Direttore responsabile Maria Ferrante − domenica 17 dicembre 2017
o consulta la mappa del sito
italialavorotv.it

Sponsor

Archivio trasmissioni / Sicurezza sociale

LAVORO - SINDACATI ITALIANI IN EUROPA - BATTAGLIA SALARIALE DELLA CES. VISENTINI (SEGR.GEN.):"MOTORE PER CRESCITA E OCCUPAZIONE"

"L'Europa ha bisogno di aumenti degli stipendi. E ' il turno dei lavoratori !"  è questo l'argomento della campagna lanciata dalla Confederazione europea dei sindacati (CES) ha lanciato una campagna per ottenere l'incremento salariale per i lavoratori di tutta Europa per stimolare la crescita economica ed affrontare le disuguaglianze.

In questi ultimi due giorni, i sindacalisti europei hanno discusso la necessità di aumenti salariali con i rappresentanti dei datori di lavoro e governi in una conferenza tenutasi a Bruxelles.

"L'Europa deve porre la questione degli aumenti salariali sul tavolo", ha detto il segretario generale della CES Luca Visentini. "Migliorando il potere d'acquisto, gli aumenti salariali diventeranno un motore per l'economia, la crescita e l'occupazione.  E'  essenziale per portare l'Europa fuori da una crescita molto bassa o inesistente. "

"I lavoratori sono i grandi perdenti negli ultimi anni. Per decenni, gli stipendi non hanno seguito l'evoluzione della produttività. I salari sono scesi rispetto ai profitti, azioni e redditi da capitale. La percentuale di lavoratori dal basso salario è uno scandalo.

Inoltre, il problema imbarazzante del divario salariale persistente tra uomini e donne è durato troppo a lungo e le differenze salariali tra gli Stati membri dell'Unione europea non sono accettabili. In alcuni paesi, il salario minimo è inaccettabilmente basso e non si applica nemmeno a tutti i lavoratori. "

"La contrattazione collettiva tra sindacati e dei lavoratori è il Il modo migliore per ottenere ragionevoli aumenti salariali", aggiunge Esther Lynch, Segretario confederale della CES. "I datori di lavoro e sindacati devono iniziare un nuovo ciclo di negoziati salariali, mentre l'Unione europea e le politiche economiche nazionali devono incoraggiare gli aumenti di stipendio e della contrattazione collettiva. "
"Per la prima volta dall'inizio della crisi finanziaria, i sindacati europei sono determinati a mettere questi temi all'ordine del giorno. "

Il ministro per l'Occupazione del Lussemburgo, Nicolas Schmit, e i Segretari all'Occupazione del Portogallo e la Slovacchia si sono espressi positivamente sugli aumenti salariali dei lavoratori.
Uno dopo l'altro, rappresentanti sindacali provenienti da tutta Europa hanno sostenuto che: i salari sono in ritardo in termini di produttività; i benefici non sono equamente condivisi con i lavoratori attraverso aumenti salariali; la contrattazione collettiva dovrebbe essere rafforzata; le politiche economiche nazionali della UE e dovrebbero riflettere gli effetti positivi di aumenti salariali sulla giustizia sociale e la crescita economica.

I sindacalisti intervenuti erano leader in Belgio, Bulgaria, Spagna, Francia, Italia, Polonia, Repubblica Ceca e Slovacchia. (15/02/2017-ITL/ITNET)

(Data di inserimento online 2017-02-15 00:02)

Archivio | Requisiti tecnici | Download WindowsMediaPlayer Preleva l'ultimo Windows Media Player

Altri prodotti editoriali

Contatti

Contatti

Borsa italiana
Borsa italiana

© copyright 1996-2007 Italian Network
Edizioni Gesim SRL − Registrazione Tribunale di Roma n.87/96 − ItaliaLavoroTv iscrizione Tribunale di Roma n.147/07