Direttore responsabile Maria Ferrante − giovedì 14 novembre 2019 o consulta la mappa del sito
italialavorotv.it

Sponsor

ECONOMIA NEL MONDO - OUTLOOK OCSE - FRANCIA : 2019--20 CRESCITA 1,3%. EXPORT IN FRENATA, RIDUZIONE IMPOSTE E MISURE D'EMERGENZA FRENANO REDDITO MA DOMANDA INTERNA E CONTRIBUTI SOCIALI SOSTENGONO CRESCITA

(2019-05-21)

    La ratio della presenza di una consistente comunita' italiana in Francia, anche se ormai abbastanza consolidata , ed il collegamento allo statu quo delle difficolta' del mondo del lavoro in Europa invita ad una riflessione sulle previsioni "certificate"  OCSE dell'economia francese :

La crescita economica dovrebbe essere dell'1,3% nel 2019-20. Le condizioni economiche globali peseranno sulle esportazioni, ma le riduzioni delle imposte e l'impatto delle misure di emergenza sociale stanno frenando il reddito disponibile e il consumo. Condizioni di finanziamento favorevoli e margini di profitto aziendali più alti modereranno la decelerazione degli investimenti. Le riforme del mercato del lavoro in corso aiuteranno anche la creazione di posti di lavoro e promuoveranno l'inclusività. Il tasso di disoccupazione scenderà all'8,5% alla fine del 2020, mentre l'inflazione core si rafforzerà solo leggermente.

Il deficit di bilancio diminuirà progressivamente, nonostante un aumento temporaneo dovuto a una riforma del credito fiscale nel 2019. Nonostante ciò, gli sforzi di consolidamento restano limitati e un'ulteriore riduzione della spesa non prioritaria è necessaria per ridurre stabilmente il rapporto debito pubblico / PIL e abbassare le tasse. Inoltre, continuare a rafforzare l'educazione della prima infanzia e i programmi di riqualificazione, oltre a ridurre l'uso eccessivo di contratti a breve termine, genererebbe una crescita più inclusiva. L'ulteriore apertura delle professioni regolamentate aumenterebbe anche il dinamismo economico e l'occupazione.

L'attività economica è resiliente

La domanda interna sta sostenendo la crescita. Il potere d'acquisto delle famiglie è aumentato drasticamente. I guadagni occupazionali sono rimasti forti e l'abbassamento della tassa sulla casa, i maggiori benefici sul lavoro e alcuni tagli ai contributi sociali hanno avuto effetto. L'inflazione dei prezzi al consumo è diminuita dopo il calo del prezzo del petrolio alla fine del 2018. Il tasso di disoccupazione è diminuito e la dipendenza dai posti di lavoro sovvenzionati e dai contratti a breve termine è diminuita. La crescita dei salari ha accelerato e le carenze per posti di lavoro altamente qualificati sono in aumento. Dopo una debole fine del 2018, il consumo di beni durevoli è in aumento e la fiducia delle famiglie si sta riprendendo, ma il tasso di risparmio delle famiglie rimane elevato.

I consumi pubblici hanno continuato a crescere a un ritmo moderato e gli investimenti dei governi locali sono rimbalzati. Gli inizi degli alloggi hanno continuato a indebolirsi e le vendite di case si sono stabilizzate, anche se ad un livello elevato. Gli investimenti delle imprese, in particolare delle attività immateriali, sono stati robusti, in quanto il clima imprenditoriale e le condizioni di finanziamento rimangono favorevoli. Le esportazioni sono state frenate da consegne consistenti nei settori della costruzione navale e dell'aeronautica, nonostante una decelerazione complessiva della domanda esterna.

Ulteriori riforme aiuterebbero a rendere la crescita più inclusiva

Il disavanzo fiscale aumenterà a causa di una riduzione una tantum delle imposte sulle imprese nel 2019, ma nel 2010 si ridurrà al 2,3% del PIL. Le misure volte a ridurre l'onere fiscale per le famiglie e le imprese e maggiori benefici sul lavoro compenseranno ampiamente per spese pubbliche correnti più basse, nonché aumenti delle tasse sul tabacco. Queste misure miglioreranno anche gli incentivi all'occupazione e miglioreranno la performance economica. Tuttavia, il debito pubblico rimarrà storicamente elevato.

