Direttore responsabile Maria Ferrante − mercoledì 3 giugno 2020 o consulta la mappa del sito
italialavorotv.it

Sponsor

ECONOMIA - EUROPA /INDUSTRIA - DALLA GERMANIA LEMB (SINDACATO IG METALL): "LA STRATEGIA INDUSTRIALE EUROPEA RIMANE MOLTO SUL VAGO DI FRONTE A SFIDE CAMBIAMENTO CLIMATICO, DIGITALIZZAZIONE GLOBALIZZAZIONE E TECNOLOGIE FUTURE"

(2020-05-05)

  "L'UE ha bisogno di una moderna politica industriale per far fronte alle sfide del cambiamento climatico, della digitalizzazione, della globalizzazione e delle tecnologie future. Il prerequisito per la sua attuazione è una strategia proattiva globale che delinea gli obiettivi di innovazione e politica industriale per i settori più importanti, insieme alle parti sociali." Lo afferma Wolfgang Lemb, ai vertici della IG Metal dal 2013 commentando in una lettera aperta la strategia industriale della Commissione Europea

"La strategia industriale recentemente pubblicata della Commissione europea mira a migliorare la competitività del continente. Ma soffre del fatto che la struttura del bilancio dell'UE non è stata ancora decisa. Nessuno sa quando gli Stati membri concorderanno su quale contributo ammonta per gli anni decisivi dal 2021 al 2027. Senza un quadro finanziario concreto, difficilmente sarà possibile padroneggiare le sfide del processo di trasformazione industriale e le conseguenze economiche e industriali a lungo termine dell'attuale crisi della corona e formulare in dettaglio le iniziative necessarie."

C'e' un dato di fatto da cui , pero', occorre partire per Lemb: "L'Europa non deve fare affidamento sulle forze libere del mercato
Vi è consenso tra le vecchie barriere ideologiche secondo cui, dato il cambiamento del mercato mondiale, si deve fare qualcosa in modo che l'Europa non venga lasciata indietro a livello industriale, ma al contrario, le attuali catene del valore industriali si stanno espandendo. Abbiamo bisogno di una moderna politica industriale per far fronte alle sfide del cambiamento climatico, della digitalizzazione, della globalizzazione e delle tecnologie future. Quando grandi concorrenti come la Cina perseguono politiche industriali o protezionismo selettivo come gli Stati Uniti, è pericoloso fare affidamento sulle forze del libero mercato. L'Europa perderà in questo gioco se non si registra presto che le vecchie regole del gioco non sono più valide sui mercati mondiali perché i nuovi giocatori hanno introdotto nuove regole.

Giustamente,prosegue Lemb, il documento di strategia non si sofferma sulle discussioni meno redditizie, generalizzando le relazioni tra il mercato e lo stato. Tuttavia, l'inclusione di altre "parti interessate" rimane colpevole. Nel processo di produzione concreta, il successo globale dell'implementazione delle innovazioni tecnologiche nella produzione e diffusione in serie dipende sempre più dalla loro integrazione in innovazioni non tecniche. Questi includono innovazioni a livello di processi operativi, nuovi modelli di business, innovazioni organizzative, normative o istituzionali.

La politica industriale non deve essere considerata isolatamente, ma deve già essere pianificata insieme alle altre sotto-politiche di concorrenza, istruzione, politica sociale e ambientale. Oltre a un'innovazione lungimirante, una politica regionale ed educativa, i cambiamenti strutturali richiedono anche un dialogo con le parti sociali, la popolazione e le ONG.

In questo contesto, non sorprende che il documento nel suo insieme manchi di nitidezza in termini di contenuto e non sia chiaro come si possa plasmare il futuro verde e digitale - entrambi obiettivi chiave del documento di strategia. Ci sono molti piani, ma nessuna iniziativa concreta.

Contrariamente alla politica industriale "classica", i sussidi alla rete non intendono sovvenzionare in modo mirato società di grandi dimensioni, ma piuttosto creare o chiudere catene di valore specifiche del settore da piccole e medie imprese. Questo approccio non ha senso solo in considerazione della crescente importanza delle catene di approvvigionamento complete, ma aiuta anche a evitare le preferenze unilaterali per le grandi aziende. Tuttavia, è stato lasciato aperto fino a che punto ciò dovrebbe tradursi in una promozione selettiva delle singole industrie, filiali e società.

