Direttore responsabile Maria Ferrante − lunedì 18 dicembre 2017 o consulta la mappa del sito
italialavorotv.it

Sponsor

DONNE - EUROPA - EQUILIBRIO TRA LAVORO E VITA PRIVATA GENITORI E OPERATORI SANITARI: PARERE COMITATO DELLE REGIONI EUROPEE SU INIZIATIVA PILASTRO DEI DIRITTI SOCIALI

(2017-11-30)

  "Conciliare lavoro e vita familiare è una sfida quotidiana per donne e uomini di tutta Europa", ha affermato V?ra Jourová, Commissaria UE per la Giustizia, i consumatori e la parità di genere, presentando il Pilastro dei diritti.
"È nostra responsabilità definire un quadro che consenta ai cittadini di fare le proprie scelte. Questa nostra nuova proposta mira a rafforzare i diritti e migliorare le condizioni affinché i genitori e i prestatori di assistenza che lavorano possano conciliare il lavoro e le responsabilità familiari....
La proposta relativa all'equilibrio tra attività professionale e vita familiare stabilisce una serie di standard minimi nuovi o più elevati per il congedo di paternità, il congedo parentale e il congedo per i prestatori di assistenza....Tutte queste modalità di congedo familiare saranno retribuite almeno al livello del congedo di malattia. ... ai prestatori di assistenza il diritto di chiedere modalità di lavoro flessibili, quali l'orario di lavoro flessibile o ridotto o la flessibilità per quanto concerne il luogo di lavoro. Essa tiene conto delle esigenze delle piccole e medie imprese e cerca di fare in modo che non ne risentano in maniera sproporzionata."

Ad accogliere favorevolmente l'iniziativa della Commissione il  Comitato delle regioni (CdR) di transizione verso una nuova cultura lavorativa riconoscendo i benefici economici e sociali di un migliore equilibrio tra lavoro e vita privata. Sotto la guida di Nathalie Sarrabezolles (FR / PSE), presidente del dipartimento del Finistère, l'Assemblea dei rappresentanti regionali e locali dell'UE ha deplorato  tuttavia la mancanza di qualsiasi riferimento al ruolo svolto dagli enti locali in questo settore, come  sostenitori infatti essi sono pienamente coinvolti nella realizzazione del dispositivo proposto. Inoltre, il Comitato ritiene anche la mancanza di proposte sul rafforzamento del diritto al congedo di maternità  un'occasione mancata.

Insieme con i principi del "pilastro dei diritti sociali", la Commissione europea ha proposto nel mese di aprile una serie di misure volte a modernizzare il quadro giuridico per l'equilibrio tra lavoro e vita privata.

Il Comitato appoggia le proposte (già citate) che rafforzano la dimensione sociale dell'UE e la convergenza verso l'alto degli Stati membri. Nel suo rapporto adottato oggi (30 novembre), ha sottolineato i benefici condivisi di tali misure sia per le donne, le famiglie e la società, non solo in termini di parità tra donne e uomini, ma anche per la vita aziendale (ad es. riduzione dell'assenteismo) e la prosperità economica.

"In Francia, l'80% dei caregiver sono in realtà gli operatori sanitari che dedicano gran parte della loro vita alla cura dei bambini, le persone anziane o disabili. Questo ha un impatto molto rilevante sullo sviluppo professionale delle donne, che sono più propense a lavorare part-time a causa delle responsabilità familiari. Ciò contribuisce al divario salariale tra uomini e donne, che può raggiungere il 28% in alcuni Stati membri, e si trasforma in uno scarto del 40% in media nell'UE, aumentando il rischio di povertà e di l'esclusione sociale delle donne, in particolare le donne anziane. E 'chiaro che un migliore equilibrio tra lavoro e vita privata contribuisce anche bene per la parità di genere presso la sostenibilità delle finanze pubbliche. "Ha sottolineato il relatore Nathalie Sarrabezolles.

Il Comitato si rammarica, però, del silenzio della Commissione sul ruolo svolto dagli enti locali e regionali dei loro interventi nella vita quotidiana delle famiglie, quali l'assistenza all'infanzia, assistenza agli anziani e disabili, la istruzione, sociali e occupazionali servizi. Egli insiste sul fatto che le autorità locali, a causa della loro prossimità ai cittadini, datori di lavoro e le imprese locali, sono pienamente coinvolti nella realizzazione del nuovo sistema proposto. Si chiede inoltre di rafforzare la capacità di azione del Fondo sociale europeo in materia di privazione, la povertà di lavoro, l'inclusione sociale e l'occupabilità.

Il Comitato si rammarica anche della mancanza di proposte per rafforzare i diritti di maternità, per quanto riguarda ad esempio la protezione contro il licenziamento per un periodo prolungato e la discriminazione legata al lavoro. Questo è secondo lui un'occasione mancata, in particolare dato l'obiettivo della proposta di direttiva che mira a sostituire la direttiva sul congedo di maternità rimossa nel 2015 per mancanza di un accordo tra gli Stati membri.

I membri del CdR vedono con favore l'introduzione del congedo di paternità e la proposta di concedere il congedo senza pregiudizio sullo stato matrimoniale o di famiglia. Tuttavia, essi chiedono alla Commissione di tenere maggiormente conto dei cambiamenti nelle strutture familiari nella sua definizione di paternità. Questo è il motivo per cui il parere propone di applicare la possibilità di riconoscere il diritto al congedo di paternità al padre, ma anche ala "persona giuridicamente riconosciuta come tale."

Il Comitato sottolinea anche la mancanza di riferimento agli obiettivi di Barcellona , volti ad aumentare il tasso di partecipazione femminile nel 2002 e ha fissato l'obiettivo di insediare strutture di accoglienza fornite in Europa per almeno il 90% dei bambini tra i tre anni e l'età dell'obbligo scolastico, e il 33% di coloro con meno di tre anni. Queste percentuali non sono state raggiunte in tutti gli Stati membri ed il Comitato chiede che siano attuati degli sforzi per raggiungere questo incremento.(30/11/2017-ITL/ITNET)

Altri prodotti editoriali

Contatti

Contatti

Borsa italiana
Borsa italiana

© copyright 1996-2007 Italian Network
Edizioni Gesim SRL − Registrazione Tribunale di Roma n.87/96 − ItaliaLavoroTv iscrizione Tribunale di Roma n.147/07