Direttore responsabile Maria Ferrante − giovedì 13 agosto 2020 o consulta la mappa del sito
italialavorotv.it

Sponsor

DONNE - VIOLENZA SULLE DONNE- LA VIOLENZA CONTRO LE DONNE DEVE ESSERE FERMATA !" LETTERA ALLA PRES. DELLA UE VON DER LEYEN DA SINDACALISTE CONFEDERAZIONE EUROPEA DEI SINDACATI ...E NON SOLO

(2020-07-27)

".... La violenza contro le donne deve essere fermata, punto e basta.!" Lo scrivono oltre 50 donne dei sindacati europei alla Presidente della Commissione UE, Ursula  von der Leyen, a seguito dei tentativi del Governo polacco di sminuire gli impegni assunti a tutela delle donne dalla violenza, cancellando l'adesione all'accordo  firmato ad Istanbul nel 2015 come tutti i Paesi dell'Unione.  Ora  lo rinnega, dichiarando: "È ispirato dall'ideologia di genere e dalla lobby Lgbtq".  Mentre la  grande manifestazione promossa dalle donne in Turchia, laddove l'accordo è stato firmato, l'attuale regime è impegnato a ritrattare le  precedenti aperture verso i diritti delle donne, nonostante nel 2019 in Turchia siano state uccise 390 donne per mano di uomini: più dell’anno precedente, quando erano state 337.  E ciò la dice lunga sul percorso in senso contrario che molti Paesi stanno facendo nei confronti dei diritti umani.

Per questo - si afferma nella lettera alla Presidente della Commissione UE "I sindacati di tutta Europa supportano pienamente la vostra richiesta all'Unione europea di fare tutto il possibile per combattere la violenza contro le donne. Ma tu può contare su di noi; siamo con te in questa battaglia, dobbiamo vincere.

La violenza contro le donne non si ferma alla porta di casa di una donna. La violenza fisica o psicologica contro le donne si verifica anche sul luogo di lavoro, indipendentemente dal settore in cui le donne lavorano, professione o livello di istruzione. Alcuni lavori sono particolarmente vulnerabili, ad esempio infermieri, insegnanti, badanti, addetti alle pulizie, trasporti, commercio al dettaglio e domestici e operatori dell'ospitalità.

Ma il rischio è reale per tutti:
- il 63% delle lavoratrici nei trasporti in Europa ha vissuto almeno un recente atto di violenza;
- 1 su 4 lavoratrici nei Paesi Bassi sono state esposte alla violenza da clienti, clienti, studenti o passeggeri; - Il 50% degli operatori sanitari in Bulgaria ha subito violenze sul lavoro.

I sindacati e i datori di lavoro svolgono un ruolo importante nella prevenzione della violenza contro le donne al lavoro, istituendo procedure adeguate per denunciare e registrare la violenza e molestie sul lavoro, sostegno alle vittime e rapporti con gli autori.
Sempre più violenza e molestie sono affrontate in modo specifico in collettività accordi in tutta Europa (e la CES ha raccolto informazioni su 80 di questi accordi).

Sosteniamo le vostre richieste e proposte concrete per fermare la violenza sulle donne. Ci uniamo a te  nel chiedere:
- Adesione dell'UE alla convenzione di Istanbul contro la violenza contro le donne;
- Maggiore sostegno, protezione e diritti per le vittime di violenza contro le donne se la Convenzione rimane bloccata in seno al Consiglio europeo;
- La violenza contro le donne sarà aggiunta all'elenco dei reati dell'UE (sostegno prevenzione, protezione e rettifica, compreso l'arresto europeo transfrontaliero i warrant possono essere emessi per crimini di violenza contro le donne).

Ti invitiamo, inoltre, ad adottare misure urgenti per incoraggiare:
-  La ratifica della Convenzione di Istanbul da parte di quei sei Stati membri dell'UE che non l'hanno fatto (Bulgaria, Repubblica Ceca, Ungheria, Lettonia, Lituania, Slovacchia e UK);
- La ratifica da parte di tutti gli Stati membri dell'UE della Convenzione ILO 190 sulla violenza e molestie sul lavoro. Adesione dell'UE alla convenzione di Istanbul e ratifica da parte degli Stati membri
  La Convenzione OIL rafforzerebbe notevolmente gli sforzi dei sindacati, dei datori di lavoro e di altre organizzazioni per combattere la violenza contro le donne anche nel mondo del lavoro.

