Direttore responsabile Maria Ferrante − mercoledì 26 giugno 2019 o consulta la mappa del sito
italialavorotv.it

Sponsor

ECONOMIA NEL MONDO - OUTLOOK OCSE : "A DIECI ANNI DALLA CRISI FINANZIARIA FORTE RALLENTAMENTO ECONOMIA. CRESCITA STABILIZZATA VERSO IL BASSO. AUMENTA DIVARIO SOCIALE"

(2019-05-21)

  "Un anno fa, l'OCSE ha messo in guardia su come le incertezze commerciali e politiche avrebbero potuto danneggiare significativamente l'economia mondiale e contribuire ulteriormente al divario crescente tra le persone. Un anno dopo, lo slancio globale si è indebolito in modo marcato e la crescita è destinata a rimanere scadente mentre persistono le tensioni commerciali. Il commercio e gli investimenti hanno subito un forte rallentamento, soprattutto in Europa e in Asia. La fiducia delle imprese e dei consumatori si è indebolita, con la produzione manifatturiera in calo." A riassumere il quadro economico del rapporto OCSE è  Laurence Boone, Chief Economist dell'OCSE

In risposta a quegli avvertimenti, afferma Boone, e condizioni finanziarie si sono allentate mentre le banche centrali si sono mosse verso posizioni monetarie più accomodanti, mentre la politica fiscale ha fornito stimoli in una manciata di paesi. Allo stesso tempo, la bassa disoccupazione e una leggera ripresa dei salari nelle principali economie continuano a sostenere redditi e consumi delle famiglie. Complessivamente, tuttavia, le tensioni commerciali stanno prendendo un pedaggio e la crescita globale dovrebbe rallentare solo al 3,2% quest'anno prima di salire fino al 3,4% nel 2020, ben al di sotto dei tassi di crescita visti negli ultimi trent'anni, o anche nel 2017-18 .

Mentre la crescita è stata sincronizzata diciotto mesi fa, sono via via emerse divergenze tra settori e paesi a seconda della loro esposizione alle tensioni commerciali, della forza delle risposte fiscali e delle incertezze politiche. Il settore manifatturiero, in cui prevalgono le catene del valore globali, è stato duramente colpito dalle tariffe e dalla relativa incertezza sul futuro delle relazioni commerciali, ed è probabile che rimanga debole. La crescita degli investimenti delle imprese, anch'essa fortemente legata al commercio, dovrebbe rallentare fino al 1¾ % annuo nel 2019-20, da circa il 3,5% all'anno nel periodo 2017-18.
Tuttavia, i servizi, meno soggetti a barriere commerciali e dove si svolge la maggior parte della creazione di posti di lavoro, continuano a reggere bene. Parallelamente, la crescita si è indebolita nella maggior parte delle economie avanzate, in particolare quelle in cui il commercio e la produzione svolgono un ruolo importante, come Germania e Giappone, con una crescita del PIL inferiore all'1% in entrambi i paesi quest'anno. Al contrario, gli Stati Uniti hanno mantenuto il loro slancio grazie a un sostegno fiscale considerevole, anche se in declino.
La divergenza è anche visibile tra le economie dei mercati emergenti, con l'Argentina e la Turchia che stanno lottando per riprendersi dalla recessione, mentre l'India e altri beneficiano di condizioni finanziarie più semplici e in alcuni casi di sostegno fiscale o quasi fiscale.

Inoltre, l'economia globale continua a dipendere in gran parte dal sostegno politico persistente. Dieci anni dopo la crisi finanziaria, con inflazione contenuta, i bilanci delle banche centrali rimangono a livelli senza precedenti, i tassi di interesse - a breve ea lungo termine - sono storicamente bassi e il debito pubblico, tranne alcuni casi, è molto più ampio. Con poche eccezioni, le economie dei mercati emergenti hanno mantenuto ampi margini di riserva. In breve, le banche centrali hanno appena normalizzato la politica monetaria e il loro sostegno rimane essenziale.

