Direttore responsabile Maria Ferrante − domenica 17 dicembre 2017 o consulta la mappa del sito
italialavorotv.it

Sponsor

DONNE - EGUAGLIANZA E PARI OPPORTUNITA' A CHE PUNTO SIAMO ? PRES. CAMERA BOLDRINI :"C'E' ANCORA MOLTA STRADA DA FARE SE ANCORA E' NECESSARIA LA DOPPIA PREFERENZA DI GENERE"

(2017-04-11)

  “Di padre in figlia” è il titolo della serie tv, in onda su Raiuno dal 18 aprile, che la Camera ha proiettato in anteprima. Scritta da Cristina Comencini, sceneggiata da Giulia Calenda, Francesca Marciano e Valia Santella e con la regia di Riccardo Milani, “Di padre in figlia” è una saga familiare che ha come protagoniste le donne. Ambientata in Veneto, racconta il percorso a ostacoli dell’emancipazione femminile attraverso la storia di una famiglia di Bassano del Grappa, partendo dagli anni 50 e arrivando fino agli 80.
Prodotta da RaiFiction e Bibi Film, vede tra gli attori  protagonisti, Alessio Boni, Cristiana Capotondi e Stefania Rocca. La proiezione è stata preceduta da un dibattito - trasmesso in diretta webtv - introdotto dal saluto della Presidente della Camera, Laura Boldrini e al quale sono intervenuti anche la direttrice di RaiFiction Eleonora Andreatta, Cristiana Capotondi, Cristina Comencini e Riccardo Milani.

Un film che segue il percorso dell'emancipazione delle donne italiane. Ma il percorso è compiuto ? Per la Presidente della Camera Laura Boldrini c'è ancora molto cammino da fare se le donne guadagnano meno degli uomini, se per arrivare alla rappresentanza c'è ancora la necessita' di imporre la doppia differenza di genere nelle liste elettorali...., se la definizione delle professioni è sempre al maschile. Abbiamo molta strada da fare se le donne coniugate non possono dare il proprio cognome ai figli....
Certo - ha ricordato Boldrini - è stato un cammino non facile per le resistenze che si sono incontrate: se la giustizia è arrivata solo dopo molti anni a cancellare la fattispecie del delitto d'onore, quella per cui non vi era più colpa dopo che la donna era stata stuprata se lo stupratore la sposava... La dignità della donna lesa ad ogni pie' sospinto: non sei d'accordo con una donna ? Non si entra nel merito della questione, ma giù epiteti volgari, sessuali....solo il 4% delle strade è dedicate alle donne e quasi tutte sono sante. Dove sono le riceratrici, le donne delle istituzioni....ma la popolazioneè fatta dal 50% degli uomini e delle donne.... Un cammino lungo. a passo veloce,  perchè vi sia parità nella vita quotidiana delle donne e degli uomini. Un cammino che, per la Presidente della Camera, va affrontato alla radice in termini culturali, cambiare l'atteggiamento culturale... Vorrei che gli uomini fossero accanto a noi in questo percorso, così come è avvenuto in altri Paesi, mentre in Italia non ho mai sentito dire da parte di un uomo "io sono femminista"...
I media giocano un ruolo determinante e, dunque, un grazie alla RAI per lo sforzo che sta facendo con una linea scelta per essere parte determinante del nostro Paese.

  Il film ne è un esempio di questo cammino: raccontare da una parte il Paese e l'esempio di quello che è stato perchè  possa servire alle generazioni più giovani. L'altro aspetto è che un'esempio del percorso delle donne. Un cammino che è ancora in atto.(11/04/2017-ITL/ITNET)

Altri prodotti editoriali

Contatti

Contatti

Borsa italiana
Borsa italiana

© copyright 1996-2007 Italian Network
Edizioni Gesim SRL − Registrazione Tribunale di Roma n.87/96 − ItaliaLavoroTv iscrizione Tribunale di Roma n.147/07