Direttore responsabile Maria Ferrante − giovedì 28 gennaio 2021 o consulta la mappa del sito
italialavorotv.it

Sponsor

DONNE - EUROPA - DALLA CONFEDERAZ. SINDACATI EUROPEI: PRES. VON DER LEYEN SI ERA IMPEGNATA AD EMANARE DIRETTIVA SU TRASPARENZA SINDACALE

(2020-12-01)

La commissione passa un anno senza mantenere la promessa di trasparenza retributiva di "100 giorni"
I sindacati chiedono a Ursula von der Leyen di nominare la data per una direttiva sulla trasparenza salariale poiché il Presidente della Commissione celebra un anno in carica senza mantenere la sua promessa di "100 giorni" alle donne.

Il presidente von der Leyen si è insediato il 1 ° dicembre dello scorso anno con l'impegno a "presentare misure per introdurre misure vincolanti di trasparenza salariale" entro "i primi 100 giorni del mio mandato" al fine di affrontare il divario retributivo di genere del 15% dell'UE.

Era solo una delle sole quattro politiche a cui aveva dato la priorità per la consegna prima del 10 marzo nelle sue linee guida politiche .

Ma un anno intero dopo che la nuova Commissione ha iniziato a lavorare, e 266 giorni dopo la sua scadenza autoimposta, le donne sono ancora in attesa di un'azione - e le misure promesse sono state ora ulteriormente ritardate a causa delle pressioni sul presidente affinché rinunci alla sua promessa.

Le misure di trasparenza salariale - “osteggiate con passione” dai gruppi di lobbismo dei datori di lavoro - dovevano essere presentate il 15 dicembre ma sono ora completamente scomparse dall'ultimo calendario legislativo della Commissione.

Viene dopo che la Commissione ha messo in dubbio l'iniziativa in un progetto di programma di lavoro che diceva: "Qualsiasi cosa di sostanza significherà inevitabilmente un maggiore onere amministrativo per le aziende".

Calendario dei ritardi della Commissione rispetto alla promessa di trasparenza salariale

Luglio 2019: Ursula von der Leyen pubblica le linee guida politiche per la nuova Commissione che dicono: "Nei primi 100 giorni del mio mandato, presenterò misure per introdurre misure vincolanti di trasparenza salariale".
1 dicembre 2019: la Commissione von der Leyen si insedia e inizia il conto alla rovescia di 100 giorni.
Marzo 2020: la Commissione sposta i traguardi promettendo di "presentare misure vincolanti entro la fine del 2020".
Aprile 2020: fuga di un progetto di programma di lavoro della Commissione che dice "è discutibile se l'autunno sarà davvero il momento giusto per questa proposta".
Settembre 2020: la Commissione Europea ha pubblicato il calendario legislativo che prevede misure vincolanti per la trasparenza salariale per il 15 dicembre ma le contrassegna come "da confermare".
10 novembre 2020: la Commissione celebra il giorno della parità salariale annunciando : "Proporremo presto misure vincolanti sulla trasparenza salariale".
18 novembre 2020 : le misure di trasparenza salariale scompaiono del tutto dal nuovo calendario legislativo della Commissione. Non ricompaiono sull'ultimo calendario pubblicato il 24 novembre.
1 dicembre 2020: la Commissione von der Leyen segna un anno in carica senza mantenere la promessa di "misure vincolanti di trasparenza salariale".
Nel tentativo di porre fine al ritardo, la CES ha incaricato esperti legali di redigere un testo di 3000 parole per una direttiva sulla trasparenza delle retribuzioni che la Commissione può utilizzare.

Le donne nell'UE aspetteranno fino al 2104 per la parità di retribuzione senza azione, rivela la nostra ricerca .

Il vice segretario generale della CES Esther Lynch:

“L'elezione della prima donna presidente della Commissione europea con la promessa di dare la priorità alla trasparenza salariale ha portato la speranza di un'azione reale per affrontare lo scandaloso divario retributivo di genere dell'UE.

“Con le donne a bassa retribuzione che costituiscono la maggioranza dei lavoratori Covid in prima linea, non potrebbe essere più importante affrontare la sistematica sottovalutazione del lavoro femminile rispetto a quello degli uomini. Dobbiamo alle donne che hanno superato la crisi COVID di offrire parità di retribuzione per un lavoro di pari valore.

“Crediamo ancora che il presidente von der Leyen voglia mantenere la sua promessa, ma è chiaro che la Commissione sta subendo notevoli pressioni per ritardare, indebolire e, infine, ridurre la trasparenza salariale.

"Chiediamo alla Commissione di stabilire una data per una direttiva che vieti le clausole di segretezza sul pagamento e autorizzi le donne e i loro sindacati a trovare e correggere i pregiudizi dietro la disuguaglianza salariale". (01/12/2020-ITL/ITNET)

Altri prodotti editoriali

Contatti

Contatti

Borsa italiana
Borsa italiana

© copyright 1996-2007 Italian Network
Edizioni Gesim SRL − Registrazione Tribunale di Roma n.87/96 − ItaliaLavoroTv iscrizione Tribunale di Roma n.147/07