Direttore responsabile Maria Ferrante − venerdì 23 ottobre 2020 o consulta la mappa del sito
italialavorotv.it

Sponsor

AMBIENTE : PIU' DI 2000 CITTADINI EUROPEI HANNO PRESO PARTE ALLA CAMPAGNA PER L'AMBIENTE DEL PARLAMENTO EUROPEO - L'INVITO AI GIOVANI A FAR SENTIRE LA LORO VOCE PER LA DIFESA DEL PIANETA

(2020-10-05)

Dal 18 luglio 2020 ad oggi, attivisti e testimonial green d’eccezione hanno raccontato le bellezze del nostro pianeta, minacciate da riscaldamento globale, inquinamento e deforestazione.

Bianca Balti, Alessandro Gassmann, Lorenzo Baglioni, Tudor Laurini (in arte Klaus), Eugenio in via di gioia, Mario Tozzi, Licia Colò, Diego della Palma, Francesca Alotta, Letizia Palmisano e molti altri hanno raccolto l’invito del Parlamento europeo in Italia. Utilizzando l’hashtag #vogliounpianetacosi hanno condiviso le loro video testimonianze sui propri canali social.

Oltre duemila post hanno popolato i feed degli italiani con foto dedicate alla bellezza e al rispetto per l’ambiente che ci circonda. E questo anche grazie all’impegno di We Are Instagrammers Italia  che ha aderito all’iniziativa e i cui iscritti hanno arricchito la campagna online di immagini mozzafiato. Alcuni degli scatti più significativi sono stati ricondivisi sugli account social del Parlamento europeo; tra questi, quelli degli instagrammers, @censoribarbara, @bahdesign, @makemake_rc, @antoniopedroni_landscapes, @simona_simi_, @sardiniatoday. Video e immagini, dunque, ma anche musica, grazie alle due canzoni dedicate alla tutela dell’ambiente e a Voglio un pianeta così da Lorenzo Baglioni e dagli Eugenio in Via di Gioia.

In più, sui profili social del Parlamento europeo è stato dato spazio anche alle storie di tanti cittadini impegnati nella lotta ai cambiamenti climatici e nella promozione di modelli di vita e di produzione sostenibili. Video che hanno collezionato più di due milioni di visualizzazioni e hanno per protagonisti Pasquale Di Marco, Potito Ruggiero, Leonardo d’Imporziano, i “Viaggiatori ecologici”, Valentina La Cara ed Edoardo Manza. E poi le start-up Too Good To Go, dedicata alla lotta allo spreco alimentare e Vaia, filiera solidale che da alberi abbattuti dal maltempo crea prodotti i cui proventi sono usati per ripiantare altri alberi.

A tutti i protagonisti di questa campagna, cittadini, attivisti, cantanti, volti noti e imprese vanno i ringraziamenti del Parlamento europeo, impegnato sul fronte legislativo per dare concretezza ai desideri espressi questa estate in Voglio un pianeta così.

Oggi più che mai, infatti, l’ambiente è al centro dell’attenzione e dei lavori del PE. La prossima sessione plenaria, per esempio, sarà chiamata a confermare la decisione presa dalla  commissione Ambiente sulla Legge sul clima. I deputati hanno chiesto una riduzione delle emissioni di gas serra del 60% entro il 2030, un obiettivo più ambizioso di quello della Commissione europea (55%) e coerente con la risoluzione con cui, nel 2019, il Parlamento europeo ha dichiarato l’emergenza climatica.
 
Tutti i contenuti della campagna si possono trovare con l’hastagh #vogliounpianetacosi su Facebook, Instagram e Twitter.

Le parole dei protagonisti:

“Sono felice di poter dare la mia voce in difesa dei cambiamenti climatici perché l’Europa possa agire in modo più determinante e determinata.  Invito i giovani a far sentire la loro voce in difesa del pianeta perché il futuro è loro” - Alessandro Gassmann

“Voglio un pianeta in cui le istituzioni si facciano garanti dell’ambiente, in cui la vita di alcuni non venga reputata più importante di altri. Abbiamo bisogno di riforme ambientali rivoluzionarie e subito, voglio un pianeta con una coscienza” - Bianca Balti

“Ci immaginiamo un mondo in cui sono piantati mille miliardi di alberi che possano assorbire tutta la CO2 in eccesso. Invertire la rotta non è così difficile. Ce la puoi fare, ti svegli la mattina, fai colazione e pianti un albero” - Eugenio in via di Gioia

“Farà sempre più caldo. Se vogliamo invertire la rotta dobbiamo cambiare partendo dal basso e dal futuro. In particolare dalle prossime generazioni, dalle quali abbiamo preso in prestito il pianeta” - Mario Tozzi

“Vorrei un pianeta con un giusto rapporto tra ambiente naturale e noi essere umani. Ognuno di noi può cambiare il futuro“ - Licia Colò

“Per smettere di dire: “ma che mi importa dell’ambiente”. Perché l’ambiente è un alleato che ci rende la vita migliore e la natura ultima dea e amica con le sue regole e i suoi insegnamenti capaci di dare risposte” - Diego Dalla Palma

“È il momento di agire tutti insieme ce la possiamo fare. Perché le risorse della Terra sono tante ma le usiamo proprio male” - Letizia Palmisano

“La plastica non è un problema solo per gli animali e gli oceani è un problema per tutti. Se doveste trovare plastica raccoglietela e buttatela nella differenziata. Facciamo la differenza ragazzi, è un peccato. Fermiamo le microplastiche che poi finiscono nell’acqua dei fiumi.  Insieme ce la possiamo fare” - (@Klaus) Tudor Laurini

“Voglio un pianeta pulito verde che sia veramente migliore di adesso da consegnare ai nostri nipoti” - Francesca Alotta

“Vorrei un pianeta in cui nelle scuole si insegnasse che si possono ridurre le emissioni di carbonio, vorrei che se un adulto butta in mare una bottiglia un bimbo gli dicesse non si fa così. Vorrei che tutti ci ricordassimo che non abbiamo né un piano né un pianeta B” - Lorenzo Baglioni. (05/10/2020-ITL/ITNET)

Altri prodotti editoriali

Contatti

Contatti

Borsa italiana
Borsa italiana

© copyright 1996-2007 Italian Network
Edizioni Gesim SRL − Registrazione Tribunale di Roma n.87/96 − ItaliaLavoroTv iscrizione Tribunale di Roma n.147/07