Direttore responsabile Maria Ferrante − venerdì 22 ottobre 2021 o consulta la mappa del sito
italialavorotv.it

Sponsor

FINANZA - EUROPA/FRODI - COMMISSIONE UE: 1056 IRREGOLARITA' FRAUDOLENTE A DANNO BILANCIO PER UN IMPATTO DI 371 MILIONI, - 20% 2019. COMMISS. HAHN : "MAI STATO COSì IMPORTANTE COME ORA"

(2021-09-20)

L'UE e gli Stati membri condividono la responsabilità della tutela degli interessi finanziari dell'UE e della lotta alle frodi. Le autorità degli Stati membri gestiscono circa tre quarti della spesa dell'UE e raccolgono le risorse proprie tradizionali dell'UE. La Commissione sovrintende a entrambi questi settori, fissa gli standard e verifica la conformità.

Ai sensi del trattato sul funzionamento dell'Unione europea (articolo 325, paragrafo 5), la Commissione è tenuta a produrre una relazione annuale sulla tutela degli interessi finanziari dell'UE (nota come relazione PIF), che descriva in dettaglio le misure adottate a livello europeo e livello nazionale per contrastare le frodi a danno del bilancio dell'UE.

Secondo la relazione annuale sulla tutela degli interessi finanziari dell'Unione europea (relazione PIF) adottata oggi dalla Commissione europea, nel 2020 l'impatto finanziario delle frodi rilevate a danno del bilancio dell'UE ha continuato a diminuire. Le 1.056 irregolarità fraudolente segnalate nel 2020 hanno avuto un impatto finanziario combinato di 371 milioni di euro, circa il 20% in meno rispetto al 2019 e continuando la costante diminuzione degli ultimi cinque anni. Secondo il rapporto, il numero di irregolarità non fraudolente è rimasto stabile, ma è diminuito di valore del 6%.

Johannes Hahn, commissario per il bilancio e l'amministrazione, ha dichiarato: "La risposta senza precedenti dell'UE alla pandemia mette a disposizione più di 2 trilioni di euro per aiutare gli Stati membri a riprendersi dall'impatto del coronavirus. Lavorare insieme a livello dell'UE e degli Stati membri per proteggere questo denaro dalle frodi non è mai stato così importante. Lavorando di pari passo, tutte le diverse componenti dell'architettura antifrode dell'UE forniscono la nostra difesa contro i truffatori: il lavoro investigativo e analitico dell'Ufficio europeo per la lotta antifrode (OLAF), i poteri inquirenti della Procura europea (EPPO), il ruolo di coordinamento di Eurojust, la capacità operativa di Europol e la stretta cooperazione con e tra le autorità nazionali”.

I punti salienti dei progressi compiuti nel 2020 e nella prima metà del 2021 includono:

L'inizio delle attività della Procura europea
Un regolamento rivisto per l'OLAF, che garantisca una cooperazione efficace con l'EPPO e poteri investigativi rafforzati
Norme più severe sulla condizionalità degli stanziamenti del bilancio dell'UE nei casi in cui le violazioni dei principi dello Stato di diritto incidano sulla tutela degli interessi finanziari dell'UE
Buoni progressi nell'attuazione della strategia antifrode della Commissione, con due terzi delle azioni pianificate attuate e il restante terzo in corso
Il rapporto PIF offre anche una riflessione sui nuovi rischi e sfide per gli interessi finanziari dell'UE che emergono dalla crisi COVID-19 e gli strumenti per contrastarli. La Commissione e gli Stati membri non dovrebbero abbassare la guardia contro questi rischi, conclude la relazione, e continuare a lavorare sodo per migliorare sia la prevenzione che l'individuazione delle frodi.
--------------------------------------------------------------------------------

La missione dell'OLAF è individuare, indagare e fermare le frodi con i fondi dell'UE.

L'OLAF adempie alla sua missione:
• svolgere indagini indipendenti su frodi e corruzione che coinvolgono fondi dell'UE, in modo da garantire che tutto il denaro dei contribuenti dell'UE raggiunga progetti che possono creare posti di lavoro e crescita in Europa;
• contribuire a rafforzare la fiducia dei cittadini nelle istituzioni dell'UE indagando su gravi condotte illecite del personale dell'UE e dei membri delle istituzioni dell'UE;
• sviluppare una solida politica antifrode dell'UE.

Nella sua funzione investigativa indipendente, l'OLAF può indagare su questioni relative a frode, corruzione e altri reati che ledono gli interessi finanziari dell'UE riguardanti:
• tutta la spesa dell'UE: le principali categorie di spesa sono i Fondi strutturali, i fondi per la politica agricola e lo sviluppo rurale, la spesa diretta e gli aiuti esterni;
• alcune aree delle entrate dell'UE, principalmente dazi doganali;
• sospetti di colpa grave da parte del personale dell'UE e dei membri delle istituzioni dell'UE.

Una volta che l'OLAF ha completato la sua indagine, spetta alle autorità competenti dell'UE e nazionali esaminare e decidere in merito al seguito dato alle raccomandazioni dell'OLAF. Tutte le persone interessate sono presunte innocenti fino a prova contraria dinanzi a un tribunale nazionale o dell'UE competente. (20/09/2021-ITL/ITNET)

Altri prodotti editoriali

Contatti

Contatti

Borsa italiana
Borsa italiana

© copyright 1996-2007 Italian Network
Edizioni Gesim SRL − Registrazione Tribunale di Roma n.87/96 − ItaliaLavoroTv iscrizione Tribunale di Roma n.147/07