Direttore responsabile Maria Ferrante − giovedì 28 gennaio 2021 o consulta la mappa del sito
italialavorotv.it

Sponsor

ECONOMIA ITALIANA - BREXIT/ACCORDO COMMERCIALE - COMMISSIONE COMMERCIO EUROPARL : BENE ACCORDO MA ESAME APPROFONDITO. MANCA REGIME SU INDICAZIONI GEOGRAFICHE"

(2021-01-11)

Oggi gli eurodeputati della Commissione commercio hanno accolto con favore i risultati dell'accordo tra l'UE e il Regno Unito, ma hanno promesso un esame dettagliato dell'accordo prima di una decisione di consenso.
Alla prima discussione sull'accordo commerciale e di partenariato UE-Regno Unito concluso il 24 dicembre 2020, i deputati si sono compiaciuti di aver evitato il precipizio di un no-deal che avrebbe portato un disastro per cittadini e aziende. Molti di loro, tra cui Heidi Hautala (Verdi / ALE, FI), hanno affermato che il risultato è stato "più soddisfacente" del previsto. Il correlatore sulla procedura di consenso Christophe Hansen (PPE, LU) ha sottolineato: "questa era la prima volta che stavamo organizzando un divorzio e non un matrimonio come di solito facciamo per gli accordi commerciali".

Divergenza non convergenza: Liesje Schreinemacher (Renew, NL) e altri eurodeputati hanno accolto con favore, in particolare, l'inclusione di standard in materia di protezione ambientale, cambiamento climatico e area di lavoro che non possono essere sottoquotati, il divieto di localizzazione dei dati, mentre il presidente della commissione per il commercio Bernd Lange (DE, S&D ) ha salutato il primo capitolo sulla sostenibilità negli accordi commerciali dell'UE che prevede sanzioni.
Pur accogliendo favorevolmente l'accordo di libero scambio "divergenza non convergenza" per garantire un accesso senza dazi al mercato britannico proteggendo il mercato unico, i deputati si sono tuttavia rammaricati che il Parlamento non abbia avuto il tempo di considerare la sua approvazione prima che l'accordo entrasse in applicazione provvisoria. “Questa era una strategia del Regno Unito per ottenere concessioni dell'ultimo minuto e per non avere voce in capitolo nel proprio parlamento. Avremmo preferito una corretta ratifica ”, ha rimarcato Hansen.

Esame accurato e questioni in sospeso
La commissione esaminerà ora a fondo l'accordo, comprese le sue "parti in sospeso" invece di mero timbro di gomma, hanno promesso diversi deputati del commercio tra cui Kathleen Van Brempt (S&D, BE). Si sono rammaricati, ad esempio, della mancata partecipazione del Regno Unito al programma Erasmus + o della mancanza di un accordo più approfondito sui servizi finanziari. Altri eurodeputati hanno mancato un regime sulle future indicazioni geografiche per proteggere i prodotti europei.

Ruolo parlamentare nell'attuazione
La maggior parte dei deputati ha insistito sul fatto che istituzioni democraticamente elette come il Parlamento devono avere un ruolo nell'attuazione e nel monitoraggio dell'accordo o nella selezione dei membri del collegio arbitrale. Geert Bourgeois (ECR, BE) ha sottolineato il ruolo futuro di un organo interparlamentare nel mantenimento del dialogo, mentre Helmut Scholz (GUE / NGL, DE) ha chiesto un ruolo dei sindacati e delle ONG nell'arbitrato delle violazioni della concorrenza leale.

La commissione per il commercio discuterà l'accordo insieme alla commissione per gli affari esteri il 14 gennaio . Le due commissioni voteranno alla fine sulla proposta di approvazione e una risoluzione di accompagnamento preparata dai due relatori Hansen e Kati Piri (S&D, NL) alla fine di febbraio oa marzo . (11/01/021-ITL/ITNET)

Altri prodotti editoriali

Contatti

Contatti

Borsa italiana
Borsa italiana

© copyright 1996-2007 Italian Network
Edizioni Gesim SRL − Registrazione Tribunale di Roma n.87/96 − ItaliaLavoroTv iscrizione Tribunale di Roma n.147/07