Direttore responsabile Maria Ferrante − sabato 28 novembre 2020 o consulta la mappa del sito
italialavorotv.it

Sponsor

ECONOMIA ITALIANA - EUROPA - COMITATO EUROPEO REGIONI : URGENTE BISOGNO INVESTIMENTI. RITARDI SU BILANCIO UE E RECONVERY FUND METTONO A RISCHIO VITA PERSONE E LA STESSA UE

(2020-11-20)

  Con oltre 11 milioni di persone infette e più di 270.000 morti in Europa la crisi pandemica ha sottolineato il ruolo essenziale di tutti gli enti regionali, intermedi e locali nella fornitura di servizi pubblici più vicino ai cittadini il più possibile. Gestiscono tutte le azioni sanitarie necessarie a livello locale come le misure di quarantena e la ricerca dei contatti.

André VIOLA , Presidente della CEPLI *, la Confederazione europea degli enti locali intermedi, e membro del Comitato europeo delle regioni, ha dichiarato durante il suo discorso di apertura alla conferenza  « Autorità locali intermedie: una rete di sicurezza per i nostri cittadini nel mondo lotta alla crisi Covid  » :

“I nostri territori sono direttamente influenzati dagli impatti dei cambiamenti socio-economici, ambientali, generazionali e demografici che stanno interrompendo lo sviluppo sostenibile delle nostre società. La crisi Covid è così emersa in mezzo al difficile contesto di tutte le suddette sfide. Le competenze affidate agli Enti Intermedi Locali ci portano ad intervenire direttamente con i nostri concittadini per mitigare questi impatti economici e sociali. Non dimentichiamo che un'Europa senza i suoi poteri locali, intermedi e regionali è un'Europa senza i suoi cittadini e territori, un progetto vuoto senza futuro ".

A nome della più grande confederazione europea di autorità locali intermedie: contee, province, dipartimenti e tutte le autorità locali simili, chiediamo agli Stati membri dell'UE e alle istituzioni europee:

1. per coordinare le azioni in tutta l'UE e istituire un adeguato sostegno finanziario e sanitario per gli enti locali e regionali nella loro lotta contro Covid-19 e

2.Dare alle autorità locali intermedie accesso diretto alle nuove opportunità di finanziamento nell'ambito della Next Generation EU al fine di attenuare l'impatto degli effetti socio-economici negativi della crisi del Coronavirus

3. e, insieme al Comitato europeo delle regioni, includere le autorità locali intermedie nei futuri negoziati sull'Unione europea della sanità, nonché nella Conferenza per il futuro dell'Europa.

Intervenendo durante la conferenza, il presidente Tzitzikostas ha osservato: " I presidenti di regioni e leader locali di ogni città, provincia e contea in Europa sono gli eroi non celebrati che proteggono vite ed economie. Hanno urgente bisogno di investimenti: i ritardi nel concordare il budget dell'UE e i piani di ripresa mettono a rischio la vita delle persone e la nostra Unione. Non commettiamo errori: un piano di ripresa che soddisfi solo i bisogni nazionali fallirà. Le autorità regionali e locali rappresentano la metà degli investimenti pubblici dell'UE e un esigenze delle loro comunità ".

Manuel BALTAR , Presidente di Partenalia, Presidente della Diputación de Ourense, Vicepresidente della CEPLI - Spagna, ha dichiarato: " Aiuti finanziari diretti per i lavoratori autonomi, edifici pubblici a disposizione del personale medico, comitati direttivi per garantire un efficiente ripresa economica, informazione quotidiana ai cittadini: la crisi COVID ha dimostrato, ancora una volta, che le province sono gli elementi strutturanti dei nostri territori e che sono nella posizione migliore quando si tratta di mitigare gli impatti dei principali fattori economici, sociali e sanitari shock e accompagnare i cittadini durante tali disagi ”.

Luca MENESINI , membro del CdR, ha dichiarato: " Durante la crisi del COVID le Province italiane sono state coinvolte nella gestione dell'emergenza. Nel 2020 il budget che le Province hanno destinato agli investimenti è aumentato del 14% rispetto all'anno precedente, dando un importante contributo alla ripresa. Questa crisi ci offre l'opportunità di pensare a un nuovo modello di sviluppo secondo le linee guida dell'UE, ma questo modello deve avere come protagonisti gli enti locali ”.

