Direttore responsabile Maria Ferrante − venerdì 20 settembre 2019 o consulta la mappa del sito
italialavorotv.it

Sponsor

ECONOMIA NEL MONDO - OUTLOOK OCSE: IL PUNTO SU DIGITALIZZAZIONE : L'INVITO DELL'OCSE AI GOVERNI : PROCEDERE AD UN APPROCCIO COMPLETO PER SFRUTTARE POTENZIALI COMPLEMENTARIETA': PROGETTO GOING

(2019-05-21)

Le tecnologie digitali stanno trasformando le nostre vite e le nostre economie. Cambiano il modo in cui le aziende producono beni e servizi, innovano e interagiscono con altre aziende, lavoratori, consumatori e governi.
Queste tecnologie sembrano offrire un enorme potenziale per migliorare la produttività aziendale e in definitiva gli standard di vita. Ad esempio, il cloud computing offre alle aziende accesso a capacità di archiviazione e elaborazione dei dati flessibili, le piattaforme online possono rendere più fluide le interazioni con i consumatori e l'intelligenza artificiale consente loro di automatizzare attività sempre più complesse (OCSE, 2019a).

Tuttavia, nonostante la digitalizzazione in corso, negli ultimi decenni la crescita della produttività del lavoro è diminuita drasticamente tra i paesi dell'OCSE. Questo non è solo un problema di misurazione. Le incertezze sulla misurazione della produttività sono aumentate, in particolare a causa della digitalizzazione e della crescente importanza delle attività immateriali (ad esempio algoritmi, dati) e meritano ulteriori ricerche, ma la maggior parte dei ricercatori valuta che l'errata misurazione non è la ragione principale del rallentamento della produttività osservato.

Il rallentamento della produttività riflette sia una minore crescita della produttività dei multifattori sia una debole accumulazione di capitale.
Ha cause multiple e in parte interconnesse, alcune correlate alla crisi finanziaria globale e alle sue conseguenze (ad esempio riduzione della disponibilità di credito che influisce sugli investimenti tangibili e immateriali) e alcuni a fattori strutturali, come il declino del dinamismo delle imprese e la scarsa performance dei bassi -produttività.
Il rallentamento della produttività è iniziato prima della crisi e, un decennio dopo la crisi, la crescita della produttività rimane debole nonostante alcuni recenti miglioramenti. Ciò suggerisce che i fattori strutturali svolgono un ruolo importante nel rallentamento.

I guadagni di produttività aggregati derivanti dalla digitalizzazione non sono stati sufficientemente ampi da compensare questi venti contrari, almeno non fino ad oggi. Ciò contrasta con la fine degli anni '90, quando una precedente ondata di digitalizzazione associata in particolare alla diffusione di personal computer ha sollevato la crescita della produttività, almeno negli Stati Uniti. I deludenti guadagni di produttività derivanti dall'attuale ondata di digitalizzazione sono diventati un grande puzzle economico, a volte chiamato il "paradosso della produttività moderna" in riferimento al precedente paradosso della produttività formulato da Robert Solow nel 1987.
Far luce su questo paradosso richiede uno sguardo dettagliato a i canali attraverso i quali la digitalizzazione può supportare la produttività e gli standard di vita, i motivi per cui possono essere compromessi e le politiche che possono attivarli.

Questo capitolo sostiene che la digitalizzazione ha sostenuto la produttività, ma che i guadagni in termini di produttività a livello di economia sono stati deludenti a causa di carenze in fattori e politiche chiave complementari. Infatti, le tecnologie digitali sono caratterizzate da forti complementarità (i) tra le tecnologie stesse; (ii) con le capacità e le risorse delle imprese, come le competenze tecniche e manageriali, il capitale organizzativo, l'innovazione e la capacità di finanziamento; e (iii) con politiche che promuovano la concorrenza e un'efficiente riassegnazione delle risorse nell'economia. Le carenze in questi fattori complementari hanno rallentato la diffusione delle tecnologie digitali e ridotto i benefici associati alla produttività.

Gli utili derivanti dalla digitalizzazione non si sono diffusi equamente tra le imprese. Le imprese che hanno un migliore accesso a competenze tecniche, manageriali e organizzative chiave hanno beneficiato più delle altre imprese. Queste aziende tendevano già ad essere più produttive rispetto alla media delle imprese e la digitalizzazione ha contribuito ad aumentare il loro vantaggio. Inoltre, i bassi costi marginali e gli intensi effetti di rete che caratterizzano determinate attività digitali tendono a beneficiare di un numero limitato di aziende "superstar" altamente produttive che le altre aziende lottano sempre più per competere. Anche nelle industrie relativamente a bassa tecnologia (ad es. Alloggio e servizi di ristorazione), la crescente disponibilità di valutazioni e recensioni di utenti online tende a spostare la domanda verso le imprese più produttive. In prospettiva, le nuove tecnologie, come l'intelligenza artificiale, che richiedono competenze complesse, grandi investimenti intangibili (ad esempio in R & S, algoritmi e dati) rischiano di aumentare ulteriormente il margine delle imprese più produttive rispetto a quelle meno produttive.

