Direttore responsabile Maria Ferrante − martedì 13 aprile 2021 o consulta la mappa del sito
italialavorotv.it

Sponsor

DONNE - EUROPA - "PIU' DONNE IN POLITICA": E' L'INVITO LANCIATO DAL COMITATO EUROPEO REGIONI PER COSTRUIRE UN'EUROPA SOCIALE E GIUSTA - PIANO D'AZIONE 2021 PER L'EQUILIBRIO DI GENERE

(2021-03-08)

L'Europa ha circa un milione di titolari di cariche elettive locali e regionali, ma solo il 30% circa di loro sono donne. Eppure, l'uguaglianza di genere è un valore fondamentale per l'Unione europea, chiaramente affermato nel trattato sul funzionamento dell'Unione europea ed è  un principio chiave del  pilastro europeo dei diritti sociali. Quindi, è fondamentale affrontare le barriere che le donne devono superare nell'entrare in politica e coinvolgere attivamente i politici in questa materia.

Le istituzioni governative locali e regionali risultano essenziali per l'emancipazione politica delle donne. Spesso servono come trampolini di lancio per una carriera politica nazionale o europea, influenzando così l'equilibrio di genere a vari livelli politici. Tuttavia, il miglioramento della percentuale di donne iscritte nei governi locali e nelle assemblee regionali continua ad essere molto lento. Nel 2019, secondo l' indice sull'uguaglianza di genere 2020 dell'Istituto europeo per l'uguaglianza di genere , l'equilibrio di genere nelle assemblee regionali europee è stato raggiunto in soli cinque Stati membri. Le donne rappresentavano un terzo dei membri delle assemblee regionali in 20 Stati membri mentre, cosa ancora più preoccupante, tali assemblee in tre Stati membri erano per l'80% uomini. Tra il 2017 e il 2019, a livello di consigli locali / comunali, in questo contesto non si è registrato quasi alcun cambiamento verso il miglioramento: 0,5 punti percentuali.

Oggi, 8 marzo 2021 , una conferenza online dal titolo " Per più donne in politica " ha offerto l'opportunità di riflettere sul tema della partecipazione delle donne alla politica locale, regionale ed europea.
Alla Conferenza hanno preso parte i membri del Comitato europeo delle regioni (CdR), i membri del Parlamento europeo e i partecipanti al programma Giovani politici eletti (YEP) del CdR  che hanno sottolineato l'urgente necessità di affrontare il deficit democratico costituito dalla scarsa rappresentanza delle donne in questo particolare campo.

Il Comitato europeo delle regioni si è detto pronto e disponibile a promuovere l'equilibrio di genere a livello locale e regionale e a capitalizzare le competenze della rete delle associazioni europee e delle organizzazioni partner che lavorano su questo argomento.
Il comitato agirà da piattaforma per lo scambio delle migliori pratiche tra i membri del CdR, i giovani leader locali e altri politici di tutta Europa per promuovere l'uguaglianza di genere nella politica e nel processo decisionale locali e regionali. Il CdR dispone già, d'altra parte, di un'ambiziosa strategia per l'equilibrio di genere nella partecipazione dei membri al CdR, adottata nel 2019.

Apostolos Tzitzikostas, presidente del Comitato europeo della regione, ha affermato: " Sostenere e garantire l'uguaglianza di genere è la chiave per costruire un'Europa sociale e giusta. Noi rappresentanti eletti a livello locale e regionale dobbiamo dare l'esempio in questo senso ".

Anne Karjalainen, presidente della Commissione del CdR per la politica sociale, l'istruzione, l'occupazione, la ricerca e la cultura, ha affermato: "Per avere più donne in politica, dobbiamo cominciare a livello di base!"

Nel frattempo, gli Stati membri e il Consiglio europeo sono stati invitati a nominare delegazioni equilibrate nel genere al CdR.

Il Comitato delle Regioni chiede inoltre  che venga valorizzato il lavoro delle donne, assicurandosi che tutti i panel includano donne come relatrici e fornendo formazione per sostenere la parità di genere a livello politico e di personale.

Il segretariato del CdR ha compiuto un primo passo importante verso l'equilibrio di genere nel piano d'azione di quest'anno per l'attuazione della sua strategia per le pari opportunità. Ha introdotto un obiettivo fisso per raggiungere un migliore equilibrio di genere nelle posizioni dirigenziali in linea con l'iniziativa del 40% della Commissione europea. L'obiettivo del 40% nelle posizioni dirigenziali, fissato per il 2025 (fine del nuovo mandato), dovrebbe essere seguito da vicino.

Inoltre, nel 2019, con il supporto dell'amministrazione, i membri del personale hanno avviato una rete informale per l'equilibrio di genere nelle posizioni dirigenziali. Altre misure sono proposte nel piano d'azione 2020 per cercare di migliorare in modo significativo il notevole squilibrio nell'istituzione.

Il Comitato europeo delle regioni agirà su quattro fronti per promuovere la parità di genere a tutti i livelli:

Promuovere il parere del CdR sulla strategia per la parità di genere 2020-2025
Integrare le attività di comunicazione sul genere negli eventi e nei programmi chiave del CdR
Lavorare con le parti interessate esterne e interne
Sensibilizzare i membri e il personale del CdR

La Commissione von der Leyen ha, da parte sua, sottolineato il proprio impegno nel realizzare una " Unione di uguaglianza " e la nuova  Strategia sull'uguaglianza di genere  2020-2025 risponde alla necessità di sviluppare una " Europa uguale di genere " entro il 2025.(08/03/2021-ITL/ITNET)

Altri prodotti editoriali

Contatti

Contatti

Borsa italiana
Borsa italiana

© copyright 1996-2007 Italian Network
Edizioni Gesim SRL − Registrazione Tribunale di Roma n.87/96 − ItaliaLavoroTv iscrizione Tribunale di Roma n.147/07