Direttore responsabile Maria Ferrante − venerdì 16 novembre 2018 o consulta la mappa del sito
italialavorotv.it

Sponsor

ECONOMIA ITALIANA - LE RACCOMANDAZIONI DEL CONSIGLIO EUROPEO SULLA POLITICA ECONOMICA E FISCALE DELL'ITALIA PER IL 2018

(2018-06-22)

  Oggi, 22 giugno 2018, il Consiglio Europeo  ha approvato il draft delle raccomandazioni  e opinioni sulla politica economica e fiscale di ciascuno degli stati membri per il 2018.

Approvazione dei test è una fase fondamentale nel Semestre europeo del processo di monitoraggio della politica annuale. Le raccomandazioni riguardano le politiche economiche e fiscali, nonché dell'occupazione cui farà riferimento il Consiglio europeo per l'approvazione nella riunione del 28 e 29 giugno. L'adozione da parte del Consiglio è prevista per il 13 luglio 2018

Nel mese di marzo, il Consiglio europeo ha approvato le priorità politiche per il semestre europeo 2018, come proposto dalla Commissione nella sua analisi annuale della crescita per: rilanciare gli investimenti; le riforme strutturali;
assicurare politiche fiscali responsabili.

LE RACCOMANDAZIONE DEL CONSIGLIO  sul programma nazionale di riforma del 2018 in Italia ed il  parere del Consiglio sul programma di stabilità del 2018 in Italia

In quanto Stato membro la cui moneta è l'euro e in considerazione delle strette correlazioni tra le economie nell'unione economica e monetaria, l'Italia dovrebbe garantire la piena e tempestiva attuazione della raccomandazioni per l'area dell'euro, come indicato dal documento.

Il rapporto nazionale 2018 per l'Italia è stato pubblicato il 7 marzo 2018. Ha valutato i progressi dell'Italia nell'affrontare le raccomandazioni specifiche per paese adottate dal Consiglio l'11 luglio 2017 4 , il seguito dato alle raccomandazioni specifiche per paese adottate negli anni precedenti e I progressi dell'Italia verso i suoi obiettivi nazionali di Europa 2020. Includeva anche una revisione approfondita ai sensi dell'articolo 5 del regolamento (UE) n. 1176/2011, i cui risultati sono stati anche pubblicati il 7 marzo 2018. L'analisi della Commissione l'ha portata a concludere che l'Italia sta vivendo squilibri macroeconomici eccessivi. In particolare, un debito pubblico elevato e protratto nella debole dinamica della produttività implica rischi con rilevanza transfrontaliera, in un contesto di alto livello anche se va diminuendo lo stock di crediti in sofferenza e la disoccupazione elevata sia in declino. Vi è quindi la necessità di azioni che  riducano il rischio di effetti negativi sull'economia italiana e sull'unione economica e monetaria, date le dimensioni e la rilevanza transfrontaliera dell'economia italiana, è particolarmente importante .

Il 16 maggio 2018 l'Italia ha presentato il programma nazionale di riforma 2018 ed il programma di stabilità nel 2018  Per tenere conto delle loro interconnessioni, i due programmi sono stati valutati in contemporanea.

Le pertinenti raccomandazioni specifiche per paese sono state affrontate nell'ambito della programmazione del Fondi strutturali e di investimento europei ("fondi SIE") per il periodo 2014-2020. Come di cui all'articolo 23 del regolamento (UE) n. 1303/2013 del Parlamento europeo e del Consiglio , la Commissione può chiedere a uno Stato membro di rivedere e proporre emendamenti al suo accordo di partenariato e ai programmi pertinenti. La Commissione ha, quindi, fornito ulteriori dettagli sul come utilizzerebbe tali disposizioni negli orientamenti in materia per l'applicazione delle misure che collegano l'efficacia dei fondi SIE a una sana situazione economica

