella prevalenza, rilevazione, trattamento e controllo dell'ipertensione, condotta da Imperial College London e l'Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS), e pubblicato oggi su The Lancet. Quasi la metà di queste persone non sapeva di avere l'ipertensione.

L'ipertensione aumenta significativamente il rischio di malattie cardiache, cerebrali e renali ed è una delle principali cause di morte e malattia in tutto il mondo. Può essere facilmente rilevato attraverso la misurazione della pressione sanguigna, a casa o in un centro sanitario, e spesso può essere trattato efficacemente con farmaci a basso costo.

Lo studio, condotto da una rete globale di medici e ricercatori, ha coperto il periodo 1990-2019. Ha utilizzato la misurazione della pressione sanguigna e i dati di trattamento di oltre 100 milioni di persone di età compresa tra 30 e 79 anni in 184 paesi, coprendo insieme il 99% della popolazione mondiale, il che lo rende la revisione più completa delle tendenze globali nell'ipertensione fino ad oggi.

Analizzando questa enorme quantità di dati, i ricercatori hanno scoperto che c'era poco cambiamento nel tasso complessivo di ipertensione nel mondo dal 1990 al 2019, ma l'onere si è spostato dalle nazioni ricche ai paesi a basso e medio reddito. Il tasso di ipertensione è diminuito nei paesi ricchi  'che ora in genere hanno alcune delle tariffe più basse'  ma è aumentata in molti paesi a basso o medio reddito.

Di conseguenza, Canada, Perù e Svizzera hanno avuto la più bassa prevalenza di ipertensione al mondo nel 2019, mentre alcuni dei tassi più alti sono stati osservati in Repubblica Dominicana, Giamaica e Paraguay per le donne e Ungheria, Paraguay e Polonia per gli uomini. (*Vedi le note per i redattori per i dettagli/classificazioni per paese).

Sebbene la percentuale di persone che soffrono di ipertensione sia cambiata poco dal 1990, il numero di persone con ipertensione è raddoppiato a 1,28 miliardi. Ciò è dovuto principalmente alla crescita della popolazione e all'invecchiamento. Nel 2019, oltre un miliardo di persone con ipertensione (82% di tutte le persone con ipertensione nel mondo) viveva in paesi a basso e medio reddito.

Lacune significative nella diagnosi e nel trattamento
Sebbene sia semplice diagnosticare l'ipertensione e relativamente facile da trattare con farmaci a basso costo, lo studio ha rivelato lacune significative nella diagnosi e nel trattamento. Circa 580 milioni di persone con ipertensione (41% delle donne e 51% degli uomini) non erano a conoscenza della loro condizione perché non era mai stata diagnosticata.

Lo studio ha anche indicato che più della metà delle persone (53% delle donne e 62% degli uomini) con ipertensione, o un totale di 720 milioni di persone, non riceveva il trattamento di cui aveva bisogno. La pressione sanguigna è stata controllata, il che significa che i farmaci sono stati efficaci nel riportare la pressione sanguigna a valori normali, in meno di 1 donna su 4 e 1 uomo su 5 con ipertensione.

Il professor Majid Ezzati, autore senior dello studio e professore di Global Environmental Health presso la School of Public Health dell'Imperial College di Londra, ha dichiarato: "Quasi mezzo secolo dopo aver iniziato a trattare l'ipertensione, che è facile da diagnosticare e trattare con metodi a basso costo farmaci, è un fallimento della salute pubblica che così tante persone con pressione alta nel mondo non stiano ancora ricevendo il trattamento di cui hanno bisogno."

Uomini e donne in Canada, Islanda e Corea del Sud avevano maggiori probabilità di ricevere farmaci per trattare e controllare efficacemente la loro ipertensione, con oltre il 70% di quelli con ipertensione che hanno ricevuto un trattamento nel 2019. Comparativamente, uomini e donne nell'Africa sub-sahariana, centrale , il sud e sud-est asiatico e le nazioni delle isole del Pacifico hanno meno probabilità di ricevere farmaci. I tassi di trattamento erano inferiori al 25% per le donne e al 20% per gli uomini, in un certo numero di paesi in queste regioni, creando una massiccia disuguaglianza globale nel trattamento.

