Direttore responsabile Maria Ferrante − giovedì 9 luglio 2020 o consulta la mappa del sito
italialavorotv.it

Sponsor

DONNE - ITALIANE IN GERMANIA - SVANTAGGIO STRUTTURALE E DISPARITA' RETRIBUTIVA : 21% IN MENO DEGLI UOMINI. DIVARIO RIDOTTO CON I CONTRATTI COLLETTIVI

(2020-03-12)

  Decine di migliaia di donne si sono ritrovate in piazza in Germania domenica scorsa per attirare l'attenzione sullo svantaggio strutturale e sui salari più bassi delle donne. L'occasione è stata la "Giornata internazionale della donna", che ora è un giorno festivo a Berlino.

Nella prossima settimana, il 17 marzo 2020, seguirà la "Giornata della parità retributiva", il giorno in cui le donne lavorano a livello computazionale gratuitamente rispetto agli uomini. Perché il 17 marzo 2020  ?  Perchè sono erano trascorsi 77 giorni, ovvero il 21 percento dell'anno 2020, e il divario salariale tra donne e uomini, noto anche come divario retributivo di genere, è ancora  poco meno del 21 percento in Germania.

La Germania  - afferma la DGB - è molto indietro nel confronto europeo e le donne  ottengono un quinto del salario in meno rispetto agli uomini.  Il divario retributivo di genere è superiore solo in Estonia. In paesi come il Belgio, l'Italia e il Lussemburgo, i salari sono distribuiti in modo molto più uniforme. Tuttavia, le differenze nei guadagni differiscono da ramo a ramo. Mentre il divario salariale nel settore dell'ospitalità è del 7%, è del 25% nella produzione o nella vendita al dettaglio.

I contratti collettivi portano, invece, a una retribuzione equilibrata. Pari salari per uomini e donne - gli accordi collettivi contribuiscono a questo. Perché ovunque si applicano i contratti collettivi, il divario di guadagno tra donne e uomini è in media di 10 punti percentuali in meno. E le donne che sono pagate in base alla tariffa ricevono quasi un quarto di stipendio in più rispetto alle donne in società non tariffarie.

Anche per questo motivo, i politici dovrebbero rafforzare la contrattazione collettiva, anche perhè  tra l'altro, in futuro,  gli appalti pubblici saranno aggiudicati solo alle società vincolate da contratti collettivi. Anche gli accordi collettivi per interi settori dovrebbero essere dichiarati generalmente piu' vincolanti. Ne trarrebbero vantaggio in particolare le professioni dominate dalle donne, come nel settore dei servizi.

Ci sono molte ragioni che sottendono la disparità di pagamento. Le donne si differenziano per storie di lavoro e scelte di carriera. Tuttavia, ciò non è sempre dovuto alle decisioni individuali prese dalle donne, ma piuttosto a fattori strutturali. Le donne lavorano spesso a tempo parziale o in mini-posti di lavoro, nonché in occupazioni a basso reddito.

Le donne hanno maggiori probabilità di svolgere un lavoro non retribuito ed è anche meno probabile che ricoprano posizioni dirigenziali. Un altro punto è la divisione ineguale del lavoro di assistenza non retribuito, come l'assistenza all'infanzia, l'assistenza o i lavori domestici. Quasi la metà dell'orario di lavoro totale delle donne consiste in questo lavoro non retribuito, mentre per gli uomini è solo di circa un quarto.
E', invece, importante consentire a uomini e donne di avere pari partecipazione alle attività lavorative e assistenziali

Abbiamo infine bisogno - aggiunge la DGB -  di condizioni quadro che consentano a uomini e donne di partecipare equamente a lavori di lavoro e di assistenza proficui. La legge ponte part-time in Germania è un primo passo, ma al momento non è sufficiente perché troppe donne sono escluse.

La legge sulla trasparenza delle commissioni deve essere resa più vincolante. Abbiamo anche bisogno di servizi di assistenza all'infanzia basati sui bisogni per i bambini e coloro che hanno bisogno di cure. E i servizi sociali, personali e domestici devono essere potenziati attraverso accordi collettivi e investimenti in formazione gratuita, indennità di formazione equa e personale adeguato. (12/03/2020-ITL/ITNET)

Altri prodotti editoriali

Contatti

Contatti

Borsa italiana
Borsa italiana

© copyright 1996-2007 Italian Network
Edizioni Gesim SRL − Registrazione Tribunale di Roma n.87/96 − ItaliaLavoroTv iscrizione Tribunale di Roma n.147/07