L'Italia è attualmente nella "parte preventiva del patto di stabilità e crescita e soggetta alla regola del debito". Il programma di stabilità 2018 presentato dal governo uscente si basa su uno scenario tendenziale assumendo una legislazione invariata. Il deficit principale proiettato dalle autorità italiane dovrebbe migliorare dal 2,3% del PIL nel 2017 all'1,6% nel 2018, allo 0,8% nel 2019 e verso una posizione di bilancio ampiamente equilibrata entro il 2020. L'obiettivo di bilancio a medio termine, fissato per una equilibrata posizione di bilancio in termini strutturali, si prevede possa essere  raggiunto entro il 2020 e mantenuto nel 2021, mentre il 6 ° bilancio strutturale ricalcolato punta a un piccolo deficit strutturale (0,2% del PIL) in entrambi gli anni.
Dopo essere leggermente diminuito nel 2017 (al 131,8% di PIL, dal 132,0% nel 2016), il rapporto debito pubblico / PIL punta  nel programma di stabilità 2018 a diminuire di un punto percentuale del PIL al 130,8% , raggiungendo il 122,0% nel 2021 anche grazie ai proventi delle privatizzazione previste  dello 0,3% all'anno oltre il 2018-20. Tuttavia, gli obiettivi di privatizzazione sono stati insufficienti negli ultimi anni. In assenza di una politica di cambiamento, rispetto alle previsioni della  primavera 2018 la Commissione  si aspetta una riduzione reale, crescita del PIL e deficit maggiore per il 2019 rispetto al programma di stabilità 2018. In effetti, le previsioni della Commissione non incorporano un aumento dell'IVA (0,7% del PIL) previsto come  "clausola di salvaguardia" per raggiungere gli obiettivi di bilancio nel 2019.

Il 23 maggio 2018 la Commissione ha presentato una relazione elaborata conformemente all'articolo 126, paragrafo 3 del TFUE a causa dell'inadempienza - ad un primo esame - da parte dell'Italia della regola del debito nel 2016 e 2017. Il rapporto ha concluso, dopo una valutazione di tutti i fattori rilevanti, che il debito secondo il criterio definito nel trattato e nel regolamento (CE) n. 1467/97 del Consiglio dovrebbe essere considerato come attualmente rispettato, e che l'apertura di una procedura per i disavanzi eccessivi è pertanto non giustificata, tenuto conto in particolare della conformità ex post dell'Italia riguardo al bilancio  preventivo del 2017. La Commissione riesaminerà la conformità sulla base del messaggio ex post  per il 2018 sui dati che saranno comunicati nella primavera 2019.

Il programma di stabilità 2018 indica che l'impatto sul bilancio dell'afflusso eccezionale dei rifugiati e la protezione contro i rischi sismici è significativa ed è  adeguata la prova della portata e della natura di questi costi di bilancio aggiuntivi. Secondo la Commissione, le spese supplementari ammissibili nel 2017 ammontavano allo 0,16% del PIL per l'afflusso eccezionale di rifugiati ed allo 0,19% del PIL relativo alla protezione contro i rischi sismici.
Le disposizioni di cui all'articolo 5, paragrafo 1, e all'articolo 6, paragrafo 3, del regolamento (CE) n. 1466/97 soddisfano questo requisito per le spese supplementari, in quanto l'afflusso di rifugiati e i rischi sismici sono eventi insoliti, il loro impatto sulle finanze pubbliche italiane è significativo e la sostenibilità non sarebbe compromessa consentendo una deviazione temporanea del percorso di aggiustamento verso l'obiettivo di bilancio a medio termine. Pertanto, l'adeguamento richiesto verso il L'obiettivo di bilancio a termine per il 2017 è stato ridotto per tener conto di questi ulteriori costi.

L'11 luglio 2017 il Consiglio ha raccomandato all'Italia di garantire un tasso nominale di riduzione della spesa pubblica primaria di almeno lo 0,2% nel 2018, corrispondente a un anno di adeguamento strutturale dello 0,6% del PIL. Allo stesso tempo, è stato affermato che la valutazione del progetto di piano di bilancio 2018 e la successiva valutazione dei risultati del bilancio 2018 saranno necessari per tenere debitamente conto dell'obiettivo di raggiungere una posizione di bilancio che contribuisca a rafforzare la ripresa in corso e garantire la sostenibilità delle finanze pubbliche. A seguito della valutazione della Commissione sulla capacità di ripresa in Italia durante il periodo concesso nella debita considerazione delle sue sfide per la sostenibilità, svolte nel contesto del suo parere di merito, il progetto di bilancio italiano del 2018 prevede uno sforzo strutturale di almeno lo 0,3% del PIL richiesto per il 2018, senza alcun margine aggiuntivo di deviazione superiore a un anno. Questo corrisponde a un tasso nominale di crescita della spesa pubblica primaria netta non superiore allo 0,5%. Tenendo conto di ciò nella valutazione generale, sulla base delle previsioni della  primavera 2018 della Commissione, vi è comunque il rischio di una deviazione significativa dal percorso di aggiustamento raccomandato verso l'obiettivo di bilancio a medio termine nel 2018.