In modo incoraggiante, alcuni paesi a reddito medio hanno aumentato con successo il trattamento e ora stanno ottenendo tassi di trattamento e controllo migliori rispetto alla maggior parte delle nazioni ad alto reddito. Ad esempio, Costa Rica e Kazakistan ora hanno tassi di trattamento più elevati rispetto alla maggior parte dei paesi a reddito più elevato.

Il dottor Bin Zhou, ricercatore presso la School of Public Health dell'Imperial College di Londra, che ha condotto l'analisi, ha affermato: “Sebbene i tassi di trattamento e controllo dell'ipertensione siano migliorati nella maggior parte dei paesi dal 1990, ci sono stati pochi cambiamenti in gran parte delle Nazioni dell'Africa sahariana e delle isole del Pacifico. I finanziatori internazionali e i governi nazionali devono dare la priorità all'equità terapeutica globale per questo grave rischio per la salute globale."

Nuova linea guida dell'OMS per il trattamento dell'ipertensione
La “Linea guida dell'OMS per il trattamento farmacologico dell'ipertensione negli adulti”, anch'essa pubblicata oggi, fornisce nuove raccomandazioni per aiutare i paesi a migliorare la gestione dell'ipertensione.

Il dottor Taskeen Khan, del Dipartimento delle malattie non trasmissibili dell'OMS, che ha guidato lo sviluppo della linea guida, ha dichiarato: "La nuova linea guida globale sul trattamento dell'ipertensione, la prima in 20 anni, fornisce la guida basata sull'evidenza più attuale e pertinente sul inizio di con farmaci per l'ipertensione negli adulti."

Le raccomandazioni riguardano il livello di pressione sanguigna per iniziare il trattamento, il tipo di medicinale o la combinazione di medicinali da utilizzare, il livello di pressione sanguigna target e la frequenza con cui eseguire controlli di follow-up sulla pressione sanguigna. Inoltre, la linea guida fornisce la base su come i medici e altri operatori sanitari possono contribuire a migliorare il rilevamento e la gestione dell'ipertensione.

Il dottor Bente Mikkelsen, direttore del Dipartimento delle malattie non trasmissibili dell'OMS ha aggiunto: “La necessità di gestire meglio l'ipertensione non può essere esagerata. Seguendo le raccomandazioni di questa nuova linea guida, aumentando e migliorando l'accesso ai farmaci per la pressione sanguigna, identificando e trattando comorbilità come diabete e malattie cardiache preesistenti, promuovendo diete più sane e attività fisica regolare e controllando più rigorosamente i prodotti del tabacco, i paesi saranno in grado di salvare vite umane e ridurre la spesa sanitaria pubblica."


NOTE PER I REDATTORI

?Tendenze mondiali nella prevalenza dell'ipertensione e progressi nel trattamento e nel controllo dal 1990 al 2019: un'analisi aggregata di 1.201 studi rappresentativi della popolazione con 104 milioni di partecipanti? dalla NCD Risk Factor Collaboration (NCD-RisC) è pubblicato su
The Lancet. DOI: 10.1016/S0140-6736(21)01330-  1Collegamenti:
https://www.thelancet.com/journals /lancet/article/piiS0140-6736(21)01330-1/fulltext. Dati per paese, comprese le visualizzazioni dei dati:https://ncdrisc.org/ I

dati sono stati presi da 1.201 studi con 104 milioni di partecipanti in 184 paesi, di età compresa tra 30 e 79 anni anni, con misurazione della pressione sanguigna e dati sul trattamento della pressione sanguigna.
L'ipertensione è stata definita come pressione sanguigna sistolica ?140 mmHg, pressione sanguigna diastolica ?90 mmHg e/o assunzione di farmaci per l'ipertensione.