Le sfide della politica industriale sono in realtà evidenti. È importante identificare i settori in cui solo le responsabilità nazionali portano a risultati politici insoddisfacenti e costi inutilmente elevati. Quindi c'è un'enorme necessità di creare un'infrastruttura di ricarica uniforme a livello europeo per le auto elettriche in modo che la loro distribuzione possa finalmente compiere progressi decisivi. La necessità di una rete ferroviaria coordinata europea come prerequisito necessario per l'inversione di tendenza nei trasporti o l'invenzione di tipi di propulsione più ecologici per gli aeromobili.

Fino a 11 milioni di posti di lavoro in materie prime e industrie ad alta intensità energetica e produzione di automobili a rischio
Le fusioni coordinate si sono già dimostrate utili nel caso della produzione di batterie e plastica e potrebbero ora portare avanti la creazione di un mercato dell'idrogeno. Sarebbero necessari circa 5 miliardi di euro per convertire successivamente l'industria siderurgica in idrogeno in tutta Europa. A tale proposito, l '"Alleanza per l'idrogeno pulito", come viene proposto nel documento, deve essere accolta in modo sostenibile e finanziata di conseguenza. Tuttavia, tali iniziative di politica industriale devono essere costantemente verificate in uno scambio con le parti interessate.

Con l'obiettivo proclamato dalla Commissione europea di rendere l'Europa neutrale dal punto di vista climatico entro il 2050, i requisiti, in particolare per l'industria ad alta intensità energetica, continueranno ad aumentare. IG Metall sostiene pienamente gli obiettivi climatici di Parigi. Un ulteriore inasprimento è l'annuncio da parte della Commissione europea di aumentare l' obiettivo di riduzione di CO 2 a livello UE per il 2030 dal 40 al 50 al 55%. Con la sua strategia industriale integrata nel "Green Deal", la Commissione europea vorrebbe promuovere innovazioni rispettose del clima e quindi espandere la leadership tecnologica dell'Europa all'interno della triade Europa-USA-Cina. Per l'Europa, ciò significa investimenti a tre cifre per un valore di miliardi.

Il tempo è breve, sottolinea il sindacalista della IG Metall, ma non è ancora chiaro come le aziende debbano essere specificamente supportate. Gli obiettivi strategici come la decarbonizzazione possono essere raggiunti in modo sostenibile solo con mezzi tecnologici. La Commissione europea ha riconosciuto questo altrettanto chiaramente il ruolo cruciale dell'industria come motore delle tecnologie pulite. Sarebbe stato auspicabile avere nuove e più chiare prospettive su come gli investimenti in queste importanti aree del futuro possano essere realizzati in misura corrispondente. La stessa UE deve investire ingenti somme di denaro aggiuntivo nella trasformazione socio-ecologica dell'economia.

Dunque, conclude l'esponente della IG.METALL, Le preoccupazioni della Confederazione europea dei sindacati dovrebbero essere prese sul serio che il "patto verde" pianificato dalla Commissione europea potrebbe ulteriormente esacerbare le differenze economiche e sociali tra gli Stati membri occidentali e orientali. Sono a rischio fino a 11 milioni di posti di lavoro nelle materie prime, nelle industrie ad alta intensità energetica e nella produzione di automobili. Ecco perché è proprio per queste industrie che è necessaria una chiara prospettiva futura europea. Ma al momento non è riconoscibile.

Per il prossimo futuro, i politici dell'UE probabilmente parleranno solo in video a causa della pandemia di Covid 19. Ma adesso, quando si tratta di affrontare le conseguenze economiche della pandemia, una moderna strategia industriale è tanto più importante.

Infine, Lemb tiene a sottolineare un punto: "Dal punto di vista sindacale, il documento di strategia dell'UE ha un grande spazio vuoto: il ruolo dei dipendenti. Una moderna strategia industriale pone i dipendenti e i comitati aziendali come motori dell'innovazione al centro della futura redditività delle aziende. La promozione della tecnologia come parte centrale della politica industriale deve essere intesa in modo più ampio e, oltre alle innovazioni tecniche, includere anche le innovazioni sociali nei settori dell'istruzione, del mercato del lavoro, dell'ambiente, dei cambiamenti climatici, dell'energia, dei trasporti, della mobilità, della salute e del lavoro su una base di uguaglianza. Questo è qualcosa di molto più completo della "acquisizione di competenza" enfatizzata più volte nel documento.

