Direttore responsabile Maria Ferrante − giovedì 28 gennaio 2021 o consulta la mappa del sito
italialavorotv.it

Sponsor

RICERCA SCIENTIFICA NEL MONDO - COMUNICAZIONE COVID-19 - I CITTADINI TEDESCHI PREFERISCONO ESSERE INFORMATI ANCHE SU SCENARI CON PIU' ALTO GRADO INCERTEZZA SCIENTIFICA: LO DIMOSTRA STUDIO MAX PLANCK INSTITUT

(2020-12-10)

La pandemia COVID-19 ha evidenziato ancora una volta l'incertezza insita nella scienza. I risultati di uno studio condotto in tutta la Germania dai ricercatori dell'Istituto Max Planck per lo sviluppo umano e la Charité - Universitätsmedizin di Berlino mostrano che la maggior parte dei tedeschi vuole essere apertamente informata su questa incertezza. I risultati sono stati ora pubblicati sulla rivista JAMA Network Open . E voi cosa ne pensate.

Da quando il virus SARS-Cov-2 è stato identificato per la prima volta nel dicembre 2019, nuove scoperte scientifiche sulla diffusione del virus, sintomi di COVID-19 e nuovi trattamenti sono stati segnalati quasi quotidianamente. Ciò che è valido un giorno, pero' potrebbe essere superato il successivo. Allo stesso modo, le previsioni su come si svilupperà il numero di infezioni entro Natale e quali effetti avrà l'attuale blocco dell'interruttore di circuito, nonché le stime attuali del numero di riproduzione (R), sono tutt'altro che certe.

“I politici e gli esperti del settore a volte evitano di comunicare l'incertezza scientifica, temendo che possa generare sfiducia. Ma presentare come certi aspetti incerti della pandemia potrebbe anche avere effetti negativi sulla fiducia dei cittadini se tali rapporti si rivelassero non validi ", secondo Odette Wegwarth, autrice principale dello studio e Senior Research Scientist del Center for Adaptive Rationality presso il Max Planck Institute for Human Development e ricercatore associato presso l' Istituto di sociologia medica e scienza della riabilitazione presso la Charité.

Per indagare le preferenze delle persone per le comunicazioni sanitarie circa i vari gradi di incertezza scientifica nel contesto di COVID-19, un team di ricercatori dell'Istituto Max Planck per lo sviluppo umano e Charité ha condotto un sondaggio online su  un campione rappresentativo di 2.011 tedeschi.
Ai partecipanti sono stati mostrati quattro scenari che comunicavano informazioni sul futuro corso della pandemia con varia entità di incertezza scientifica. Nella versione con il più alto grado di incertezza, le informazioni su, ad esempio, le infezioni attuali, i decessi e il numero R venivano comunicate in termini di intervalli piuttosto che di valori precisi. Lo studio ha anche sottolineato che "non è chiaro se le differenze osservate siano dovute a fluttuazioni casuali o siano i primi segni dell'inizio di una seconda ondata di infezioni da coronavirus".

Al contrario, la versione con il più basso grado di incertezza riportava valori precisi e sottolineava che "questo sviluppo nel numero di casi non lascia dubbi sul fatto che una seconda ondata di infezioni fosse  già iniziata".

Ogni versione si concludeva con lo stesso appello, ovvero "continuare ad adottare misure preventive per proteggere i gruppi a rischio, come indossare una mascherina nei luoghi pubblici "

Ai partecipanti è stato quindi chiesto quale delle versioni fosse più adatta per informare le persone sul futuro corso della pandemia COVID-19. Il gruppo più numeroso di intervistati (32%) ha scelto la versione che esprime il più alto grado di incertezza. Questa versione era, d'altra parte, anche la più probabile per convincere le persone a rispettare le misure di contenimento.

Complessivamente, più della metà dei partecipanti (54%) preferiva una delle versioni che trasmettevano incertezza numerica e / o verbale rispetto alle versioni che non lo facevano. La versione che ha lasciato sotto silenzio l'incertezza si è rivelata la meno apprezzata, essendo stata scelta solo dal 21% degli intervistati. È interessante notare che la comunicazione che esprimeva incertezza sembrava essere particolarmente efficace per motivare coloro che sono attualmente scettici sulle misure di contenimento governative nel conformarsi a tali misure.
"Per interagire meglio con quelle persone che sono attualmente scettiche sulle misure del governo contro il coronavirus, il governo e i media dovrebbero avere il coraggio di comunicare le incertezze in modo più aperto", raccomanda Gert G. Wagner, coautore dello studio e Max Planck Fellow a l'MPI per lo sviluppo umano. (10/12/2020-ITL/ITNET)

Altri prodotti editoriali

Contatti

Contatti

Borsa italiana
Borsa italiana

© copyright 1996-2007 Italian Network
Edizioni Gesim SRL − Registrazione Tribunale di Roma n.87/96 − ItaliaLavoroTv iscrizione Tribunale di Roma n.147/07