Nel 2019, in considerazione del rapporto debito pubblico / PIL dell'Italia relativo al 60% del PIL ed un disavanzo previsto della produzione dello 0,5%,  il tasso di crescita nominale della spesa pubblica primaria netta dovrebbe essere non superiore allo 0,1%, in linea con l 'adeguamento strutturale dello 0,6% del PIL derivante dal matrice dei requisiti del patto di stabilità e crescita.  A politiche invariate, c'è il rischio di una deviazione significativa rispetto al requisito nel 2019 e per il 2018 e il 2019. A prima vista l'Italia non prevede di rispettare la regola del debito nel 2018 e 2019. Inoltre, con circa il 130% del PIL, l'elevato rapporto debito pubblico italiano implica grandi risorse destinate a coprire i costi di servizio del debito, a scapito di altri elementi che possono migliorare la crescita compresa l'istruzione, l'innovazione e le infrastrutture. Nel complesso, il Consiglio è del parere che le misure necessarie dovrebbero essere prese a partire dal 2018 per conformarsi alle disposizioni del Patto di stabilità e crescita. In tale contesto l'utilizzo di guadagni inaspettati per ridurre ulteriormente il generale il rapporto debito / PIL sarebbe prudente.

L'attenzione della UE punta, quindi, i suoi strali su:
La spesa pensionistica italiana per vecchiaia, pari a circa il 15% del PIL, tra le più alte dell'Unione. Le passività implicite derivanti dall'invecchiamento della popolazione sono state frenate dalla pensione con le passata riforme, migliorando la sostenibilità a lungo termine dell'Italia anche attraverso un graduale aggiustamento dell'età pensionabile alla speranza di vita. Tuttavia, sia i budget del 2017 che quelli del 2018 contenevano disposizioni che parzialmente hanno invertito tali riforme. L'Italia ha una quota maggiore di popolazione sopra i 65 anni rispetto alla media dell'Unione.  Si prevede che ciò aumenterà ulteriormente nel tempo, peggiorando il grado di dipendenza. Pertanto, si prevede che le spese pensionistiche aumenteranno nel medio termine.
Secondo la UE l'elevata percentuale di pensioni di vecchiaia nella spesa pubblica limita anche altre spese sociali, comprese quelle  per combattere la povertà e gli elementi di spesa che accrescono la crescita come l'istruzione, di cui condividono le azioni di spesa  in calo dall'inizio degli anni 2000. Pur rispettando i principi di equità e proporzionalità, risparmi considerevoli potrebbero essere raggiunti intervenendo riguardo ai diritti pensionistici non compensati da contributi.

Il sistema fiscale italiano pesa molto sul capitale e sul lavoro, con effetti negativi per la crescita economica. Nonostante la recente estensione di incentivi fiscali mirati, l'onere fiscale sui fattori di produzione sono ancora tra i più alti dell'Unione, scoraggiando gli investimenti e l'occupazione. C'è spazio per ridurlo in modo neutrale dal punto di vista del bilancio, spostando verso la tassazione basi meno dannose per la crescita, come proprietà e consumo. La tassa annuale sulla proprietà per le prime abitazioni è stata abrogata nel 2015, anche per le famiglie più abbienti. Inoltre, i valori catastali della proprietà sono in gran parte superati e una riforma per allinearne i valori con il mercato corrente  sono ancora in sospeso. Il numero e la dimensione delle spese fiscali, in particolare nel caso delle aliquote di imposta sul valore aggiunto ridotte sono particolarmente elevate e la loro razionalizzazione è stata ulteriormente rinviata nonostante sia richiesto dalla legislazione nazionale. C'è anche lo scopo di ridurre l'onere per le imprese conformi e le famiglie riducendo la complessità del codice fiscale e aumentare il livello generale di conformità fiscale.
L'estensione della fatturazione elettronica obbligatoria a tutte le transazioni del settore privato dal 2019 rappresenta un passo positivo in questa direzione. Tuttavia, sono state aumentate le soglie legali per i pagamenti in contanti, che potrebbero scoraggiare l'utilizzo di pagamenti elettronici il cui carattere obbligatorio può migliorare la conformità fiscale. d'Italia L'Istituto nazionale di statistica stima che l'economia sommersa ammonti a circa il 12,6% di PIL nel 2015 ma non è stata pianificata alcuna azione strategica per affrontare questa sfida. Circa il 15,9% dell'occupazione totale è parzialmente o completamente non dichiarata, con punte che raggiungono il 50% in alcuni settori.

