Direttore responsabile Maria Ferrante − martedì 23 ottobre 2018 o consulta la mappa del sito
italialavorotv.it

Sponsor

ECONOMIA ITALIANA - TURISMO - 2018 ANNO DEL TURISMO EUROPA - CINA : 12,8 MILIONI DI TURISTI NEL 2016 IN EUROPA. FRA 5 ANNI SI STIMA DIVERRANNO 20,8 MILIONI

(2018-01-19)

  Si è svolta oggi presso il Comune di Venezia, la conferenza stampa di presentazione  dei  dati  ufficiali  del  turismo  outbound  cinese  in  Europa    e  in    Italia.  Un evento straordinario, per la prima volta il governo di Pechino nella persona di Dai Bin, Presidente della China Tourism Academy, l’organismo del Ministero del Turismo cinese preposto alle politiche di sviluppo del turismo outbound, ha presentato i dati ufficiali sulle presenze in Europa e quindi anche in Italia dei turisti cinesi nel biennio 2016-2017 con trend di crescita.

All'evento hanno partecipato, tra gli altri: Luigi Brugnaro - Sindaco di Venezia, Paola Mar - Assessore al Turismo del Comune di Venezia, Eduardo Santander - Direttore European Travel Commission (ETC), Jacopo Sertoli - Presidente di Welcome Chinese, assieme ai rappresentati dei colossi digitali cinesi, Du Jiang - Vice Presidente di China National Tourism Administration, Barry Lin - Direttore di Tuniu, Qiu Yin, Portavoce di Tencent e Jenna Qian - Vice Presidente di Ctrip

L'evento di oggi precede l'importante cerimonia che si terrà domani (19 gennaio) a Venezia, quando le principali cariche europee e cinesi inaugureranno il 2018 - Primo Anno del Turismo EU-Cina. Alla cerimonia parteciperanno il Presidente del Parlamento europeo Antonio Tajani, il Ministro del Turismo della Bulgaria – Presidenza del Consiglio dell'Unione europea Nikolina Angelkova, il Vice Presidente della China National Tourism Administration, Du Jiang, la Commissaria europea per il Mercato interno, industria, imprenditorialità e PMI El?bieta Bie?kowska e il Ministro italiano dei beni e delle attività culturali e del turismo Dario Franceschini.

Il 2018, anno che segna il quindicinale del Partenariato Strategico Ue-Cina, porterà a un’espansione ulteriore della benefica cooperazione fra Cina e Ue, e aggiungerà nuove dimensioni strategiche e globali alle relazioni bilaterali proprio attraverso l'asset del turismo. La Cina è il più grande mercato del turismo sia in termini di spesa che di numero di viaggi verso l’estero. E, in prospettiva, fattori quali maggiore reddito e ridotta burocrazia renderanno sempre più facile viaggiare per la classe media cinese.

Dal 2012, infatti, la Cina, guida la classifica come top-spender per il turismo internazionale. Nel 2016, la spesa per il turismo internazionale da parte dei turisti cinesi ha raggiunto 261 miliardi di dollari, con un aumento del 12% rispetto all'anno precedente. Questa curva di crescita ha reso la Cina il più grande mercato nel turismo internazionale a livello globale, superiore agli Stati Uniti (123 US $) e alla Germania (79 US $). Le spese per i viaggiatori cinesi generano circa il 23% delle entrate turistiche nelle destinazioni di tutto il mondo.

Da quattro anni consecutivi la Cina è in vetta alle classifiche per il numero dei viaggiatori cinesi. Attualmente sono 129 milioni i turisti cinesi nel mondo. Nei prossimi cinque anni il turismo outbound della Cina raggiungerà i 200 milioni di persone.
La domanda di viaggi in Europa dalla Cina è in costante crescita, con 12,8 milioni di turisti nel 2016 e si stima arriveranno a 20,8 milioni all'anno nei prossimi 5 anni.

Per dare un'idea dell'interesse verso l'Europa, il Nord America lo scorso anno ha raggiunto 3,1 milioni di presenze di turisti cinesi. La destinazione preferite in Europa è la Francia, anche se, considerando la sicurezza fisica come uno dei requisiti di base richiesti dal viaggiatore cinese, nel 2017 i viaggiatori cinesi si sono spostati su destinazioni come l'Italia, considerata un paese più sicuro, oltre che una destinazione da sogno, che ha raggiunto 1,4 mln di turisti cinesi ed è in costante crescita.

Attraverso il piano di promozione dell'Anno Europa-Cina l’Europa cerca di diventare la migliore destinazione globale per i turisti cinesi. Indispensabile in questo processo è l'affiancamento delle imprese nei diversi Paesi europei. Per cogliere tale opportunità è fondamentale che offerta, comunicazione e servizi proposti dalle destinazioni europee siano in linea alle richieste dei i turisti cinesi.

A questo scopo, la Commissione Europea e la European Travel Commission hanno creato una piattaforma promozionale su base collaborativa, volta a stimolare il turismo in Europa a partire dal 2018. Partner strategico per l'organizzazione di tutti gli eventi di promozione dell'Anno del turismo Europa-Cina è Welcome Chinese, l'unica certificazione ufficiale riconosciuta dal Governo cinese, dedicata all’ospitalità dei cinesi che viaggiano, emessa dalla China Tourism Academy in collaborazione con China Central Television (CCTV), rete televisiva nazionale, China UnionPay, unico circuito di carte di credito emesso in Cina.

Il turista cinese ha abitudini e cultura profondamente diverse che influenzano enormemente le scelte sui viaggi: primo ostacolo quello linguistico, poi ci sono limitazioni sui pagamenti elettronici, diffidenza sulla sicurezza della persona, abitudini e usi. Welcome Chinese si occupa di trasferire agli operatori tutti quegli aspetti del ‘cosa vuole e cosa si aspetta il nuovo turista cinese’

Per il mercato turistico europeo la Cina costituisce un’opportunità di primaria importanza, considerato il ridotto contributo del turismo extra-UE al settore. Infatti, il 90% dei turisti in Europa provengono dagli stessi Paesi membri: una percentuale piuttosto elevata se confrontata con il 73% detenuto in Asia o il 75% in America.

Se un primo obiettivo è quello di raggiungere una crescita dei flussi turistici  Cina-Europa, il piano di promozione del 2018-Anno del Turismo Europa-Cina mira anche a sviluppare l’offerta europea e, parallelamente, a facilitare gli investimenti cinesi in UE.

Tra il 2000 e il 2016, l'Italia si è piazzata al terzo posto tra le destinazioni degli investitori cinesi nel vecchio continente, a quota 12,8 miliardi di euro, dietro la Gran Bretagna (23,6 miliardi) e la Germania (18,8 miliardi). Le aziende italiane partecipate da soci cinesi sono 509 e fatturano 12,2 miliardi di euro.

Partner di Welcome Chinese sono i colossi digitali cinesi, tra cui Ctrip - la più grande OTA cinese,con 300 milioni di membri; Tencent che gestisce la piattaforma WeChat, il social media più diffuso in Cina con più di 700 mln di utenti e Tuniu il sito web con un offerta di oltre 2.000 pacchetti turistici in Cina e nel mondo.(19/01/2018-ITL/ITNET)


Altri prodotti editoriali

Contatti

Contatti

Borsa italiana
Borsa italiana

© copyright 1996-2007 Italian Network
Edizioni Gesim SRL − Registrazione Tribunale di Roma n.87/96 − ItaliaLavoroTv iscrizione Tribunale di Roma n.147/07