Direttore responsabile Maria Ferrante − sabato 11 luglio 2020 o consulta la mappa del sito
italialavorotv.it

Sponsor

DONNE - LAVORO - DALLA CES: V.SEGR.GEN. ESTHER LYNCH: "NEL CORSO PANDEMIA DONNE STRAGRANDE MAGGIORANZA OCCUPATE CURA, PULIZIA E AIUTO MALATI, ANZIANI E SOGGETTI VULNERABILI"

(2020-05-05)

  "Le donne costituiscono ben oltre la metà della forza lavoro nelle professioni in prima linea nella crisi del coronavirus, mostrano i dati ufficiali dell'UE. " Lo afferma unanota della Confederazione europea dei sindacati:

"Oltre il 50% dei lavoratori in sei categorie di lavoro altamente esposte - cura personale, pulizia, collaboratori sanitari, salute, insegnamento e servizio personale - sono donne.

Ciò sale a oltre l'80% nelle prime tre categorie e le donne rappresentano il 78% di tutti i 14,7 milioni di operatori sanitari europei.

La CES sta mettendo in luce le cifre mentre la Commissione considera se proseguire con le misure promesse per affrontare il divario retributivo di genere del 15% in Europa.

Le "misure vincolanti per la trasparenza salariale" sono state solo cinque delle promesse che il presidente della Commissione Ursula Von Der Leyen ha dichiarato di voler consegnare entro i primi 100 giorni.

Ma un programma di lavoro trapelato dalla Commissione ha mostrato che il piano potrebbe essere ritardato o abbandonato a causa dei timori di ulteriori "oneri amministrativi per le aziende".

L'inversione di tendenza fa da sfondo a gruppi di lobbisti corporativi che afferrano la crisi del coronavirus per fare pressione sulla Commissione affinché sospenda la nuova legislazione.

La CES sollecita le Commissioni a resistere alla pressione e premiare le donne che hanno rischiato la vita lavorando in prima linea in questa crisi.

La vice segretario generale della CES, Esther Lynch, ha dichiarato:

“Le donne costituiscono la stragrande maggioranza dei lavoratori che si sono occupati della cura, della pulizia e dell'aiuto dei malati, degli anziani e dei soggetti vulnerabili in prima linea in questa crisi.

“Eliminare le azioni che affronteranno la sottovalutazione del lavoro svolto dalle donne sarebbe un tradimento di milioni di donne che hanno rischiato la vita per proteggere gli altri.

"Esortiamo i Commissari a opporsi ai lobbisti che sfruttano cinicamente la crisi del coronavirus e a dare alle lavoratrici la ricompensa che meritano.

“Questo è un test chiave per la Commissione Von der Leyen. Oggi più che mai, le lavoratrici hanno bisogno che il principio della parità retributiva sancito dal trattato istitutivo dell'UE sia reso realtà. " (05/05/2020-ITL/ITNET)

Altri prodotti editoriali

Contatti

Contatti

Borsa italiana
Borsa italiana

© copyright 1996-2007 Italian Network
Edizioni Gesim SRL − Registrazione Tribunale di Roma n.87/96 − ItaliaLavoroTv iscrizione Tribunale di Roma n.147/07