Direttore responsabile Maria Ferrante − venerdì 23 ottobre 2020 o consulta la mappa del sito
italialavorotv.it

Sponsor

ECONOMIA E FINANZA - POST COVID - OCSE: "PIL MONDIALE -4,5% (2020) + 5% (2021) EUROZONA -7,9% E 5,1% NEL 2021. ITALIA -10,5% E +5,4% 2021

(2020-09-16)

  Mentre la pandemia COVID-19 continua a minacciare i posti di lavoro, le imprese, la salute e il benessere di milioni di persone, in mezzo a incertezze eccezionali, il ripristino della fiducia sarà fondamentale per la ripresa e l'adattamento delle economie, secondo l'analisi delle prospettive economiche intermedie dell'Ocse.

Dopo aver sperimentato un crollo senza precedenti nella prima metà di quest'anno, la produzione economica ha registrato una rapida ripresa a seguito dell'allentamento delle misure di contenimento e della ripresa iniziale dell'attività, ma la ripresa ha vacillato recentemente. Secondo il rapporto, le nuove restrizioni imposte in alcuni paesi per far fronte alla recrudescenza del virus hanno probabilmente rallentato la crescita.

Vi è ancora una notevole incertezza e la forza della ripresa varia in modo significativo a seconda dei paesi e dei settori. Le prospettive di una crescita economica inclusiva, resiliente e sostenibile dipenderanno da piu'  fattori, tra cui la probabilità di ulteriori ondate di infezioni, il rigore con cui gli individui aderiscono alle linee guida e alle restrizioni sanitarie, la fiducia dei consumatori e le imprese e la misura in cui le iniziative del governo per preservare i posti di lavoro e aiutare le imprese riusciranno a stimolare la domanda.

Secondo le previsioni presentate nell'Interim Economic Outlook , il PIL globale dovrebbe diminuire del 4½% quest'anno, prima di riprendere una crescita del 5% nel 2021. Queste previsioni sono meno negative di quelle del l' Economic Outlook pubblicato a giugno dall'OCSE, soprattutto grazie ai risultati migliori del previsto registrati in Cina e Stati Uniti nel primo semestre di quest'anno e alle massicce risposte fornite dalle autorità pubbliche. Tuttavia, entro la fine del 2021, la produzione sarà ancora inferiore in molti paesi rispetto alla fine del 2019 e significativamente al di sotto delle previsioni fatte prima della pandemia.

Se la minaccia di COVID-19 svanisse più rapidamente del previsto, una maggiore fiducia delle imprese e dei consumatori potrebbe fornire un forte impulso all'attività globale nel 2021. Tuttavia, una più forte ripresa della pandemia o più misure di contenimento politiche rigorose potrebbero tagliare da 2 a 3 punti percentuali dal tasso di crescita globale nel 2021, portando a una disoccupazione ancora più elevata e a un periodo prolungato di investimenti lenti.

Durante la presentazione dell'Interim Economic Outlook , che copre le economie del Gruppo dei Venti (G20), l'economista capo dell'OCSE Laurence Boone ha affermato: “Il mondo sta affrontando una grave crisi sanitaria e un rallentamento economico. più spettacolare che abbia conosciuto dalla seconda guerra mondiale. La fine non è ancora in vista, ma c'è ancora molto che i governi possono fare per contribuire a ripristinare la fiducia ”.

Ed ha aggiunto: “È importante che le autorità non commettano l'errore di inasprire troppo rapidamente la politica fiscale, come è successo dopo l'ultima crisi finanziaria. Senza un sostegno pubblico continuo, i fallimenti e la disoccupazione potrebbero aumentare più velocemente di quanto dovrebbero e incidere sui mezzi di sussistenza delle persone per diversi anni. Le autorità pubbliche hanno un'opportunità unica per attuare piani di ripresa realmente sostenibili, volti a riavviare l'attività e investire nell'essenziale modernizzazione digitale delle piccole e medie imprese e in infrastrutture, trasporti e abitazioni verdi, per ricostruire un'economia migliore e più verde ”.

Secondo il rapporto, si teme che molte aziende dei settori dei servizi più colpite dalle sospensioni di attività, come i trasporti, l'intrattenimento e le attività ricreative, diventeranno insolventi se la domanda non si riprenderà, il che causerebbe la perdita di posti di lavoro su larga scala. È probabile che l'aumento della disoccupazione aumenti anche il rischio di povertà di reddito e deprivazione materiale per milioni di lavoratori informali, soprattutto nelle economie di mercato emergenti.