Ulteriori sforzi per tagliare le spese inefficienti e non prioritarie sono fondamentali per lasciare spazio alle riduzioni delle imposte in corso, ricostruire i buffer fiscali e porre il debito pubblico su un sentiero in declino. L'uso efficace di revisioni mirate della spesa sarà particolarmente importante per ridurre la sovrapposizione delle responsabilità dei governi sub-centrali e per identificare le aree in cui vi è spazio per razionalizzare la pubblica amministrazione. La revisione sistematica delle spese fiscali e delle imposte a basso reddito, tenendo conto dei loro benefici per le famiglie a basso reddito, promuoverà anche l'attività economica e una struttura fiscale più redistributiva.

Il recente programma di riforma contribuirà a migliorare l'inclusività, le competenze e la qualità del lavoro. L'attuazione delle riforme del lavoro del 2017 consentirà di allineare meglio gli stipendi a livello di impresa e l'andamento della produttività e incoraggiare l'assunzione di contratti a tempo indeterminato. Il finanziamento aggiuntivo per la formazione di lavoratori scarsamente qualificati e disoccupati, la revisione della formazione professionale e la maggiore attenzione per l'apprendistato miglioreranno le competenze e assicureranno migliori risultati di lavoro. Le misure pro-business (la legge PACTE) faciliteranno anche l'ingresso e la crescita duri. La rapida attuazione delle cure sanitarie e delle riforme pensionistiche potrebbe anche favorire l'inclusione e la crescita a lungo termine. Tuttavia, la mobilità sociale rimane debole e i tassi di occupazione sono bassi per molti gruppi svantaggiati. Sono necessari ulteriori sforzi per facilitare l'ingresso nel mercato del lavoro di giovani poco qualificati, ridurre l'uso eccessivo di contratti a breve termine e migliorare l'accesso all'istruzione precoce e alla mobilità sociale di alta qualità, nonché garantire una migliore formazione e carriere più lunghe per lavoratori più anziani. Inoltre, continuare ad aumentare la concorrenza in alcuni settori dei servizi rafforzerebbe l'occupazione e la crescita della produttività.

La domanda interna guiderà la crescita

La crescita economica dovrebbe rimanere all'1,3% nel 2019-20. Le tasse sulle famiglie più basse, l'impatto delle misure di emergenza sui lavoratori a basso reddito e pensionati, le condizioni di finanziamento ancora favorevoli e il calo dei prezzi del petrolio aumenteranno il potere d'acquisto delle famiglie e il consumo privato. Ciò sosterrà anche una lenta ripresa degli investimenti immobiliari. Il mercato del lavoro per i lavoratori qualificati rimarrà stretto, in linea con il calo dei guadagni occupazionali. Tuttavia, la dinamica commerciale più debole peserà sulle esportazioni e sugli investimenti delle imprese. Il mercato del lavoro in corso e le riforme fiscali sosterranno gli investimenti e le esportazioni delle imprese.

La crescita dei consumi potrebbe risultare più forte o più debole del previsto, poiché è difficile prevedere l'impatto dei cambiamenti fiscali in atto sul risparmio. Gli effetti di minori imposte e oneri sociali sulle imprese e il temporaneo miglioramento della loro situazione finanziaria nel 2019 potrebbero portare a investimenti più forti del previsto che aumenterebbero l'attività economica. Tuttavia, le imprese potrebbero preferire abbassare il proprio debito, il che indebolirebbe la crescita. Le turbolenze dei mercati finanziari rinnovate, l'incertezza del commercio e una Brexit disordinata potrebbero anche ridurre le esportazioni e gli investimenti, mentre il livello storicamente elevato del debito privato riduce i margini di aggiustamento per le famiglie e le imprese.(21/05/2019 -ITL/ITNET)

Altri prodotti editoriali

Contatti

Contatti

Borsa italiana
Borsa italiana

© copyright 1996-2007 Italian Network
Edizioni Gesim SRL − Registrazione Tribunale di Roma n.87/96 − ItaliaLavoroTv iscrizione Tribunale di Roma n.147/07