Direttore responsabile Maria Ferrante − venerdì 22 ottobre 2021 o consulta la mappa del sito
italialavorotv.it

Sponsor

FISCALITA' INTERNAZIONALE - ACCORDO 130 PAESI TASSE IMPRESE MULTINAZIONALI OVUNQUE OPERINO E REALIZZANO PROFITTI.

(2021-07-01)

“Le notizie che arrivano dall’Ocse sono un passo avanti verso l’intesa politica sulla riforma della tassazione delle multinazionali che intendiamo raggiungere al G20 Finanze, in programma a Venezia la prossima settimana sotto la presidenza italiana.

Siamo fiduciosi sulla possibilità di trovare un accordo a livello G20 sulla struttura di nuove regole per la riallocazione dei profitti delle grandi multinazionali e per la tassazione minima effettiva che cambierebbero radicalmente l’attuale architettura della fiscalità internazionale, rendendola adeguata rispetto alle caratteristiche dell’economia globale del XXI secolo.” Lo dichiara il ministro dell’Economia e delle Finanze Daniele Franco commentando l'accordo a cui hanno aderito

"130 paesi e giurisdizioni. Un nuovo piano a due pilastri per riformare le regole fiscali internazionali e garantire che le imprese multinazionali paghino una giusta quota di tasse ovunque operino.

130 paesi e giurisdizioni, che rappresentano oltre il 90% del PIL mondiale, hanno aderito alla  Dichiarazione  stabilendo un nuovo quadro per la riforma fiscale internazionale. Un piccolo gruppo dei 139 membri dell'Inclusive Framework non ha ancora aderito alla Dichiarazione in questo momento. I restanti elementi del quadro, compreso il piano di attuazione, saranno ultimati in ottobre.

Il quadro aggiorna gli elementi chiave del sistema fiscale internazionale secolare, che è in forma non più per scopo in un 21 globalizzato e digitalizzato st economia secolo. 

Il pacchetto a due pilastri - risultato di negoziati coordinati dall'OCSE per gran parte dell'ultimo decennio - mira a garantire che le grandi imprese multinazionali (MNE) paghino le tasse dove operano e realizzano profitti, aggiungendo al contempo la necessaria certezza e stabilità sistema fiscale internazionale.

Il primo pilastro garantirà una distribuzione più equa dei profitti e dei diritti di tassazione tra i paesi rispetto alle più grandi multinazionali, comprese le società digitali. Riassegnerebbe alcuni diritti di tassazione sulle multinazionali dai loro paesi d'origine ai mercati in cui hanno attività commerciali e realizzano profitti, indipendentemente dal fatto che le imprese abbiano una presenza fisica lì.

Il secondo pilastro cerca di porre fine alla concorrenza sull'imposta sul reddito delle società, attraverso l'introduzione di un'aliquota minima globale dell'imposta sulle società che i paesi possono utilizzare per proteggere le proprie basi imponibili.

Il pacchetto a due pilastri fornirà il supporto necessario ai governi che hanno bisogno di aumentare le entrate necessarie per riparare i loro bilanci e i loro bilanci, investendo in servizi pubblici essenziali, infrastrutture e misure necessarie per aiutare a ottimizzare la forza e la qualità del post- Recupero covid.

Nell'ambito del primo pilastro, i diritti di tassazione su oltre 100 miliardi di dollari di profitti dovrebbero essere riassegnati alle giurisdizioni di mercato ogni anno. Si stima che l'imposta globale minima sul reddito delle società nell'ambito del secondo pilastro, con un'aliquota minima di almeno il 15%, generi circa 150 miliardi di dollari di entrate fiscali globali aggiuntive all'anno. Ulteriori benefici deriveranno anche dalla stabilizzazione del sistema fiscale internazionale e dalla maggiore certezza fiscale per i contribuenti e le amministrazioni fiscali.

"Dopo anni di intenso lavoro e negoziati, questo pacchetto storico garantirà che le grandi multinazionali paghino ovunque la loro giusta quota di tasse", ha affermato il segretario generale dell'OCSE Mathias Cormann. “Questo pacchetto non elimina la concorrenza fiscale, come non dovrebbe, ma ne fissa dei limiti concordati a livello multilaterale. Accoglie anche i vari interessi al tavolo dei negoziati, compresi quelli delle piccole economie e delle giurisdizioni in via di sviluppo. È nell'interesse di tutti raggiungere un accordo finale tra tutti i membri del quadro inclusivo, come previsto entro la fine dell'anno”, ha affermato Cormann.

I partecipanti al negoziato hanno fissato un calendario ambizioso per la conclusione dei negoziati. Ciò include una scadenza dell'ottobre 2021 per finalizzare il lavoro tecnico rimanente sull'approccio a due pilastri, nonché un piano per l'effettiva attuazione nel 2023.(01/07/2021-ITL/ITNET)


Altri prodotti editoriali

Contatti

Contatti

Borsa italiana
Borsa italiana

© copyright 1996-2007 Italian Network
Edizioni Gesim SRL − Registrazione Tribunale di Roma n.87/96 − ItaliaLavoroTv iscrizione Tribunale di Roma n.147/07