Direttore responsabile Maria Ferrante − venerdì 10 aprile 2020 o consulta la mappa del sito
italialavorotv.it

Sponsor

RICERCA SCIENTIFICA ITALIANA NEL MONDO - COVID-19 /DIRITTO INTERNAZIONALE ECONOMICO - PRIME RIFLESSIONI DI "THE IEL COLLECTIVE" SUI CAMBIAMENTI IN ATTO"

(2020-03-25)

" Al centro del nostro attuale ordine globale vi sono profonde dislocazioni tra economia, società e ambiente naturale. La pandemia di coronavirus (COVID-19) che ha fermato il mondo quest'anno, rivela chiaramente brutali manifestazioni di queste dislocazioni, mentre la pandemia si diffonde a una velocità senza precedenti, lasciando dietro di sé una devastazione che stiamo solo iniziando a comprendere appieno.
L'attuale pandemia, e le risposte ad essa da parte sia degli stati che delle comunità, stanno mettendo a fuoco il ruolo di IEL (ndr.-diritto economico internazionale) nel mettere in moto un particolare tipo di globalizzazione sociopolitica ed economica...  "così i  membri di  The IEL Collective * in una prima riflessione (pubblicata sulla piattaforma Medium ) su alcuni dei modi in cui IEL si mescola ai modelli problematici della produzione e del consumo globalizzati alla base delle risposte lente e della rapida diffusione di COVID-19; e i modi in cui potremmo rispondere a questa crisi in modo più equo e sostenibile a livello globale.

-  Diritto commerciale e degli appalti internazionali

Un esempio di come i difetti strutturali del sistema commerciale internazionale vengono rivelati dall'attuale pandemia si trova all'intersezione tra approvvigionamento e commercio. Nell'Unione Europea (UE), ad esempio, l'Italia ha affrontato una crisi sanitaria senza precedenti che ha richiesto al suo organismo centrale di acquisto, la Consip , di procurarsi ventilatori e altre forniture mediche in tempi record. Sembrerebbe che anni di investimenti nella professionalizzazione della forza lavoro per gli appalti e l'applicazione diligente dei principi dell'UE sulla liberalizzazione del mercato degli appalti, abbiano consentito alla Consip di ottenere sconti significativi date le circostanze e di procurarsi rapidamente . Tuttavia, la decisione iniziale di imporre un divieto all'esportazione di attrezzature mediche essenziali e salvavita da parte della Germania - un divieto che potrebbe riguardare non solo l'Italia ma altri Stati membri dell'UE che necessitano di forniture - illustra i modi in cui le regole della libera il commercio può sia liberalizzare sia limitare la circolazione di beni tanto necessari in tempi di crisi. Mentre la richiesta del presidente della Commissione di revocare qualsiasi divieto alla circolazione di attrezzature mediche nel mercato interno potrebbe alla fine funzionare, i primi bandi di gara della COVID-19 mostrano le cicatrici di un'Unione senza unità.