Queste tendenze hanno implicazioni di vasta portata per gli standard di vita e l'inclusività. La debole crescita della produttività ha portato a una crescita stagnante dei salari medi, ancor più nei paesi in cui i salari sono "disaccoppiati" dalla produttività negli ultimi decenni (OCSE, 2018a). Inoltre, la crescente dispersione delle prestazioni di produttività tra le imprese si è rispecchiata in una crescente dispersione dei salari medi tra le imprese, contribuendo alle crescenti disparità di reddito tra i lavoratori (Berlingieri et al., 2017). All'interno delle aziende, la digitalizzazione ha finora beneficiato principalmente di lavoratori altamente qualificati, mentre le attività di routine svolte da lavoratori a bassa e media capacità sono state sempre più automatizzate. Allo stesso tempo, una piccola ma in rapida crescita della quota di lavoratori si sta spostando verso accordi di lavoro flessibili su piattaforme "gig economy", dove generalmente godono di minore protezione e minori benefici rispetto ai lavoratori regolari. In futuro, le tecnologie digitali (ad es. La traduzione automatica) potrebbero consentire più automazione e offshoring di determinati compiti di servizio ai paesi a basso salario. 5 Ciò potrebbe potenzialmente portare guadagni di efficienza, ma anche esercitare ulteriore pressione sulle condizioni di lavoro nelle economie avanzate, sollevando questioni cruciali sul futuro del lavoro (OCSE, 2019c).

Le politiche hanno un ruolo chiave da svolgere per promuovere una trasformazione digitale efficiente e inclusiva, garantendo che siano messi in atto i fattori complementari necessari. Ciò comporta una serie di priorità, come l'aggiornamento delle competenze, la garanzia di un accesso adeguato ad Internet ad alta velocità, la promozione di un'efficace riassegnazione delle risorse tra le imprese e all'interno delle imprese, affrontando nuove sfide in termini di concorrenza (ad esempio effetti di rete basati sui dati e costi di commutazione nella piattaforma online mercati), affrontando i potenziali pregiudizi dei sistemi finanziari e fiscali contro gli investimenti immateriali e la transizione verso più servizi pubblici digitali. Inoltre, il ruolo centrale dei dati nelle economie digitali e le sue implicazioni per le politiche richiedono ulteriori analisi.

Per sfruttare le potenziali complementarità tra le politiche, è giustificata un'agenda politica coerente basata su un approccio completo del governo e occorre affrontare anche questioni più ampie legate alla digitalizzazione, quali la tassazione, i rapporti di lavoro, la protezione dei consumatori, la privacy, la fiducia e la sicurezza informatica. (OCSE, 2019a). Poiché la digitalizzazione è di natura globale, un ulteriore dialogo internazionale su questioni quali l'interoperabilità normativa e normativa e le politiche di concorrenza e fiscali, è fondamentale. Infine, poiché la digitalizzazione non inclusiva può minare l'uguaglianza di opportunità e esacerbare le lacune di reddito, i responsabili politici dovrebbero sforzarsi di colmare "divisioni digitali" e creare le condizioni per aiutare i lavoratori meno qualificati e le imprese meno produttive a raggiungere i migliori risultati. Migliorare le competenze è una priorità chiave in questo senso.

Il progetto Going Digital dell'OCSE:

Il progetto Going Digital è un'iniziativa dell'OCSE per esaminare in che modo la trasformazione digitale influisce sul processo decisionale in un ampio spettro di aree politiche. Il progetto riunisce le competenze di tutti i pertinenti comitati e organismi dell'OCSE per trarre insegnamenti dalle esperienze nazionali e dalla sperimentazione politica nei paesi dell'OCSE e in altre economie.

La prima fase del progetto è culminata con il Going Digital Summit del marzo 2019 e la pubblicazione di due relazioni di sintesi: "Going Digital: Shaping Policies, Improveing ??Lives" e "Measuring the Digital Transformation: A Roadmap for the Future". Ha identificato sette dimensioni politiche che consentono ai governi - insieme a cittadini, imprese e parti interessate - di plasmare la trasformazione digitale e migliorare la vita: 1) accesso; 2) uso; 3) innovazione; 4) lavori; 5) prosperità sociale; 6) fiducia; e 7) apertura al mercato.

La seconda fase del progetto si svolgerà nel 2019-20. Mira ad aiutare i paesi ad attuare un approccio politico integrato alla trasformazione digitale, in particolare attraverso l'ulteriore sviluppo del Going Digital Toolkit (inclusi indicatori, note politiche ed esempi di politiche innovative) e le revisioni nazionali Going Digital. Affronterà inoltre nuove opportunità e sfide attraverso l'analisi delle tecnologie di frontiera, in particolare l'intelligenza artificiale e la blockchain, con un'attenzione continua a posti di lavoro, competenze e inclusione sociale, e su produttività, concorrenza e strutture di mercato (compreso il ruolo in evoluzione delle piattaforme e delle PMI) .

Per ulteriori informazioni, consultare https://www.oecd.org/going-digital/ . (21/05/2019-ITL/ITNET)

Altri prodotti editoriali

Contatti

Contatti

Borsa italiana
Borsa italiana

© copyright 1996-2007 Italian Network
Edizioni Gesim SRL − Registrazione Tribunale di Roma n.87/96 − ItaliaLavoroTv iscrizione Tribunale di Roma n.147/07