" La crisi Coronavirus mostra ancora una volta quanto sia importante affrontare le sfide in Europa insieme e in modo coordinato. Isolarsi ora e suggerire che la minaccia viene dall'esterno è la strada sbagliata e un segnale fatale. Ciò di cui abbiamo bisogno è coesione e solidarietà. . Sono lieto che molte persone abbiano dimostrato la loro disponibilità ad aiutarsi a vicenda negli ultimi mesi. Ciò che funziona su piccola scala deve applicarsi anche al quadro generale: solo unita l'Europa può superare le crisi del nostro tempo  ", ha affermato  Hauke ??JAGAU , Presidente della Regione di Hannover, portavoce del Deutscher Landkreistag - Germania.

Serge HUSTACHE , Presidente della Provincia de Hainaut, Presidente dell'APW aggiunge: " Le Province hanno raccolto le grandi sfide, spesso inedite, che si sono presentate loro. Hanno saputo prendere parte in un approccio di apertura e solidarietà con altri attori istituzionali si sono confrontati con questa crisi ".

Andrzej PLONKA (Presidente della contea di Bielsko Biala, Presidente della ZPP - Polonia) ha dichiarato: "Guardando alla scala globale, la lotta alle pandemie dipende dalle azioni intraprese dalle organizzazioni internazionali, dai governi e dalle aziende farmaceutiche. Ma in termini di trattamento efficace, il L'attuazione concreta delle misure necessarie spetta alle Autorità locali intermedie, perché la scala territoriale delle loro attività le predestina a questo ruolo. Le autorità di livello intermedio in molti paesi sono anche responsabili degli ospedali e di elementi importanti del sistema di gestione delle crisi. Riunione CEPLI odierna dimostra chiaramente questa tesi. "

Alin-Adrian NICA , Presidente del Consiglio della contea di Timis, membro del Comitato europeo delle regioni tra il 2007 e il 2020 - Romania, ha dichiarato:  "La pandemia ha spinto un balzo in avanti nel processo di digitalizzazione, ha generato un ripensamento delle politiche e dei finanziamenti di solidarietà dell'UE e evidenziato la necessità di accantonamenti adeguati per il recupero e il trasferimento di autorità al livello intermedio locali -. comprovata rete di sicurezza per i cittadini in crisi abbiamo bisogno di sfruttare queste opportunità, altrimenti abbiamo imparato niente! “

Jan OLBRYCHT , eurodeputato, correlatore sul QFP 2021-2027 ha dichiarato: " Il danno economico e sociale causato dalla pandemia di coronavirus richiede un intervento urgente per il sostegno finanziario. Pertanto, il ruolo del piano di ripresa è così vitale nel prevenire gli effetti di crisi. Qualsiasi ritardo nell'adozione del pacchetto UE per la ripresa potrebbe avere un impatto molto grave sul risanamento dell'economia durante la crisi. Va sottolineato che i fondi per la ripresa economica saranno particolarmente necessari agli enti locali e regionali, che sono in prima linea combattere la pandemia. "

----------------------------------------------------------------------
* CEPLI è la prima confederazione europea che riunisce associazioni nazionali che rappresentano 1.167 autorità locali intermedie di sei paesi europei (Belgio, Bulgaria, Francia, Germania, Polonia e Romania) e due reti europee di autorità locali intermedie, Arco Latino e Partenalia.

Fondata nel 2008 per il 50 ° anniversario del Trattato di Roma come rete di cooperazione delle autorità locali intermedie in tutta Europa, la Confederazione europea delle autorità locali intermedie lavora per aumentare la loro partecipazione al processo decisionale europeo, per rappresentare i loro interessi presso livello, per stabilire uno scambio permanente di informazioni e buone pratiche tra le comunità locali, per rafforzare la coerenza e la visibilità dei loro interventi sul territorio europeo, e per facilitare progetti di cooperazione congiunta tra di loro. (20/11/2020-ITL/ITNET)

Altri prodotti editoriali

Contatti

Contatti

Borsa italiana
Borsa italiana

© copyright 1996-2007 Italian Network
Edizioni Gesim SRL − Registrazione Tribunale di Roma n.87/96 − ItaliaLavoroTv iscrizione Tribunale di Roma n.147/07