Direttore responsabile Maria Ferrante − martedì 20 agosto 2019 o consulta la mappa del sito
italialavorotv.it

Sponsor

AMBIENTE - ENERGIA VERDE ... e non solo - COMITATO REGIONI UE CHIEDE CERTEZZA NORMATIVA E INCENTIVI FINANZIARI PER TRANSIZIONE ENERGETICA.

(2019-06-12)

Le città e le regioni chiave per fornire le priorità verdi dell'UE nei prossimi cinque anni

Il Comitato delle regioni chiede certezza normativa e incentivi finanziari per accelerare la transizione di energia pulita d'Europa, contenente una ripartizione politica di coesione Transizione di
  € 4,8 miliardi per le regioni di carbone verdi

Bucarest ha ospitato il 24 ° incontro della commissione Ambiente, cambiamenti climatici ed energia del Comitato delle regioni. Misure per spostare in avanti l'attuazione dell'accordo clima di Parigi, il ruolo delle città e delle regioni nella realizzazione di pacchetto energia pulita dell'UE e gli obiettivi di sviluppo sostenibile sono stati i tre temi principali all'ordine del giorno. In collaborazione con la Commissione Europea, la Presidenza rumena UE e l'Associazione dei Comuni rumeni, il CdR partecipa anche alla 12 ° conferenza SET PLAN 'Fare la transizione energetica avvenga a livello locale' dal 12 al 14 June il 2019.

I membri hanno adottato il progetto di parere 'attuazione del pacchetto Clean Energy: l'energia e clima piani nazionali (NECPs) come strumento di approccio locale e territoriale della governance del clima, attiva e passiva di energia' . Relatore József Ribányi (HU / PPE), vicepresidente del Consiglio della contea di Tolna Megye ha detto: "Gli Stati membri devono valutare criticamente i dialoghi di clima ed energia multilivello che hanno in atto per garantire che le autorità locali e regionali sono strettamente coinvolti come affermato da la regolamentazione della governance dell'Unione energia. e 'attraverso questi dialoghi che le città e le regioni, ma anche la società civile, le imprese e le parti interessate, possono impegnarsi nella definizione e attuazione di strategie energetiche e climatiche e piani d'azione. non dobbiamo dimenticare che le città e le regioni gestiscono grandi scorte di costruzione e reti di trasporto pubblico, in possesso di competenze dirette in urbanistica e gestione del territorio, e funzionano come regolatori della produzione di energia decentralizzata. mentre il gruppo che rappresenta le città e le regioni dell'UE, ci proponiamo di contribuire alla energia ei piani nazionali clima e, in particolare, ai multilivello di clima ed energia dialoghi."

I membri hanno adottato il progetto di parere 'sostenibile per l'Europa entro il 2030, il follow-up per gli Obiettivi di Sviluppo Sostenibile delle Nazioni Unite (OSS): L'accordo di Parigi sui cambiamenti climatici' . Relatore Sirpa Hertell (FI / PPE), consigliere comunale di Espoo ha chiesto un generale strategia SDGs dell'UE per guidare tutte le politiche e le azioni dell'UE. Relatore Hertell ha detto: “Abbiamo bisogno di un approccio sistemico di evitare politiche frammentarie e contraddittorie città e le regioni devono avere il potere in quanto sono responsabili per il 65% della realizzazione di obiettivi di sviluppo sostenibile in Europa. Localizzazione azioni di sviluppo sostenibile del clima, energia e politiche ambientali è fondamentale per raggiungere il 2030 agenda. Il CdR chiede che l'impostazione di obiettivi, integrati inclusivi locali e gli obiettivi, le azioni di attuazione e indicatori per misurare e monitorare i progressi nell'attuazione SDGs in linea con il principio della governance multilivello ".

I membri hanno adottato il progetto di parere 'applicazione dell'accordo di Parigi attraverso innovative e sostenibili transizione energetica a livello regionale e locale' . Relatore Witold Stepien (PL / PPE), Membro dell'Assemblea regionale ?ódzkie, ha dichiarato: “Il raggiungimento dell'accordo di Parigi richiede una maggiore ambizione e una rapida transizione verso un sistema energetico sostenibile e innovativo. Il coinvolgimento delle città e delle regioni europee, così come i cittadini, è di fondamentale importanza dato le loro responsabilità nella produzione di energia, distribuzione e consumo. Gli enti locali e regionali dovrebbero essere considerati come partner essenziali da parte dei governi nazionali e hanno un migliore accesso ai finanziamenti, alle nuove tecnologie e ai programmi di sviluppo delle capacità, al fine di assicurare una transizione energetica fiera di regioni di carbone, ma anche di carbonio regioni intensi e le isole in tutta Europa “.