Gli investimenti sono diminuiti drasticamente durante la crisi e non sono ancora tornati al livello del 2007. Nonostante l'aumento nel 2017, il livello degli investimenti è ancora basso rispetto ad altri paesi dell'Unione paesi. Gli investimenti privati ??sono stati particolarmente bassi, frenati da fattori strutturali. Questi includono un ambiente imprenditoriale meno favorevole, vincoli finanziari relativi a mercati dei capitali sottosviluppati, deterioramento dei crediti bancari e mancanza di persone altamente qualificate dovute tra l'altro, alla fuga di cervelli e l'apprendimento permanente limitato. Attività immateriali, come ad esempio ricerca e sviluppo, innovazione e formazione dei lavoratori, sono vitali per la produttività e crescita economica e può aiutare a spiegare le differenze di produttività tra i paesi. Però, l'investimento in tali attività rimane inferiore alla media dell'Unione. Questo è dovuto al gran numero di microimprese, mancanza di specializzazione dell'Italia in settori ad alta intensità di conoscenza, digitalizzazione limitata e competenze digitali. A

Allo stesso tempo, la spesa pubblica complessiva in ricerca e sviluppo ha stato ridotto. Il finanziamento delle piccole e medie imprese continua ad essere elevato dipende dal settore bancario, e il prestito rimane sottomesso nonostante i costi di finanziamento a livelli storicamente bassi. Vi sono anche importanti differenze regionali negli investimenti in ricerca e sviluppo, nell'assunzione di recenti incentivi politici per le imprese innovative e nella qualità di istruzione. Sulla base dell'attuale valutazione dei risultati delle diverse misure industriali messo in atto nelle iniziative "Finanza per la crescita" e "Industria / Impresa 4.0", lo farebbe sembra appropriato istituire un quadro politico a lungo termine per sostenere gli investimenti che è capace rafforzare i diversi fattori che supportano l'innovazione, come la disponibilità di credito, forte base di ricerca, alta istruzione e competenze adeguate. Sembrerebbe anche appropriato considerare le differenze esistenti nei sistemi industriali e di istruzione regionali.

L 'efficienza del sistema giudiziario italiano è migliorata solo leggermente negli ultimi anni, e  la durata del procedimento rimane fonte di preoccupazione, specialmente in casi più elevati. Per, ad esempio, nel 2016, il tempo necessario per risolvere i casi litigiosi civili e commerciali era ancora uno il più alto nell'Unione in tutti i casi. L 'arretrato ha continuato ad aumentare presso il Tribunale di Cassazione ( Corte suprema di Cassazione ), dove rimane il più corposo  dell'Unione pro capite. Un'importante legge di abilitazione che razionalizza le norme procedurali civili e introduce più forte deterrenza contro contenzioso vessatorio è stato sospeso in Parlamento per due anni. Inoltre, tra le misure adottate per contenere contenzioso e rafforzare procedurale disciplina, la procedura semplificata ( rito sommario ) non è diventata quella predefinita in appello tribunali e l'uso del filtro di inammissibilità per i ricorsi rimane incoerente e limitato in seconda istanza, non riuscendo quindi a portare la prevista riduzione nei casi in arrivo. Piuttosto, in 2016 il numero di cause civili in ingresso è aumentato sia in prima che in seconda istanza anche a causa a tassi di ricorso in costante aumento. È stata dichiarata una quota crescente di ricorsi in Cassazione inammissibile nel 2016, confermando una recente tendenza al rialzo. L'abilità della Corte di Cassazione a affrontare il suo caso l'afflusso è stato influenzato negativamente nel contesto di un marcato aumento dei casi  in arrivo principalmente a motivo di casi fiscali (che potrebbero minare il suo ruolo). Un'adeguata applicazione delle norme procedurali, anche contro l'uso improprio del contenzioso, potrebbe anche contribuire a un'amministrazione sana ed efficiente della giustizia