Imperial College London L'
Imperial College London è una delle principali università del mondo. I 20.000 studenti e gli 8000 dipendenti del College stanno lavorando per risolvere le più grandi sfide nel campo della scienza, della medicina, dell'ingegneria e degli affari. 

L'Imperial è la quinta università più internazionale al mondo, secondo il Times Higher Education, con legami accademici con più di 150 paesi. Reuters ha nominato il College l'università più innovativa del Regno Unito per la sua eccezionale cultura imprenditoriale e i suoi legami con l'industria. 

Il personale, gli studenti e gli ex studenti dell'Imperial stanno lavorando 24 ore su 24 per combattere il COVID-19. Imperial ha quasi duemila lavoratori chiave ed è in prima linea nell'epidemiologia, virologia, sviluppo di vaccini e diagnostica del coronavirus. Più di mille dipendenti e studenti dell'Imperial si sono offerti volontari per supportare il servizio sanitario nazionale. http://www.imperial.ac.uk/ L'Organizzazione Mondiale della Sanità


Dedicata al benessere di tutte le persone e guidata dalla scienza, l'Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) guida e sostiene gli sforzi globali per dare a tutti, ovunque, pari opportunità di una vita sana e sicura. CHI è l'agenzia delle Nazioni Unite per la salute che collega nazioni, partner e persone in prima linea in oltre 150 località? guidando la risposta mondiale alle emergenze sanitarie, prevenendo le malattie, affrontando le cause profonde dei problemi di salute e ampliando l'accesso ai farmaci e all'assistenza sanitaria. La nostra missione è promuovere la salute, mantenere il mondo al sicuro e servire i più vulnerabili. www.who.int


Maggiori informazioni sull'ipertensione  https://www.who.int/health-topics/hypertension I primi 10 paesi con la più bassa prevalenza di ipertensione nel 2019

DONNE

Classifica Paese Prevalenza in % della popolazione
1. Svizzera 17%
2. Perù 18%
3. Canada 20%
4. Taiwan (Provincia della Cina) 21%
5. Spagna 21%
6. Corea del Sud 21%
7. Giappone 22%
8. Regno Unito 23%
9. Cina 24%
10. Islanda 24%

UOMINI
Classifica Paese Prevalenza in % della popolazione
1. Eritrea 22%
2. Perù 23%
3. Bangladesh 24%
4. Canada 24%
5. Etiopia 25%
6. Salomone Isole 25%
7. Papua Nuova Guinea 25%
8. Laos PDR 26%
9. Cambogia 26%
10. Svizzera 26%

Primi 10 paesi con la più alta prevalenza di ipertensione nel 2019
DONNE
Classifica Paese Prevalenza in % della popolazione
1. Paraguay 51%
2. Tuvalu 51%
3. Dominica 50%
4. Repubblica Dominicana 49%
5. Sao Tome e Principe 48%
6. Giamaica 48%
7. Haiti 48%
8. Iraq 48%
9. Eswatini 47%
10. Botswana 47%

UOMINI
Classifica Paese Prevalenza in % della popolazione
1. Paraguay 62%
2. Ungheria 56%
3. Polonia 55%
4. Argentina 54%
5. Lituania 54%
6. Romania 53%
7. Bielorussia 52%
8. Croazia 51%
9. Tagikistan 51%
10. Serbia 50%


Primi 10 paesi con il più alto tasso di trattamento dell'ipertensione nel 2019
DONNE
Classifica Paese Tasso in % di tutte le donne con ipertensione
1. Corea del Sud 77%
2. Costa Rica 76%
3. Kazakistan 74%
4. Stati Uniti d'America 73%
5. Islanda 72%
6. Venezuela 71%
7. El Salvador 71%
8. Portogallo 71%
9. Canada 71%
10. Slovacchia 70%