COVID-19 sta rivelando come il sistema di libero scambio, basato sull'accumulo di profitti e sul consumismo, non sta solo approfondendo le disparità tra il nord globale e il sud globale, ma anche tra e all'interno dei paesi del nord. Oltre all'UE, l'imposizione di restrizioni commerciali da parte di molti paesi suscita preoccupazioni sul fatto che l ' " effetto moltiplicatore ", in cui la restrizione all'esportazione di un paese porta ad un altro, avrà probabilmente ripercussioni sociali ed economiche dannose, compreso l'accesso ai fornitori di prodotti alimentari e medici. Attualmente stiamo assistendo a un livello senza precedenti di divieti all'esportazione, compresi i divieti all'esportazione di dispositivi di protezione medica da parte dell'UE ; di 80 farmaci, tra cui insulina, morfina e paracetamolo, dal Regno Unito ; e delle maschere per il viso di Malesia e Tailandia . Ci saranno anche pressioni significative sulle forniture alimentari in molti paesi in cui le catene di approvvigionamento globali hanno creato reti complicate di produzione e distribuzione che potrebbero essere influenzate da restrizioni di viaggio, esportazione e importazione e politiche agricole che hanno favorito la produzione di esportazione rispetto all'autosufficienza alimentare e che sono dominati da grandi società transnazionali . Una domanda cruciale da porre in futuro è come apparirebbe un regime commerciale progressivo che darebbe priorità all'accesso al cibo e alle medicine alle popolazioni, in particolare a quelle più vulnerabili alle malattie e alla malnutrizione nel sud globale e altrove?
"
-  Proprietà intellettuale e accesso ai medicinali
La pandemia di COVID-19 sta infatti rivelando come l'unione della proprietà intellettuale (PI) con il commercio globale, sotto forma dell'Accordo dell'OMC sugli aspetti della proprietà intellettuale attinenti al commercio (Accordo TRIPS), abbia un impatto negativo sulla salute pubblica. Questo perché in TRIPS, un brevetto - un diritto esclusivo temporaneo concesso a un inventore di un nuovo prodotto o processo - dura 20 anni. L'esclusività, a seguito di brevetti, significa che un'azienda farmaceutica innovatrice può impedire l'ingresso nel mercato di versioni generiche a basso prezzo quando disponibili.

Tenendo conto degli errori e dei passi falsi della crisi dell'HIV / AIDS dei primi anni '90 , la pandemia di COVID-19 offre un'altra opportunità alla comunità internazionale di riunirsi per sviluppare un piano per facilitare l'accesso ai farmaci e ad altri strumenti necessari non solo per il trattamento del virus ma anche per il rilevamento, la prevenzione e l'isolamento. Man mano che iniziano le prime prove di potenziali trattamenti COVID-19 , c'è un'urgente necessità di collaborazione internazionale nella ricerca e sviluppo di nuovi farmaci, nonché una maggiore flessibilità nell'attuazione della legge sui brevetti farmaceutici in materia di accesso e condivisione della tecnologia farmaceutica su COVID-19. Questo è quindi un momento opportuno per limitare l'esclusività dei dati e garantire un più facile accesso ai dati della sperimentazione clinica e incoraggiare lo sviluppo più rapido di nuovi vaccini / farmaci...  " la riflessione del gruppo - cui partecipano anche alcuni docenti italiani dislocati in diverse  università del Regno Unito -  è pubblicata su:    .https://medium.com/iel-collective/international-economic-law-and-covid-19-d46e17fdcd3f.
----------------------------------------------------------------
* Il collettivo IEL è una comunità formata da studiosi e professionisti affini per fornire uno spazio per riflessioni critiche su IEL. Questo articolo è stato scritto collettivamente da Donatella Alessandrini , Facoltà di Giurisprudenza, Università del Kent; Daria Davitti , Facoltà di Giurisprudenza, Lund University e School of Law, Università di Nottingham; Luis Eslava , School of Law, Università del Kent ; Clair Gammage , Facoltà di Giurisprudenza, Università di Bristol; Annamaria La Chimia , School of Law, Università di Nottingham ; Serena Natile , School of Law, Brunel University London; Karina Patricio Ferreira Lima , Facoltà di giurisprudenza, Università di Durham; Celine Tan , School of Law, Università di Warwick; Tara Van Ho , Facoltà di giurisprudenza, Università dell'Essex ; Amaka Vanni , studiosa indipendente e presidente eletto, Società africana di diritto economico internazionale; Paolo Vargiu , Facoltà di giurisprudenza, Università di Leicester; e Anil Yilmaz Vastardis , Facoltà di Giurisprudenza, Università dell'Essex. (25/03/2020-ITL/ITNET)

Altri prodotti editoriali

Contatti

Contatti

Borsa italiana
Borsa italiana

© copyright 1996-2007 Italian Network
Edizioni Gesim SRL − Registrazione Tribunale di Roma n.87/96 − ItaliaLavoroTv iscrizione Tribunale di Roma n.147/07