La corruzione rimane una grande sfida per l'ambiente imprenditoriale italiano e il pubblico procurement. L'Italia ha migliorato il suo quadro anticorruzione rivedendo lo statuto di limitazioni, estendendo la protezione degli informatori ai lavoratori del settore privato e meglio allineare il reato di corruzione tra privati ??con standard internazionali. Mentre la riforma adottata dello statuto dei limiti non ferma i termini di prescrizione dopo un primo istanza di condanna, come raccomandato dal gruppo di Stati del Consiglio d'Europa contro La corruzione, potrebbe ridurre la possibilità di un contenzioso criminale abusivo come una tattica dilatoria di avvocati in casi più alti. In quanto tale, può alleviare una preoccupazione di vecchia data che la corruzione i casi vengono prescritti dopo la condanna di prima istanza. La repressione della corruzione potrebbe essere migliorato aumentando l'efficienza della giustizia penale. Nel 2014, l'Italia ha avuto il più grande numero di casi penali in entrata e pendenti nell'Unione in seconda e terza istanza, anche a causa di uno dei più alti tassi di ricorsi della Cassazione. Ciò ha provocato uno dei più lunghi lunghezze dei processi criminali. Incentivare procedure accelerate e scoraggiare gli abusi del processo potrebbe contribuire a rendere più efficace la giustizia penale e la lotta alla corruzione. Inoltre, l'Autorità nazionale anticorruzione ha un ruolo chiave nell'attuazione della nuova quadro di corruzione.

L 'aumento della qualità della pubblica amministrazione italiana avrebbe un impatto positivo sull'ambiente imprenditoriale e gli investimenti e capacità delle imprese di sfruttare le opportunità di innovazione. La grande variazione regionale nella reattività delle amministrazioni nei confronti delle imprese suggerisce che gli imprenditori in aree specifiche devono affrontare ostacoli più grandi quando fanno affari. Nel 2015, a è stata adottata una legge di abilitazione completa che riforma la pubblica amministrazione, con il potenziale per migliorare l'efficienza a vantaggio dell'economia. Entro la fine del 2017, l 'attuazione della riforma è stata completata e ora richiede l' esecuzione, in particolare in Regioni come l'Austria con prestazioni più basse. Sulle imprese di proprietà pubblica, la riforma mira a garantire un migliore allineamento tra le norme che disciplinano le imprese di proprietà pubblica e entità di proprietà. Gli obiettivi dichiarati sono: razionalizzare le imprese di proprietà pubblica tramite fusioni, consolidamenti di quelli non redditizi e privatizzazioni; aumentare l'efficienza di le restanti imprese; ed evitare la futura proliferazione di beni pubblici non essenziali imprese. L'applicazione del nuovo quadro è fondamentale per raggiungere questi obiettivi. In Inoltre, i servizi pubblici locali sono protetti dalla concorrenza (in e per il mercato), impatto sull'efficienza, qualità dei servizi e insoddisfazione dei consumatori. Il La riforma della pubblica amministrazione 2015 prevedeva anche un nuovo quadro di riforma del gestione dei servizi pubblici locali. Tuttavia, nel novembre 2016, la Corte costituzionale ha dichiarato la procedura seguita per adottare alcuni decreti legislativi incostituzionali, tra cui quello sui servizi pubblici locali. Poiché la scadenza del decreto è scaduta nel novembre 2016, a è necessaria una nuova iniziativa legislativa

Miglioramenti del contesto imprenditoriale faciliterebbero l'imprenditorialità, mentre migliorerebbero le condizioni quadro per la concorrenza favorirebbero un'allocazione più efficiente delle risorse e guadagni di produttività. La legge annuale sulla concorrenza 2015 è stata adottata ad agosto 2017 e deve essere correttamente implementato. Tuttavia, persistono notevoli ostacoli alla concorrenza alcuni settori, come i servizi professionali, i trasporti pubblici locali, i settori ferroviario e al dettaglio. Aumentare i processi competitivi per aggiudicare contratti di servizio pubblico e concessioni per l'accesso per i beni pubblici avrebbe un impatto positivo sulla qualità dei servizi. Nell'area degli appalti pubblici, i benefici della recente riforma dipenderanno dal completamento tempestivo della riforma, una coerente applicazione dei piani per l'e-procurement e l'aggregazione e il reale attivazione dell'organismo centrale di aggregazione per il coordinamento delle politiche ( Cabina di regia per gli appalti pubblici ).