Nel complesso, nonostante un sostegno politico senza precedenti a seguito della crisi finanziaria globale, la ripresa non è stata vigorosa e abbastanza duratura da tradursi in salari più alti e migliori standard di vita. Dal 2010, il PIL pro capite reale, una proxy imperfetta per gli standard di vita, è aumentato solo dell'1,3% annuo nel paese mediano dell'OCSE. Anche se la disoccupazione è al suo tasso più basso in quasi quattro decenni, i salari reali sono previsti in crescita di meno dell'1,5% all'anno nel 2019-20, sotto il ritmo del 2% nel decennio precedente alla crisi nella tipica economia OCSE. Ciò significa che, a dieci anni dalla crisi, gli standard di vita sono migliorati troppo lentamente per ridurre significativamente le disuguaglianze, che si erano ampliate per i due decenni precedenti alla crisi. Ad esempio, per le famiglie medie nelle grandi economie avanzate, il ritmo di aumento del reddito disponibile reale è diminuito dalla crisi, tranne che negli Stati Uniti.

Le prospettive rimangono deboli e ci sono molti rischi al ribasso che gettano un'ombra oscura sull'economia globale e sul benessere delle persone.

In primo luogo, le mediocri prospettive di crescita sono condizionate dall'escalation delle tensioni commerciali, che attraversano le Americhe, l'Asia e l'Europa. Le simulazioni del primo capitolo di questo Outlook mostrano che le rinnovate tensioni tra Stati Uniti e Cina potrebbero ridurre di oltre lo 0,6% il PIL globale in 2-3 anni.

In secondo luogo, la produzione e i servizi non funzionano in modo isolato ma dipendono dalle esportazioni. Mentre i servizi sono rimasti dinamici, fornendo un buffer, è improbabile che si separino per molto tempo dalla produzione. Più di un terzo delle esportazioni manifatturiere lorde proviene da servizi e i servizi contribuiscono, direttamente o indirettamente, a più della metà delle esportazioni globali. Inoltre, la produzione dipende in modo cruciale dagli investimenti, che non sono solo un motore di crescita e di occupazione oggi, ma anche la crescita e gli standard di vita di domani.

In terzo luogo, la Cina rimane fonte di preoccupazione, poiché l'impiego di strumenti monetari, fiscali e assicurativi non solo hanno effetti incerti sull'attività, ma potrebbe continuare a alimentare debito societario non finanziario, già ad un livello record. Stimiamo che una riduzione di 2 punti percentuali della crescita della domanda interna in Cina, sostenuta per due anni e unita all'incremento dell'incertezza, potrebbe ridurre il PIL globale dell'1,5 per cento entro il secondo anno.
Infine, il debito del settore privato sta crescendo rapidamente nelle principali economie. Lo stock globale di obbligazioni societarie non finanziarie è quasi raddoppiato in termini reali rispetto al 2008, vicino a 13 trilioni di dollari, e la qualità del debito si è deteriorata, incluso un aumento del numero di prestiti a leva. Un nuovo periodo di stress finanziario potrebbe scoppiare.
Guardando al futuro, le tensioni commerciali non solo danneggiano le prospettive a breve termine, ma anche le prospettive a medio termine, invitando a un'azione di governo urgente per rinvigorire la crescita. L'economia globale si stava espandendo in sincrono meno di due anni fa, ma le sfide alle relazioni commerciali esistenti e al sistema commerciale multilaterale basato sulle regole hanno fatto deragliare la crescita globale aumentando l'incertezza che deprime gli investimenti e il commercio. Il processo di globalizzazione del secondo dopoguerra guidato da accordi multilaterali che hanno consentito un'apertura commerciale sempre crescente è stato messo in discussione.

In questo contesto, l'OCSE invita caldamente i governi a utilizzare tutti gli strumenti politici a loro disposizione. In primo luogo, sulla base di una diagnosi comune sulle questioni commerciali, tenendo conto dell'interdipendenza delle economie con le catene di produzione divise al di là delle frontiere, è indispensabile riaccendere le discussioni commerciali multilaterali. Quindi, laddove la domanda è debole, ad esempio nell'area dell'euro, piuttosto che basarsi ulteriormente sulla politica monetaria, i governi dovrebbero sfruttare l'ambiente a basso tasso di interesse per integrare gli sforzi strutturali con incentivi fiscali in cui il debito pubblico è relativamente basso.

