Direttore responsabile Maria Ferrante − mercoledì 19 dicembre 2018 o consulta la mappa del sito
italialavorotv.it

Sponsor

LAVORO - ALBANESI IN ITALIA - NUOVE PROCEDURE PER VISTO LAVORO SUBORDINATO IN ITALIA - PRECISAZIONI AMBASCIATA D'ITALIA IN ALBANIA

(2018-03-02)

L’Ambasciata d’Italia in Albania segnala l’adozione di una nuova procedura di richiesta del visto per lavoro subordinato in Italia.

La documentazione necessaria : formulario di richiesta del visto (si deve utilizzare un formulario per ciascun richiedente il visto, compilato in ogni sua parte e firmato);

passaporto in corso di validità (la scadenza del passaporto dev’essere di almeno tre mesi successiva alla scadenza del visto che si intenda richiedere); una fotocopia del passaporto;

due fotografie recenti formato tessera;

fotocopia del Nulla Osta rilasciato dallo Sportello Unico per l’Immigrazione (SUI), emesso da non più di 6 mesi;

certificato personale con apostille e traduzione in italiano (solo in caso di prima domanda di visto, per verificare la competenza territoriale della Cancelleria Consolare dell’Ambasciata di Tirana);

copia del contratto di lavoro stipulato con datore di lavoro in Italia, che riporta data di inizio e fine del rapporto di lavoro;

assicurazione sanitaria con validità di una settimana dall’arrivo in Italia;

copia della prenotazione del biglietto di viaggio.

Le domande possono essere presentate a partire da tre mesi dall’inizio del viaggio previsto;

il visto verrà rilasciato con decorrenza alla data di inizio del rapporto di lavoro. Si raccomanda di fissare l’appuntamento con un congruo anticipo sulla data di partenza. I formulari di richiesta di visto e i moduli in uso sono scaricabili dal sito dell’Ambasciata di Tirana, nella sezioni “visti” – “modulistica”, e distribuiti gratuitamente all’entrata della Cancelleria consolare.

Tutti i documenti e le dichiarazioni redatte in lingua albanese delle autorità locali dovranno essere tradotti in lingua italiana e apostillati dal Ministero degli Esteri albanese.

I certificati di stato civile devono essere rilasciati da non più di sei mesi.

La Rappresentanza diplomatica o consolare si riserva di richiedere ulteriore documentazione in caso di necessità.

La nota precisa, comunque, che la presentazione della documentazione richiesta non comporta necessariamente il rilascio di visto. (02/03/2018-ITL/ITNET)

Altri prodotti editoriali

Contatti

Contatti

Borsa italiana
Borsa italiana

© copyright 1996-2007 Italian Network
Edizioni Gesim SRL − Registrazione Tribunale di Roma n.87/96 − ItaliaLavoroTv iscrizione Tribunale di Roma n.147/07