Direttore responsabile Maria Ferrante − venerdì 22 ottobre 2021 o consulta la mappa del sito
italialavorotv.it

Sponsor

LAVORO - PIATTAFORME - CONFEDERAZIONE SINDACATI EUROPEI: FONDAMENTALI PROPOSTE EURODEPUTATI PER PORRE FINE FALSO LAVORO AUTONOMO LAVORATORI PIATTAFORME

(2021-09-16)

Il Parlamento europeo ha appoggiato proposte per impedire alle società di piattaforme di costringere i lavoratori a un falso lavoro autonomo.

A milioni di lavoratori viene negato il diritto al salario minimo, alle ferie e alle indennità di malattia e un contratto di lavoro sicuro da alcune società di piattaforme che evitano le loro responsabilità di datori di lavoro.

Il falso lavoro autonomo non solo sfrutta i lavoratori, ma è ingiusto nei confronti della maggior parte dei datori di lavoro che rispetta le regole e consente ad alcune delle più grandi aziende del mondo di eludere le tasse e i contributi previdenziali necessari per finanziare i servizi pubblici per tutti noi.

Le società di piattaforme hanno perso una serie di casi giudiziari per falso lavoro autonomo in tutta Europa quest'anno, con l'ultimo in arrivo martedì nei Paesi Bassi, dove i giudici stabiliscono che "il rapporto legale tra Uber e questi conducenti soddisfa tutte le caratteristiche di un contratto di lavoro".

Questo scandalo crescente è stato discusso dal Parlamento europeo martedì e ieri sera i deputati hanno votato con 524 voti a favore a 39 a favore di una relazione presentata dall'eurodeputata francese Sylvie Brunet con il sostegno della commissione per l'occupazione e gli affari sociali.

Gli eurodeputati hanno approvato le seguenti proposte che sono fondamentali per porre fine al falso lavoro autonomo:

“Una presunzione confutabile di rapporto di lavoro per le società di piattaforma”
"L'inversione dell'onere della prova"
“Chiarire che non si può considerare l'istituzione di un nuovo cd terzo status Ue tra lavoratore subordinato e lavoratore autonomo”
I lavoratori nelle società di piattaforma dovrebbero avere il diritto di organizzarsi collettivamente e di essere rappresentati dai sindacati
Le proposte riecheggiano quelle avanzate dalla CES nella sua risposta alla seconda fase della consultazione della Commissione europea sull'azione sulle condizioni di lavoro nelle piattaforme di lavoro che si è conclusa mercoledì. Nella sua replica, la CES spiega concretamente come dovrebbe funzionare una presunzione di rapporto di lavoro e l'inversione dell'onere della prova.

La relazione ha fissato lo standard per la prossima direttiva sulla questione che dovrebbe essere presentata dalla Commissione entro la fine dell'anno.

Il segretario confederale della CES Ludovic Voet ha dichiarato:

“Per troppo tempo le società della piattaforma hanno realizzato enormi profitti eludendo i loro obblighi più elementari come datori di lavoro a spese dei lavoratori, dei buoni datori di lavoro e dei servizi pubblici.

“Allo stesso modo della richiesta di lunga data del movimento sindacale, il Parlamento europeo ha chiamato in causa lo scandalo del falso lavoro autonomo.

“Siamo felici di vedere che il Parlamento europeo sostiene le richieste della CES espresse nella consultazione delle parti sociali: una presunzione confutabile di rapporto di lavoro e lo spostamento dell'onere della prova dal lavoratore alla piattaforma vanno di pari passo. Ciò porrà fine al lavoro autonomo fittizio per i lavoratori, consentendo nel contempo alle piattaforme che operano realmente con veri lavoratori autonomi di continuare a farlo.

“Il voto ha mostrato che c'è un ampio consenso nella società a favore di portare le società di piattaforma in linea con la legge che tutti gli altri datori di lavoro devono rispettare. La Commissione non dovrebbe cedere alle pressioni delle piattaforme e dei loro lobbisti per continuare a evitare i loro obblighi o riscrivere la legge a loro favore". (16/09/2021-ITL/ITNET)

Altri prodotti editoriali

Contatti

Contatti

Borsa italiana
Borsa italiana

© copyright 1996-2007 Italian Network
Edizioni Gesim SRL − Registrazione Tribunale di Roma n.87/96 − ItaliaLavoroTv iscrizione Tribunale di Roma n.147/07