Sarebbe importante  sostenere una più forte attuazione dell'accordo quadro delle parti sociali europee su molestie e violenza sul lavoro. Così, in occasione della Giornata internazionale per l'eliminazione della violenza contro le donne del novembre 25 e un giorno sì e uno no, vogliamo che l'UE sostenga i lavoratori e i loro sindacati per raggiungere il nostro obiettivo comune di prevenire la violenza contro le donne sul lavoro, a casa e ovunque si verifichi in tutti i paesi dell'Unione Europea

la lettera è firmata da  Esther Lynch, Vice Segretario Generale della CES e da Gloria Mills, presidente, a nome del comitato delle donne della CES, insieme agli esponenti dei Sindacati nazionali:
Miranda Ulens, segretario generale FGTB, BELGIO e vicepresidente della CES Bente Sorgenfrey, primo vicepresidente FH DANIMARCA e vicepresidente della CES Patricia King, Segretario Generale ICTU, IRLANDA Frances O'Grady, Segretario Generale TUC, REGNO UNITO Marie-Hélène Ska, Segretario Generale CSC, BELGIO Elke Hannack, Vicepresidente DGB, GERMANIA Annamaria Furlan, Segretario Generale CISL, ITALIA Amaia Muñoa, Vice Segretario Generale ELA, SPAGNA Kitty Jong, Vicepresidente FNV, PAESI BASSI;  Gianna Fracassi, Vice Segretario Generale CGIL, ITALIA Ioana Stoica, vicepresidente cartello ALFA, ROMANIA Lidija Jerki', presidente ZSSS, SLOVENIA Dorota Gardias, presidente FZZ, POLONIA Inga Ruginien', Presidente LPSK, LITUANIA Sabine Slegers, segretario nazionale CGSLB, BELGIO Nora Back, Segretario Generale OGBL, LUSSEMBURGO Véronique Eischen, presidente della SECEC (OGBL e LCGB), LUSSEMBURGO

da Lucinda Dâmaso, presidente UGT-P, PORTOGALLO Cristina Antoñanzas, Vice Segretario Generale, UGT-CEC, SPAGNA Irena Liepina, Vicepresidente LBAS, LETTONIA Korinna Schumann, Vicepresidente ÖGB, AUSTRIA Ragnhild Lied, Presidente UNIO, NORVEGIA Millariikka Rytkönen, Presidente They STTK, FINLANDIA Marylise Léon, Vice Segretario Generale CFDT, FRANCIA Božica Žili', Vicepresidente UATUC, CROAZIA Viktória Szucs, Vicepresidente SZEF, UNGHERIA Monika Uhlerová, Vicepresidente KOZ- SR, SLOVACCHIA Therese Guovelin, Vicepresidente LO-S, SVEZIA Heike Erkers, Vicepresidente SACO, SVEZIA Lisa Wärn, Vice Segretario Generale TCO, SVEZIA Barbara Popielarz, Vicepresidente OPZZ, POLONIA Ewa Zydorek, segretario della Commissione nazionale di NSZZ "Solidarnosc", POLONIA Florentina Enache, Presidente del Comitato delle donne CNSLR-FRATIA, ROMANIA Elena Blasco Martín, Segretaria per le donne e l'uguaglianza CCOO, SPAGNA Cristina Faciaben Lacorte, segretaria internazionale e della cooperazione CCOO, SPAGNA Florence Dodin, Vice Segretario Generale, UNSA, FRANCIA Ivana Veronese, segretario confederale UIL, ITALIA Regina Varret, Vicepresidente TALO, ESTONIA Stavroula Dimitriadou, membro del comitato esecutivo GSEE, GRECIA Dulce Mª Moreno Hernández, segretario confederale USO, SPAGNA Rita Dimech, Sezione Segreteria Settori Chimica ed Energia GWU, MALTA Riccarda Darmanin, Sezione Segreteria settore finanze GWU, MALTA Béatrice Clicq, segretario confederale FO, FRANCIA Elaine Germani, Vicepresidente MUT, MALTA Carmen Dimech, Segretario Generale MUT, MALTA Kaia Vask, presidente del comitato esecutivo EAKL, ESTONIA Heli Puura, direttore SAK, FINLANDIA Radka Solilová, Vicepresidente ?MKOS, REPUBBLICA CECA Despina Isaia, segretaria generale del dipartimento femminile SEK, CIPRO

E per le Federazioni sindacali europee da: Livia Spera, segretaria generale facente funzioni, ETF Susan Flocken, direttore europeo, ETUCE Mette Nord, Presidente, EPSU Sofia Kanta, Presidente OTOE, UNI-Europa Angel Bosch Campreciós, presidente di EuroCOP Malin Ackholt, presidente, EFFAT Paula Ruiz Torres, Vicepresidente, Eurocadres Zuliana Lainez, Vicepresidente, IFJ Mercedes Landolfi, presidente del comitato permanente Wood, membro della Presidio, EFBWW . (27/07/2020-ITL/ITNET)

Altri prodotti editoriali

Contatti

Contatti

Borsa italiana
Borsa italiana

© copyright 1996-2007 Italian Network
Edizioni Gesim SRL − Registrazione Tribunale di Roma n.87/96 − ItaliaLavoroTv iscrizione Tribunale di Roma n.147/07