La fiducia del mercato nelle banche italiane è aumentata a seguito delle misure adottate nel 2017 per trattare con diverse banche più deboli. Sulla base delle migliori condizioni economiche e di vigilanza pressione, sono stati compiuti progressi nella riduzione dei prestiti in sofferenza, ma lo stock esistente rimane ancora alto. Ciò limita la redditività delle banche e la loro capacità di generare internamente capitale. Il ritmo al quale vengono ceduti i crediti in sofferenza, che comprende approfondire il mercato secondario dei prestiti in sofferenza, deve essere mantenuto al fine di rafforzare ulteriormente la stabilità finanziaria e l'estensione del credito all'economia reale. Ulteriore equilibrio anche la ristrutturazione e il consolidamento dei, anche per le banche piccole e di secondo livello, deve  essere supportato Ciò include il trattamento della redditività strutturalmente bassa delle banche attraverso ottimizzazione completa dei costi e ottimizzazione del modello di business.

Considerando che le varie riforme del governo societario sono in corso, la piena attuazione del le riforme delle grandi riforme delle piccole e medie imprese sosterrebbero il complesso della salute del settore bancario. I quadri di insolvenza e di preclusione rimangono insufficiente supporto per l'elaborazione e la ristrutturazione rapida dei crediti in sofferenza. Adottare e attuare prontamente le misure legislative necessarie per l'insolvenza la riforma contribuirebbe ad affrontare le debolezze strutturali. Misure adottate nel 2016 per accelerare l'applicazione della garanzia da parte delle banche non è ancora stata utilizzata. La struttura per il campo extragiudiziale l'applicazione della garanzia non è ancora pienamente applicabile alle famiglie e solo di recente a aziende.

Nonostante i progressi dovuti a diverse misure politiche adottate negli ultimi anni, l'accesso ai finanziamenti rimane un importante ostacolo agli investimenti e ai finanziamenti per la crescita, in particolare per i piccoli e aziende di medie dimensioni. Il finanziamento delle imprese rimane prevalentemente basato sulle banche, mentre il il mercato dei capitali è sottosviluppato rispetto agli altri paesi dell'Unione. La quota di equità il finanziamento tra le piccole e medie imprese è particolarmente basso, rispetto al Unione media.
L'introduzione della "tolleranza per il capitale sociale" è stata importante riforma, ma il tasso di riferimento è stato successivamente ridotto, mutando il suo impatto positivo.
Promuovere l'accesso ai finanziamenti per le imprese basato sul mercato sarebbe un ingrediente essenziale in diversificare le fonti di finanziamento delle imprese per sostenere gli investimenti e la crescita.

Le istituzioni del mercato del lavoro sono state sostanzialmente riformate negli ultimi anni. Mercato del lavoro le condizioni continuano a migliorare, dal momento che l'occupazione del personale è aumentata dell'1,2% nel 2017 a oltre 23 milioni di persone, di nuovo ai livelli pre-crisi. Il tasso di occupazione (età 20-64) è salito a oltre 62% l'anno scorso, anche se in gran parte guidato da posti di lavoro temporanei. Tuttavia, questo è ancora considerevolmente sotto la media dell'Unione. Il tasso di disoccupazione è sceso all'11,2% nel 2017, ma le ore totali lavorato sono  ancora notevolmente inferiori rispetto a prima della recessione. Nonostante i miglioramenti, a lungo termine e la disoccupazione giovanile rimane alta, mettendo a rischio la coesione sociale e la crescita. Al 20,1% nel 2017 la percentuale di giovani non occupati, educati o in formazione era ancora tra i più alti dell'Unione, con ampie e persistenti differenze regionali.

La contrattazione a livello aziendale o territoriale rimane limitata, anche a causa della prevalenza di piccole dimensioni delle aziende in Italia. Ciò potrebbe impedire ai salari di adattarsi rapidamente alle condizioni economiche locali. A fine febbraio 2018, Confindustria e le tre maggiori organizzazioni sindacali italiane (Cgil, Cisl e Uil) hanno firmato un accordo quadro, sottolineando il ruolo della contrattazione di secondo livello, di accrescere la certezza del diritto stabilendo norme più chiare per la rappresentanza delle parti sociali ai negoziati. I rimborsi fiscali sugli aumenti salariali correlati alla produttività fissati dal secondo livello gli accordi sono stati rafforzati nel 2017, ma la loro efficacia è difficile da valutare. Mentre il numero totale di contratti collettivi è in aumento, solo una piccola parte di essi è firmata dai principali sindacati e associazioni di datori di lavoro.

