Direttore responsabile Maria Ferrante − venerdì 23 ottobre 2020 o consulta la mappa del sito
italialavorotv.it

Sponsor

DONNE - COVID- 19 - DUE STUDI SEPARATI DENUNCIANO EFFETTI NEGATIVI PER LE DONNE SU ORGANIZZAZIONE LAVORO

(2020-09-18)

  I dati delle passate crisi economiche indicano che le recessioni hanno spesso un impatto maggiore sui settori dominati dagli uomini. Ma il blocco del Covid-19 potrebbe finire per avere un effetto maggiore sull'occupazione femminile rispetto agli uomini, secondo due studi separati per il COVID Crisis Lab . 
A segnalare l'impatto attraverso due studi  è Jennifer Clark in un articolo pubblicato dall'Università Bocconi

“ Lavoro femminile, lavori domestici e cura dei bambini, prima e durante il Covid-19"(2020, CEPR Covid Economics 28: 70-90) è stato condotto da Daniela Del Boca, Maria Cristina Rossi e Noemi Oggero (presso Collegio Carlo Alberto e Università di Torino) e Paola Profeta (Università Bocconi e Dondena) utilizzando i dati del sondaggio raccolti nell'aprile 2020 da un campione rappresentativo di circa 1.000 donne italiane.

Lo studio analizza congiuntamente l'effetto dell'emergenza sull'organizzazione del lavoro, sui lavori domestici e sull'assistenza all'infanzia delle coppie in cui lavorano entrambi i partner. I risultati mostrano che la maggior parte del carico di lavoro aggiuntivo delle faccende domestiche derivante dal blocco ricade sulle donne, mentre le attività di assistenza all'infanzia sono condivise più equamente all'interno della coppia rispetto ai lavori domestici.

In una famiglia in cui entrambi i partner lavoravano da casa, il 65% delle donne ha aumentato la quantità di lavori domestici che svolgevano, mentre solo il 40% degli uomini lo ha fatto. In termini di assistenza all'infanzia, l'incremento per gli uomini è salito al 60%.

"Se consideriamo che Covid ha aumentato il lavoro extra per la famiglia in termini di lavori domestici e assistenza all'infanzia e la maggior parte di esso è ricaduta sulle donne, abbiamo un rischio molto alto che la partecipazione femminile al lavoro possa diminuire, e questo è un grosso problema, perché è già piuttosto basso in Italia ”, ha affermato Paola Profeta, Professore Associato di Economia Pubblica, e coordinatrice della Dondena Gender Initiative presso il Dondena Research Center for Social Dynamics and Public Policy.

Secondo il Global Gender Gap Report 2020, l'Italia si colloca al 76 ° posto su 153 paesi in termini di parità di genere. In " The Gendered Effects of COVID ", Alessandra Casarico e Salvatore Lattanzio (Università di Cambridge), Professore Associato di Economia Pubblica, hanno due obiettivi: valutare come le chiusure aziendali influiscono sulle occupazioni femminili ed esaminare come la politica pubblica media gli effetti dell'emergenza lavoro delle donne. Questo studio è ancora in corso, anche se suggerisce che l'impatto è maggiore per le lavoratrici perché più di loro sono impiegate in settori che sono stati più duramente colpiti dal blocco e che si sono aperti più tardi, quando le restrizioni hanno iniziato ad essere revocate, ha detto Casarico.
"Quello che sorprende è che uomini e donne sono coinvolti in egual misura in settori essenziali che non sono mai stati bloccati, ma il 72% di coloro che sono tornati al lavoro per primi erano uomini", ha detto Casarico, che è anche membro del Dondena Research Center of Social Dynamics e politiche pubbliche. Inoltre, sono le giovani donne di età inferiore ai 30 anni quelle che sono state tenute fuori dal mercato del lavoro più a lungo, con conseguenze potenzialmente negative sulle loro prospettive di carriera. (18/09/2020-ITL/ITNET)


Altri prodotti editoriali

Contatti

Contatti

Borsa italiana
Borsa italiana

© copyright 1996-2007 Italian Network
Edizioni Gesim SRL − Registrazione Tribunale di Roma n.87/96 − ItaliaLavoroTv iscrizione Tribunale di Roma n.147/07