Tale combinazione può affrontare l'attuale debolezza, migliorando la resilienza e promuovere la crescita a lungo termine in modo sostenibile a vantaggio di tutti. Le priorità politiche comprendono gli investimenti nelle infrastrutture, in particolare il digitale, i trasporti e l'energia verde, il miglioramento delle competenze delle persone e, più in generale, l'attuazione di politiche che favoriscano le pari opportunità.
Ad esempio, nell'area dell'euro, combinando riforme strutturali che sollevano la crescita della produttività di 0,2 punti percentuali all'anno per cinque anni e uno stimolo fiscale triennale dell'ordine dello 0,5% del PIL nei paesi con debito inferiore a finanziare investimenti pubblici non solo possono portare a una maggiore crescita a breve termine, ma aumentare il PIL di circa l'1% a più lungo termine.

Sono necessarie anche riforme per cogliere i benefici della digitalizzazione per tutti. Il capitolo speciale di questo Economic Outlook analizza i cambiamenti derivanti dalla digitalizzazione e il pacchetto di politiche necessarie per aiutare la digitalizzazione a tradursi in una crescita più forte e inclusiva. Le tecnologie digitali cambiano il modo in cui le aziende producono beni e servizi, innovano e interagiscono con altre aziende, lavoratori, consumatori e governi. Queste tecnologie offrono un enorme potenziale per migliorare la produttività aziendale e, in definitiva, gli standard di vita, ma i guadagni sono stati finora deludenti. Negli ultimi decenni la produttività del lavoro ha subito un forte rallentamento nei paesi dell'OCSE e solo una piccola parte delle "imprese superstar" sta beneficiando della digitalizzazione. La debole crescita della produttività ha portato a una crescita lenta delle retribuzioni e le attività di routine svolte da lavoratori a bassa e media capacità sono sempre più automatizzate. Queste tendenze hanno implicazioni di vasta portata per gli standard di vita e l'inclusività.

I governi e le aziende devono implementare una serie di politiche per promuovere una trasformazione digitale efficiente e inclusiva. Per sfruttare i vantaggi della digitalizzazione è necessario modificare le pratiche commerciali, l'organizzazione del lavoro e la composizione delle competenze che implicano una vasta ridistribuzione delle risorse all'interno e tra aziende e industrie. Questi cambiamenti possono richiedere tempo e comportare costi di adeguamento transitori che possono essere dolorosi per i gruppi vulnerabili. Sono quindi necessarie una serie di riforme: l'istruzione per migliorare le capacità cognitive delle persone; formazione per aumentare le competenze tecniche e manageriali; accesso commerciale alle capacità di finanziamento per gli investimenti in attività immateriali e in R & S, in particolare nel capitale netto; nonché l'evoluzione della politica della concorrenza per adeguare l'ambiente normativo alle modifiche ai modelli di business creati dalla trasformazione digitale e garantire un'efficace riallocazione delle risorse. Se i governi e le aziende intervengono per colmare queste lacune, l'adozione delle tecnologie digitali e i guadagni derivanti dalla digitalizzazione potrebbero finalmente essere all'altezza delle nostre aspettative.

Nell'ultimo anno, alcuni rischi al ribasso per la crescita globale si sono materializzati mentre l'incertezza del commercio e delle politiche ha indebolito la fiducia delle imprese e delle famiglie. La crescita è destinata a rimanere scadente mentre persistono le tensioni commerciali, contribuendo al contempo al divario tra le persone. I governi possono e devono agire insieme per ripristinare una crescita che sia sostenibile e benefica per tutti. (21/05/2019-ITL/ITNET)

Altri prodotti editoriali

Contatti

Contatti

Borsa italiana
Borsa italiana

© copyright 1996-2007 Italian Network
Edizioni Gesim SRL − Registrazione Tribunale di Roma n.87/96 − ItaliaLavoroTv iscrizione Tribunale di Roma n.147/07