MEN
Classifica Paese Tasso in % di tutti gli uomini con ipertensione
1. Canada 76%
2. Islanda 71%
3. Corea del Sud 67%
4. Stati Uniti d'America 66%
5. Kazakistan 66%
6. Malta 65%
7. Costa Rica 63%
8. Germania 61%
9. Repubblica Ceca 59%
10. Singapore 59%

Primi 10 paesi con il tasso di trattamento dell'ipertensione più basso nel 2019
DONNE
Classifica Paese Tasso in % di tutte le donne con ipertensione
1. Ruanda 11%
2. Niger 15%
3. Kiribati 15%
4. Etiopia 16%
5. Vanuatu 16%
6. Tanzania 17%
7. Isole Salomone 17%
8. Madagascar 19%
9. Mozambico 19%
10. Kenya 21%

UOMINI
Classifica Paese Tasso in % di tutti gli uomini con ipertensione
1. Ruanda 10%
2. Kenya 10%
3. Mozambico 10%
4. Vanuatu 11%
5. Isole Salomone 11%
6. Niger 12%
7. Madagascar 13%
8. Uganda 13%
9. Togo 14%
10. Burkina Faso 14%

Primi 10 paesi con il maggiore aumento della prevalenza di ipertensione tra il 1990 e il 2019
DONNE
Classifica Paese Aumento di punti percentuali (1990 - 2019)
1. Kiribati 13
2. Tonga 13
3. Tuvalu 12
4. Indonesia 12
5. Brunei Darussalam 10
6. Haiti 9
7. Giamaica 9
8. Myanmar 9
9. Samoa 9
10. Uzbekistan 9

UOMINI
Classifica Paese Aumento percentuale (1990 - 2019)
1. Uzbekistan 15
2. Argentina 13
3. Paraguay 10
4. Sudafrica 10
5. Cina 10
6. Brunei Darussalam 9
7. Tagikistan 8
8. Giamaica 8
9. Repubblica Dominicana 8
10. Tuvalu 8

Primi 10 paesi con il maggior calo della prevalenza di ipertensione tra il 1990 e il 2019
DONNE
Classifica Paese Diminuzione del punto percentuale (1990 - 2019)
1. Germania 18
2. Spagna 14
3. Giappone 13
4. Singapore 12
5. Federazione Russa 12
6. Italia 12
7. Austria 11
8. Regno Unito 11
9. Israele 11
10. Svezia 10

UOMINI
Classifica Paese Diminuzione in punti percentuali (1990 - 2019)
1. Germania 19
2. Svizzera 14
3. Regno Unito 13
4. Finlandia 12
5. Canada 12
6 Lussemburgo 10
7. Norvegia 10
8. Austria 9
9. Italia 8
10. Malawi 8

Primi 10 paesi con il maggiore aumento del tasso di trattamento tra il 1990 e il 2019
DONNE
Classifica Paese Aumento in punti percentuali (1990 - 2019)
1. Corea del Sud 46
2. Taiwan (Provincia della Cina) 38
3. Sudafrica 36
4. Costa Rica 35
5 Polonia 35
6. Venezuela 35
7. Serbia 33
8. Brunei Darussalam 33
9. Singapore 33
10. Colombia 33

UOMINI
Classifica Paese Aumento in punti percentuali (1990 - 2019)
1. Corea del Sud 50
2. Canada 46
3. Costa Rica 40
4. Germania 39
5. Islanda 39
6. Taiwan (Provincia della Cina) 37
7. Kazakistan 37
8. Polonia 36
9. Svizzera 36
10. Norvegia 34 .
(25/08/2021-ITL/ITNET)

Altri prodotti editoriali

Contatti

Contatti

Borsa italiana
Borsa italiana

© copyright 1996-2007 Italian Network
Edizioni Gesim SRL − Registrazione Tribunale di Roma n.87/96 − ItaliaLavoroTv iscrizione Tribunale di Roma n.147/07