Il Comitato delle regioni chiede un'assegnazione di transizione di € 4,8 miliardi nel quadro della politica di coesione 2021-2027 per facilitare una transizione sostenibile nelle regioni di carbone. Supporta anche l'innalzamento del livello degli aiuti di Stato ammissibile per i progetti relativi alla transizione energetica nelle regioni di carbone, nonché di aumentare il tasso di finanziamento alle organizzazioni orientate al profitto nell'ambito dei programmi comunitari dedicati 60-70%.  Assemblaggio di città e regioni dell'Unione europea ribadisce il suo invito a destinare almeno il 30% del prossimo bilancio UE per l'integrazione della dimensione politica climatica.

I leader locali invitano gli Commissione e Stati membri europei di aumentare il target per la riduzione di gas a effetto serra (GHG) dal 40 al 50% entro il 2030 e quelli per l'efficienza energetica e fonti rinnovabili al 40% entro il 2030 (attualmente concordato al 32,5% e il 32% rispettivamente) come un importante trampolino di lancio per raggiungere clima l'Europa neutrale entro il 2050.

I membri hanno avuto uno scambio di opinioni sulla 'Patto dei sindaci inviare 2020' elaborato dal relatore Benedetta Brighenti (IT / PSE), membro del Castelnuovo Rangone Consiglio comunale a Modena. Nel corso del dibattito è stato sottolineato che i leader locali vogliono di più il supporto per i quasi 10.000 le città e le regioni che sono volontariamente implementando l'energia sostenibile e piani di azione per il clima (SECAPs) sotto il Patto dei sindaci e di sviluppare con urgenza la complementarità tra Contributi livello nazionale determinati e sul Posto / A livello regionale Determinato Contributi nel quadro dell'accordo di Parigi del clima.

NECPs sta per Energy ei piani nazionali clima. Questi sono per includere strategie e azioni di energia e clima degli Stati membri per il periodo 2021-2030 per contribuire al 2030 gli obiettivi dell'UE. Gli Stati membri necessaria per presentare le loro bozze NECP entro la fine del 2018. Essi devono ora preparare e presentare le loro versioni finali entro il 31 dicembre di quest'anno. La risoluzione legislativa sulla governance dell'Unione dell'energia, adottata nel novembre 2018 invita gli Stati membri a stabilire dialoghi clima ed energia multilivello che includono autorità locali e regionali.

Il CdR sta contribuendo alla Commissione europea documento di riflessione 'sostenibile per l'Europa entro il 2030' pubblicato nel gennaio 2019 con un secondo parere, dal titolo 'obiettivi di sviluppo sostenibile (OSS): la base per una strategia a lungo termine dell'UE per un'Europa sostenibile entro il 2030' . Il relatore è Arnoldas Abramavi?ius (LT / PPE), membro del Consiglio del distretto comunale di Zarasai e capo della delegazione lituana al CdR. Il parere è quello di essere adottato prossima sessione plenaria 26-27 giugno il 2019.

Secondo il Centro comune di ricerca dell'UE , carbon fossile e di lignite si svolge in 41 regioni in 12 Stati membri. Attività di carbone nell'UE forniscono posti di lavoro diretti a circa 240.000 persone: la Polonia vede il più alto tasso di occupazione nelle miniere di carbone (oltre 99.000), seguita da Germania (25.000), Repubblica Ceca (18.000), Romania (15.000) e la Bulgaria (12.000) .

La politica di coesione transizione Assegnazione di € 4,8 miliardi per le regioni di carbone verdi è una proposta chiave anche incluso nella commissione Politica economica (ECON) parere 'La trasformazione socio-economica delle regioni di carbone d'Europa' dal relatore Mark Speich (DE / PPE), Segretario di Stato per federali, gli affari europei ed internazionali di Nord- Westfalia del Reno.  (12/06/2019 - ITL/ITNET)

Altri prodotti editoriali

Contatti

Contatti

Borsa italiana
Borsa italiana

© copyright 1996-2007 Italian Network
Edizioni Gesim SRL − Registrazione Tribunale di Roma n.87/96 − ItaliaLavoroTv iscrizione Tribunale di Roma n.147/07