Direttore responsabile Maria Ferrante − martedì 25 giugno 2019
o consulta la mappa del sito
italialavorotv.it

Sponsor

Archivio trasmissioni / Immigrazione

IMMIGRAZIONE - COSTRUIRE UNA POLITICA EUROPEA IN TEMPI DI CRISI: LOY(UIL):"IMPORTANZA RUOLO PATRONATO ITAL". VISENTINI(CES):"RICOSTRUIRE QUADRO NORMATIVO UE". SERA (ITAL):"COSTRUITO LEADER STRANIERI UIL DEL FUTURO"

<a href="http://195.110.140.247/streaming/IMMIUIL.wmv" />

    Dal "becerismo"  chiassoso e volgare contro gli immigrati alla "politica a km 0" fatta di piccoli gesti di brave persone, cittadini, lavoratori, amministratori che ha vinto sulla prima" questo il retaggio del presente, secondo Alberto Sera vice Presidente dell'ITAL che, intervenendo al Seminario della UIL su "Costruire una identita' ed una posizione sindacale europea". Della politica a km 0 per la quale il sindacalista rivendica il ruolo del Patronato come uno dei protagonisti dell'integrazione, accompagnando i processi nella società come nel mondo del lavoro, grazie a sperimentazioni illuminate e attività costante degli insegnanti come dei sindacalisti. 

Esperienze - ha fatto presente Sera (vedi: http://www.italiannetwork.it/news.aspx?ln=it&id=37396) - che serviranno al Patronato per un accompagnamento che con il programma del Ministero del Lavoro comincerà dai Paesi di provenienza degli immigrati attraverso la formazione pre-partenza, dove accanto alla cultura della sicurezza sul lavoro si offrirà al migrante lingua italiana ma anche cultura ed educazione civica di base.... Avverrà nei cosiddetti Paesi prioritari Albania, Egitto Marocco e Moldavia. In questi Paesi - ha assicurato Sera - intercetteremo il potenziamento e/o l'acquisizione delle competenze lavorative e professionali dei lavoratori stranieri. "Lo possiamo fare perchè i luoghi di lavoro in Italia sono stati il baluardo contro il becerismo...." E se è "giusto dire grazie agli stranieri che hannotappato le falle aperte del nostro lavoro...è anche altrettanto giusto dire grazie ai tanti sindacalisti che sono stati motore d'integrazione..." e il cui impegno ha dato vita "alla cosa più preziosa che si è cistruita in questi anni zero con la politica a km0 : i sindacalisti stranieri leader della UIL del futuro". "

Una battaglia decisiva per l'immigrazione interna all'Europa e al di fuoi dell'Europa" così il Segretario Confederale della UIL, Guglielmo Loy, che si interroga se il sistema di coesione sociale terrà per il prossimo futuro così come in fin dei conti, nonostante una serie di problemi e peculiarità partitiche, ha tenuto nel passato prossimo, anche fra cittadini italiani e non italiani, sebbene con fatica e contraddizioni.
Un processo che sul fronte dell'immigrazione riguarda ormai cinque milioni di persone e questo processo merita di essere accompagnato, rappresentandole e facendo sì che si rappresentino e pongano sul tavolo i loro diritti e come far rispettare anche i loro doveri.  Al centro del prossimo futuro : il sindacalista della UIL ha posto il problema della mobilità del lavoro nell'ambito di una riconversione del sistema produttivo e ricollocazione dei lavoratori, anche dei lavoratori immigrati. L'attuale sistema - ha affermato Loy - non è tarato per questa nuova emergenza. Il Segretario Confederale della UIL ha esaltato il valore della bilateralità e la sperimentalità del lavoro dei  Patronati, in alcune aree, su alcuni territori e verso alcuni Paesi (vedi :http://www.italiannetwork.it/news.aspx?ln=it&id=37411)

"Stiamo cercando di costruire anche nella UE una politica a Km 0 , potrebbe essere una politica complementare a quello che si dovrebbe fare in un negoziato a livello europeo per tentare di implementare le politiche di integrazione ma anche per ridefinire un quadro legislativo comunitario che è molto frammentato, poco coordinato e quasii completamente ispirato ad una vecchia concezione.Ad affermarlo ad Italialavorotv/Italiannetwork il sindacalista della UIL Luca Visentini, Segretario Confederale della CES.  E stiamo tentando di vedere se si riesce a mettere in campo delle politiche più organiche, anche di coordinamento degli strumenti legislativi esistenti. Però contemnporaneamente  stiamo lanciando da qualche mese l'idea di creare un network, una rete molto più strutturata che in passato tra i nostri affiliati a livello nazionale - sia le confederazioni che le federazioni che gli enti collaterali dei sindacati dei vari Paesi d'Europa - per esprimere servizi anche a km 0 di assistenza concreta dei lavoratori immigrati per l'integrazione di questi lavoratori, famiglie ed in generale per i cittadini stranieri .(12/07/2012-ITL/ITNET)

(Data di inserimento online 2012-07-12 00:07)

Archivio | Requisiti tecnici | Download WindowsMediaPlayer Preleva l'ultimo Windows Media Player

Altri prodotti editoriali

Contatti

Contatti

Borsa italiana
Borsa italiana

© copyright 1996-2007 Italian Network
Edizioni Gesim SRL − Registrazione Tribunale di Roma n.87/96 − ItaliaLavoroTv iscrizione Tribunale di Roma n.147/07