La velocità con cui i governi di molti paesi hanno reagito per attutire lo shock iniziale sui redditi e sui posti di lavoro ha impedito un calo ancora più marcato della produzione. Secondo l' Interim Economic Outlook , è essenziale che i governi non ripetano gli errori commessi nelle passate recessioni e che mantengano accordi di sostegno fiscale, finanziario e di altro tipo nell'attuale fase di ripresa e nel 2021. Questi accordi dovrebbero essere abbastanza flessibile da adattarsi alle mutevoli condizioni e diventare più concentrato.

Il rinnovo diell' aiuto pubblico deve essere, pero', sempre più subordinato al raggiungimento di obiettivi ambientali, economici e sociali più generali. Una migliore destinazione degli aiuti a coloro che ne hanno più bisogno migliorerà le loro prospettive, in particolare quelle dei disoccupati e delle persone poco qualificate - che troppo spesso non hanno l'opportunità di formarsi - e dei giovani. Il rapporto riconosce che deve essere raggiunto il giusto equilibrio tra la necessità di fornire un sostegno immediato alle economie per rafforzare la ripresa e la necessità di incoraggiare i lavoratori e le imprese nei settori più colpiti a tornare alle attività. più promettente.

Gli aiuti devono anche essere destinati alle imprese redditizie e sostituire il finanziamento con capitale proprio al finanziamento del debito, al fine di aiutarle a investire nella trasformazione digitale, nonché nei beni e servizi di cui la nostra società avrà bisogno in futuro. nei prossimi decenni. Nei loro piani di ripresa, le autorità devono impegnarsi in modo molto più risoluto nella lotta ai cambiamenti climatici, in particolare subordinando gli aiuti a maggiori investimenti in energia, infrastrutture, trasporti e abitazioni verdi.

Inoltre, sapendo che il virus continua a diffondersi, investire nel personale e nei sistemi sanitari deve rimanere una priorità. La cooperazione e il coordinamento globali sono essenziali, secondo l'OCSE, poiché saranno necessari maggiori finanziamenti e sforzi multilaterali per garantire la rapida diffusione di vaccini e cure a prezzi accessibili in tutti i paesi, una volta saranno disponibili.

La pubblicazione dell'Interim Economic Outlook fa seguito a una tavola rotonda ministeriale dell'OCSE, durante la quale il Segretario generale Angel Gurra ha invitato i paesi ad andare oltre nel "greening" rispetto a quanto annunciato che hanno annunciato per combattere gli effetti della crisi COVID-19, in modo che queste misure siano vettore di una crescita economica sostenibile, inclusiva e resiliente e migliorino il benessere.

"Il cambiamento climatico e la perdita di biodiversità sono le prossime crisi che dobbiamo affrontare e stiamo finendo il tempo per affrontarle", ha detto. "Le misure di recupero verde sono una soluzione vantaggiosa per tutti perché sono in grado di migliorare l'equilibrio ambientale, stimolando l'attività economica e migliorando il benessere di tutti".

Per leggere il rapporto completo e ottenere maggiori informazioni, vedere il rapporto economico intermedio in linea. È possibile accedere agli altri lavori dell'OCSE sulle risposte del governo alla pandemia sulla sua piattaforma di informazioni online su COVID-19 .

Se il Pil mondiale diminuirà del 4,5% nel 2020, prima di aumentare del 5% nel 2021, il Pil dell'eurozona diminuirà del -7,9% nel 2020 prima di tornare a crescere, al 5,1%, nel 2021.
E, sempre secondo le stime intermedie dell'organismo internazionale, la Germania segnerà un -5,4% nel 2020 e un +4,6% nel 2021. Quanto alla Francia si prevede un -9,5% nel 2020 e un +5,8% nel 2021. Mentre il Pil dell'Italia diminuirà del 10,5% nel 2020 prima di tornare a crescere in positivo, al 5,4% nel 2021. (16/09/2020-ITL/ITNET)

Altri prodotti editoriali

Contatti

Contatti

Borsa italiana
Borsa italiana

© copyright 1996-2007 Italian Network
Edizioni Gesim SRL − Registrazione Tribunale di Roma n.87/96 − ItaliaLavoroTv iscrizione Tribunale di Roma n.147/07