Anche nell'attuale strategia industriale dell'UE, domina una visione incentrata sulla tecnologia, che enfatizza la "implementazione top-down" delle innovazioni tecnologiche. Dipendenti e comitati aziendali svolgono qui un ruolo "a valle" e non sono visti come motori attivi del cambiamento tecnologico. Tuttavia, numerosi studi dimostrano che le aziende con comitati aziendali sono significativamente più produttive.

Dal punto di vista sindacale, i dipendenti e i comitati aziendali come motori dell'innovazione sono al centro della redditività futura
Questi aumenti della produzione si basano su processi di negoziazione praticati nell'ambito della codeterminazione e vanno ben oltre le classiche "innovazioni dell'officina". Nelle classifiche internazionali dell'innovazione, quei settori con i più alti livelli di organizzazione sindacale, compresi i comitati aziendali forti (automobilistico, ingegneria meccanica, chimica) sono descritti come particolarmente produttivi. Un potenziale eccezionale per l'Europa.

Dal punto di vista sindacale, una vera strategia di politica industriale in Europa è attesa da tempo. Ora il tempo è essenziale. Ciò sarà particolarmente evidente nei prossimi mesi quando si tratterà delle conseguenze economiche e industriali della pandemia della corona. Negli ultimi anni, IG Metall in particolare ha ripetutamente chiesto un concetto politico globale per mantenere un valore aggiunto industriale e un "buon lavoro". L'aspetto degli effetti delle trasformazioni attese nell'industria sui lavoratori interessati è ed è stato al centro dell'interesse di IG Metall.

Sono inclusi i seguenti punti chiave:

Il quadro normativo a livello europeo deve essere adattato alle mutevoli condizioni della concorrenza globale. Regolamentazioni essenziali - come aiuti di Stato e controllo della concorrenza, fiscalità, condizioni generali di politica industriale e strutturale - stanno diventando sempre più uno svantaggio competitivo perché gli investitori stranieri non ne sono vincolati.
Dati i deficit nell'infrastruttura e le sfide della decarbonizzazione, è essenziale un programma di investimenti pubblici per il futuro. Questo per modernizzare l'infrastruttura e modellare il processo di trasformazione attraverso investimenti statali e supporto agli investimenti. Gli investimenti avviati dal governo hanno spesso portato alla nascita di nuovi prodotti e quindi di nuovi mercati.
Una parte degli utili generati dovrebbe pertanto fluire allo Stato o agli enti pubblici di finanziamento se la ricerca e gli investimenti sono finanziati con successo. Allo stesso tempo, le società finanziate dovrebbero impegnarsi a generare una quota corrispondente del loro valore aggiunto nella rispettiva area di finanziamento. Clausole appropriate dovrebbero essere incluse nei programmi di finanziamento.
I criteri di "buon lavoro" devono essere integrati come criterio di finanziamento fisso nei programmi di finanziamento del governo, nell'assegnazione di fondi pubblici e negli appalti pubblici: salari collettivi, lavoro a tempo indeterminato, definizione di standard qualitativi di lavoro. In tale contesto, IG Metall chiede anche il coinvolgimento di organismi di codeterminazione nel processo di concessione e controllo dei fondi statali.

E Lemb conclude "Questa è una prima risposta ai requisiti già visibili di plasmare il nostro futuro industriale nell'interesse dei dipendenti. Il prerequisito per la loro attuazione, tuttavia, è una strategia globale e proattiva che delinei gli obiettivi di innovazione e politica industriale per i settori più importanti, insieme alle parti sociali. È necessaria una tabella di marcia con le attrezzature finanziarie appropriate per plasmare l'industria in Europa". (05/05/2020-ITL/ITNET)

Altri prodotti editoriali

Contatti

Contatti

Borsa italiana
Borsa italiana

© copyright 1996-2007 Italian Network
Edizioni Gesim SRL − Registrazione Tribunale di Roma n.87/96 − ItaliaLavoroTv iscrizione Tribunale di Roma n.147/07