La riforma delle politiche attive del mercato del lavoro delineata dalla legge sull'occupazione ha registrato scarsi progressi 2017. La formazione e la riqualificazione sono particolarmente importanti alla luce dell'aumento flessibilità nel mercato del lavoro italiano e la crescente quota di contratti a termine. Gli standard di servizio generalmente vincolanti non sono stati ancora implementati e i servizi per l'impiego mancanza di personale e monitoraggio adeguato, anche se la nuova legge di bilancio per il 2018 è stata assegnata risorse finanziarie e umane aggiuntive per i servizi pubblici dell'occupazione alle regioni. Aumentare il numero di dipendenti e assicurarsi che siano sufficientemente qualificati per servizi di collocamento e servizi sociali, è anche fondamentale per la corretta attuazione del regime anti-povertà introdotto nel 2018 e per la Garanzia per i giovani, che mira a fornire giovani bisognosi con un'offerta adeguata di lavoro o di formazione in modo tempestivo

La percentuale di donne che partecipano al mercato del lavoro, sebbene in aumento, rimane una dei più bassi dell'Unione. L'impatto delle recenti misure, incentrate su bonus per i figli neonati,  non è stato valutato dalle autorità italiane. Ma la prova suggerisce che questi trasferimenti di denaro potrebbero non essere efficaci per aumentare la partecipazione delle donne al mercato del lavoro. Inoltre, è improbabile che aumentino il tasso di natalità, che è stato stagnante a livelli molto bassi negli ultimi 20 anni. Una strategia completa per riconciliare manca la vita familiare e il lavoro. Queste carenze sono riflesse dalla mancanza di genere progettazione equilibrata del congedo parentale, modalità di lavoro flessibili e offerta insufficiente di servizi per l'assistenza all'infanzia adeguati e convenienti e di qualità

L'introduzione di misure per aumentare il capitale umano e le competenze contribuirebbe a migliorare l'occupabilità e soddisfare i futuri bisogni del mercato del lavoro. La qualità generale della scuola in Italia sta migliorando, ma persistono ampie differenze regionali. La proporzione di studenti che lasciano la scuola senza un diploma rimane al di sopra della media dell'Unione, in particolare tra gli studenti nati all'estero (30,1% rispetto alla media dell'Unione del 19,4%). L'attuazione della riforma scolastica è in generale sulla strada e l'istruzione e la formazione professionale stanno migliorando. Istruzione terziaria, severamente sottofinanziato con una spesa pubblica che rappresenta meno dello 0,4% del PIL, è caratterizzato da alti tassi di abbandono e periodi di studio prolungati. Di conseguenza, il livello di istruzione è uno dei più bassi dell'Unione (26,9% della popolazione tra 30 e 34 anni). Il tasso di partecipazione nei programmi di apprendimento per adulti è in aumento ma rimane ancora tra i più bassi dell'Unione, soprattutto per gli adulti poco qualificati. Upskilling e reskilling dovrebbero essere incoraggiati, mentre i datori di lavoro dovrebbero essere incoraggiati a fornire maggiori opportunità di apprendimento per la forza lavoro. L'attuazione della strategia nazionale globale sulle competenze è stata avviata nell'ottobre 2017 sarà cruciale

Diversamente dalla tendenza dell'Unione, il tasso di persone a rischio di povertà o esclusione sociale è continuato ad aumentare e al 30% nel 2016 era ben al di sopra della media dell'Unione. Questo colpisce particolarmente bambini, lavoratori temporanei e migranti. La disuguaglianza di reddito è alta e in aumento. Nel 2016, il il reddito del 20% superiore delle famiglie era 6,3 volte superiore a quello del 20% più povero. Questo rapporto è ancora più alto per le persone che lavorano, escluso l'impatto redistributivo delle pensioni.

L'introduzione di un nuovo schema permanente per affrontare la povertà ( Reddito di Inclusione ) rappresenta un importante passo in avanti nelle politiche sociali. Progettato come un trasferimento universale per le persone che soddisfano determinate condizioni di povertà, il governo  dovrebbe aumentare attualmente il basso impatto dei benefici sociali sulla riduzione della povertà. Lo schema è basato sul solido meccanismi di governance e saranno soggetti a una valutazione sistematica. Soprattutto, prevede un sostanziale rafforzamento dei servizi sociali a corto di personale del paese. Più vicino al funzionamento tra servizi sociali e servizi pubblici per l'impiego, nonché l'assegnazione di risorse sufficienti, saranno cruciali per la regolare attuazione della riforma. Lo schema incorpora il precedente regime di assistenza alla disoccupazione (ASDI), come primo passo verso la razionalizzazione della spesa sociale.

