Direttore responsabile Maria Ferrante − giovedì 21 ottobre 2021 o consulta la mappa del sito
italialavorotv.it

Sponsor

SINDACATI ITALIANI NEL MONDO - EUROPA/GENDER GAP - CES: BENE PROPOSTE MIGLIORAMENTO DIRETTIVA TRASPARENZA RETRIBUTIVA DI GENERE MA NECESSARI ULTERIORI PASSI A GARANZIA NEGOZIAZIONE SINDACATI. STOP LINGUAGGIO NEUTRALE

(2021-09-07)

  I co-relatori del Parlamento europeo Kira Marie Peter-Hansen (Verdi/ALE) e Samira Rafaela (Renew) hanno pubblicato oggi il loro progetto di relazione congiunto con l'obiettivo di migliorare la direttiva sulla trasparenza retributiva di genere." A darne notizia La Confederazione Europea dei sindacati, che commenta:.

"I co-relatori hanno compiuto un'importante iniziativa per ampliare il numero dei lavoratori che rientrerebbero nell'ambito degli obblighi di rendicontazione salariale, degli audit e dei piani d'azione. La soglia per la rendicontazione salariale è stata abbassata per le organizzazioni con dieci o più dipendenti come proposto dalla CES.

La CES accoglie, inoltre, con favore i criteri modificati per la valutazione del lavoro e gli schemi di classificazione che porrebbero fine alle caratteristiche e alle competenze associate al lavoro prevalentemente svolto da donne trascurate o sottovalutate.
Gli emendamenti presentati consentirebbero finalmente una valutazione significativa dei lavori svolti prevalentemente dalle donne e del loro reale valore.

I co-relatori hanno, tuttavia, perso un'occasione per chiarire che "rappresentante dei lavoratori" significa sindacati nella direttiva. Mentre importanti disposizioni fanno ora riferimento ai sindacati, ad esempio, quando si tratta di richiedere informazioni sulla retribuzione da parte dei lavoratori, resta poco chiaro il perimetro di azione riservato ai sindacati. Rimane preoccupante il fatto che il testo della direttiva non escluda ancora esplicitamente la possibilità che i datori di lavoro possano scegliere i rappresentanti dei lavoratori."

In buona sostanza "Sono necessari ulteriori miglioramenti alla direttiva per garantire che i sindacati possano negoziare per porre fine alla discriminazione retributiva e alla sottovalutazione dei lavori dominati dalle donne."

Nonostante le sue buone intenzioni, l'uso di un linguaggio neutrale rispetto al genere richiede ulteriori chiarimenti. Tutte le lavoratrici devono continuare a poter confrontare la loro retribuzione con quella dei lavoratori di sesso maschile. E indipendentemente dall'identità di genere dei lavoratori, è importante assicurarsi che la loro retribuzione sia ancora confrontata con il comparatore più alto e quindi appropriato.
Pur accogliendo favorevolmente i miglioramenti, la CES si impegna a garantire che i restanti ostacoli alla parità di retribuzione vengano abbattuti man mano che la direttiva procede al Parlamento europeo e al Consiglio.

Intervenendo sul rapporto, il vice segretario generale della CES Esther Lynch ha dichiarato: “La parità di retribuzione è ancora possibile. Il progetto di relazione congiunto dei correlatori Kira Marie Peter-Hansen e Samira Rafaela è un passo nella giusta direzione e dimostra che con l'impegno politico, c'è una reale possibilità che questa direttiva diventi un balzo in avanti che garantisca la parità di retribuzione”

"I lavoratori e i loro sindacati sono impegnati a mantenere alta la pressione sul Parlamento europeo affinché fornisca gli emendamenti legali necessari per garantire che le lavoratrici e i loro sindacati dispongano di tutti gli strumenti di cui hanno bisogno per colmare il divario retributivo di genere". (07/09/2021-ITL/ITNET)

Altri prodotti editoriali

Contatti

Contatti

Borsa italiana
Borsa italiana

© copyright 1996-2007 Italian Network
Edizioni Gesim SRL − Registrazione Tribunale di Roma n.87/96 − ItaliaLavoroTv iscrizione Tribunale di Roma n.147/07