Il sistema sanitario italiano fornisce copertura universale e la salute della popolazione è buona nel complesso; tuttavia, i bisogni insoddisfatti di prevenzione incrementano le esigenze di cura e le differenze tra le regioni dell'organizzazione e la qualità delle risposte di  cura persistono. L'Italia ha compiuto alcuni sforzi per assicurare un accesso adeguato all'assistenza sanitaria, anche per la revisione e ampliamento del pacchetto minimo di prestazioni legali dei servizi di assistenza

Nel contesto del semestre europeo 2018, la Commissione ha realizzato una analisi completa della politica economica italiana che è stato pubblicato nel rapporto paese del 2018 . Ha inoltre valutato il programma di stabilità 2018, la riforma nazionale del 2018 Programma e follow-up delle raccomandazioni rivolte all'Italia in precedenti anni. La Commissione ha tenuto conto non solo della loro rilevanza per una fiscalità sostenibile e politica socioeconomica in Italia ma anche in quale misura sono conformi alle norme dell'Unione e orientamenti, vista la necessità di rafforzare la governance economica generale dell'Unione entro il 2010 fornire input a livello dell'Unione nelle future decisioni nazionali.

Alla luce di questa valutazione, il Consiglio ha esaminato il programma di stabilità 2018 e il suo parere  si riflette in particolare nella raccomandazione che segue.
Alla luce del riesame approfondito della Commissione e di questa valutazione, il Consiglio ha esaminato il programma nazionale di riforma 2018 e il programma di stabilità 2018.

Le sue raccomandazioni affermano che l'Italia agisca nel 2018 e 2019 per:

Assicurare che il tasso di crescita nominale della spesa pubblica primaria netta non superi 0,1% nel 2019, corrispondente ad un aggiustamento strutturale annuale dello 0,6% del PIL.

Usi guadagni imprevisti per accelerare la riduzione del rapporto debito pubblico / governo.

Sposti i costi della fiscalita lontano dal lavoro, anche riducendo la spesa fiscale e riformando  i valori catastali obsoleti

  Intensifichi gli sforzi per affrontare l'economia sommersa, anche rafforzando l'uso obbligatorio di pagamenti elettronici attraverso soglie legali più basse per pagamenti in contanti.

Riduca la quota delle pensioni di vecchiaia nella spesa pubblica per creare spazio per altre spese sociali.

Riduca la lunghezza delle cause civili in tutti i casi applicando e snellendo le regole procedurali, comprese quelle all'esame del legislatore.

Ottenga  più efficace prevenzione e repressione della corruzione riducendo la durata dei processi penali e attuare il nuovo quadro anti-corruzione. Garantisca l'applicazione del nuovo quadro per le imprese di proprietà pubblica e aumentare l'efficienza e la qualità dei servizi pubblici locali. Affronti le restrizioni alla concorrenza, anche nei servizi, anche attraverso un nuovo annuale diritto della concorrenza

Mantenga il ritmo di riduzione dell'alto stock di crediti deteriorati e ulteriore sostegno per la ristrutturazione e consolidamento del bilancio bancario, anche per piccole e medie dimensioni banche e attuare prontamente la riforma dell'insolvenza.

Migliori l'accesso basato sul mercato della finanza per le imprese.

Acceleri l'attuazione della riforma delle politiche attive del mercato del lavoro per garantire parità di accesso per un'efficace assistenza e formazione nella ricerca di un lavoro.

Incoraggi la partecipazione al mercato del lavoro di donne attraverso una strategia globale, razionalizzando le politiche di sostegno alle famiglie e aumentare la copertura delle strutture per l'infanzia.

Promuova la ricerca, l'innovazione, le competenze digitali e infrastrutture attraverso investimenti più mirati e accrescere la partecipazione educazione terziaria orientata.(22/06/2018-ITL/ITNET)

Altri prodotti editoriali

Contatti

Contatti

Borsa italiana
Borsa italiana

© copyright 1996-2007 Italian Network
Edizioni Gesim SRL − Registrazione Tribunale di Roma n.87/96 − ItaliaLavoroTv iscrizione Tribunale di Roma n.147/07